NOVITA' MOTOCICLISMO

Schachermayr vola in Vespa e precipita

Lo stunt austriaco è stato protagonista di un altro expoit, questa volta l’obiettivo era raggiungere i 100 metri di altezza in sella alla sua Vespa in Parasailing. Impresa realizzata in parte con un finale piuttosto rocambolesco

Schachermayr vola in Vespa e precipita
Sempre più in alto
Continuano le folli imprese di Günther Schachermayr, lo stuntman austriaco deciso a diventare famoso per essere il vespista pazzo e spericolato. Lo avete visto arrampicarsi con una Vespa lungo il cavo di una gru, paracadutarsi con la Vespa da un aereo, fare gimkana bendato e su una ruota sola, e molto altro, sempre a caccia di nuovi primati da iscrivere nel Guinness.
Questa volta con la sua Vespa ha volato sull’acqua del lago Wolfgangsee, trainato da un motoscafo e appeso a un kite, un paracadute-aquilone. C’è riuscito ma non è andato tutto liscio.
L’obiettivo era raggiungere 100 metri d’altezza e per questo era necessario arrivare a una velocità di almeno 60 km/h, trainato da un motoscafo da 380 CV. Ma l’insieme Vespa-pilota si è rivelato troppo pesante (il buon Günther non è proprio un fuscello...) e già nello strappo alla partenza Günther ha riportato una lacerazione alla caviglia. Nulla, rispetto a quanto successo dopo: Schachermayr è comunque riuscito a decollare e aveva già raggiunto la considerevole altezza di 75 metri quando il vento ha cambiato direzione, girando a sfavore e facendogli perdere rapidamente quota fino a cadere sull’acqua.
"Mi sono buttato e nuotando sono riuscito a mettermi in salvo su una delle due barche di sicurezza che avevamo predisposto – ha raccontato –. Alla Vespa non è andata altrettanto bene: nell’impatto si è praticamente distrutta. È colata a picco e quando l’abbiamo ripescata abbiamo visto che era gravemente danneggiata, irrecuperabile".
L’impresa comunque è da considerarsi compiuta e il quarantunenne di Steyr non si è perso d’animo: ha già spedito fotografie e video al Guinness Book of Records per l’omologazione. Se, come è probabile, gli verrà concessa, sarà il suo Guinness numero 20.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    10 Settembre 2020
    Oggi come ieri, Vespa di conferma icona di stile ed eccellenza mondiale del design. Premiata con la Menzione d’Onore al Premio Compasso d’Oro ADI, la versione elettrica  di Vespa mantiene “lo spirito pionieristico ed innovatore di un brand”
  • News
    09 Settembre 2020
    Avete visto Guenter Schachermayr rischiare la pelle mentre si dondolava a 130 metri d’altezza da una diga in sella a una Vespa; con la Vespa dotata di paracadute lo avete visto buttarsi da un aereo, scalare l’albero della cuccagna, fare un percorso in immersione e volare con l’aquilone trainato da un motoscafo, sempre seduto sul suo scooter. L’obiettivo è stabilire nuovi record da iscrivere sul Guinness dei Primati.
  • Notizie dalla rete
    24 Agosto 2020
    La Vespa, molto probabilmente, è lo scooter più famoso al mondo. E come tale spesso ha subito tentativi di plagio. L'ultimo in ordine di tempo è quello della tedesca Kumpan che a EICMA 2018 presentò uno scooter parecchio simile a quello di Pontedera. Piaggio all'epoca fece ricorso, ma l'ente dell'Unione Europea che si occupa di brevetti ha dato ragione alla società teutonica