ACCESSORI

Dainese D-air Street

All’Eicma è stato (finalmente) presentato il D-air Street, l’airbag ad attivazione elettronica di Dainese. Lo abbiamo toccato con mano: ecco le nostre prime impressioni.

€ 1.208
Dainese D-air Street

Cosa e quanto protegge

Il D-air Street protegge il torace, la schiena e la clavicola; inoltre limita l’inclinazione della testa rispetto al collo e riduce i movimenti del casco durante il rotolamento. I test svolti dalla casa secondo gli standard europei in vigore per le protezioni del torace (la prEN 1621.3/2010) e della schiena (EN 1621.2),  mostrano che il D-air Street diminuisce la forza trasmessa di più dell’87% rispetto alle protezioni di tipo tradizionale per il torace e del 75% rispetto a un paraschiena  di livello 2.



Interfaccia utente semplificata

Abbiamo testato rapidamente insieme agli ingegneri di Dainese il “cuore del sistema”, ossia l’interfaccia utente che permette di dialogare con tutto il sistema, che (ricordiamo) si basa su una serie di sensori collocati su moto e pilota. Tramite il grosso display digitale, collocato a fianco della strumentazione di tipo tradizionale, è possibile verificare il corretto funzionamento e l’accensione del sistema (che avviene in concomitanza con quella della moto), la connessione al pilota, lo stato di carica della batteria, eventuali malfunzionamenti del dispositivo e la scadenza alla quale il dispositivo va portato in revisione.



Ha la certificazione del Tüv tedesco

Al momento non esiste una certificazione europea di riferimento per gli airbag ad attivazione elettronica. Esiste solo la proposta di normativa per la certificazione degli airbag ad attivazione meccanica (è la prEN1621/4 del 2009), ma non può essere applicata al D-air Street perché non prevede il test delle parti elettroniche. Per questo bisognerà aspettare un’apposita normativa ancora allo studio. La Dainese ha scelto il metodo "fai-da-te" facendo certificare il D-air Street dall’istituto indipendente Tüv Süd che ha dovuto definire un severo piano di valutazione (che ha previsto ben 800 test) per certificare i dispositivi elettronici dell’airbag e il dispositivo preposto alla trasmissione delle onde radio tra moto e pilota.


Un po’ di numeri

150.000: sono i chilometri che gli ingegneri di Danese hanno percorso su strada per verificarne l’affidabilità
32: è il numero di crash test e test di impatto contro barriere effettuati per la messa a punto del D-air Street condotti in conformità allo standard ISO 13232
5.000: il numero di ore impiegate per testare in modo approfondito il complesso algoritmo di attivazione del meccanismo di protezione
975: è il numero di test condotti per verificare che il dispositivo si attivi solo quando serve passando su 18 tipi diversi di ostacolo e con 13 differenti modelli di motocicliclette


In arrivo in primavera

Come già detto, il D-air Street funziona senza alcun collegamento fisico con il mezzo ed è composto da due parti: quella installata sulla moto denominata M-kit e da quella inserita nella giacca chiamata J-kit.
La parte destinata alla moto M-Kit comprende:
  • i due accelerometri montati sulla forcella
  • il sensore di scivolata montato sotto la sella
  • l’Unità Centrale di Elaborazione dei Segnali con display interfaccia utente
La parte da indossare denominata J-kit comprende:
  • il sistema pneumatico composto da due sacchi ad alta pressione con un volume totale di 12 litri e due generatori di gas a tecnologia fredda
  • il sistema elettronico preposto al dialogo con l’unità centrale montata sulla moto e al gonfiaggio
  • l’alloggiamento per la Sim Card per il riconoscimento del sistema giacca-pilota
  • le batterie
  • il pulsante di accensione/spegnimento e segnalatore di anomalie



Il dispositivo sarà disponibile da aprile a prezzi piuttosto "salati". L'M-Kit 459 euro per l'M-Kit; il J-Kit invece viene venduto assieme alla giacca e il prezzo varia in base al tipo di giacca. Il gilet D-Air Street Waistcoast costa 749 euro; la giacca in tessuto D.Air Street Tex, costa 999 euro; la giacca in Gore-Tex, la D-Air Street Gore-Tex costa 1540 euro. L'M-Kit si compra una sola volta e si installa sulla moto, mentre il J-kit non si può “trasportare” da una giacca all’altra: bisogna comprare le varie giacche o usare il gilet con altre giacche "normali".



 

 



COMMENTI
Ritratto di sic78
sic78 BMW Serie R R 1200 R 2011
14 Novembre 2011 ore 23:28
un sistema sicuramente utile, ma troppo incasinato, 1000 sensori e costa parecchio, non tutti si possono permettere queste cifre, soprattutto in questi momenti!
Ritratto di siculo
23 Novembre 2011 ore 18:08
a parte il prezzo salatissimo, il fatto che il sistema J-Kit non si possa "trasportare" da una giacca ad un'altra,lo trovo poco pratico.
ACCESSORI CORRELATI
  • Giacche
    18 Ottobre 2021
    Arriva dal marchio francese Segura questo giubbotto che in realtà sono due, perché due sono le versioni proposte: Laxey quella per uomo e Lady Laxey quella per donna. Si tratta di un capo in robusta pelle di bufalo e dal design metropolitano che permette di usarlo anche quando la moto è rimasta in garage
  • Accessori
    24 Aprile 2018
    Il configuratore online 3D di Dainese permette al cliente di disegnarsi in completa autonomia la tuta o la giacca dei sogni. Si scelgono i colori, gli accessori e le eventuali scritte personalizzate, si salva il modello e, presso uno dei centri autorizzati, si tocca con mano il materiale e si prendono le misure
  • Accessori
    21 Ottobre 2016
    Ecco il nuovo completo da gara Dainese: casco Pista GP R e tuta Mugello R D-air con air bag esteso che adesso copre anche collo, spalle e clavicole e la parte laterale inferiore della cassa toracica
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
Green Planet