NOVITA' MOTOCICLISMO

BMW R100GS by Moorespeed: distillato di Gelande Strasse

La mitica regina del deserto degli anni Ottanta rivive in questa profonda rielaborazione dello specialista inglese Moorespeed di Northampton. Il motore è stato rivisto per accrescere potenza e coppia, così come la ciclistica per aumentare le già spiccate attitudini off-road della Gelande Strasse, mentre l'estetica è rimasta praticamente quella originale

BMW R100GS by Moorespeed: distillato di Gelande Strasse
GS su misura
Moorespeed è una factory inglese fondata alcuni anni fa da Richard Moore, ingegnere con una lunga esperienza negli sport motoristici e appassionatissimo di BMW in particolare la serie R100 GS, e delle Yamaha XT600 Ténéré. Insomma le regine del deserto degli anni 80. Forte della sua esperienza Richard ha deciso di mettere a punto la versione "definitiva" della R100GS, restando il più aderente possibile alla filosofia del modello nato sull'esperienza delle vittorie alla Parigi-Dakar degli anni Ottanta. La "nuova" GS è più potente e meglio gestibile del modello originale, può ovviamente essere cucita addosso al proprietario, ma la versione "base" da cui si parte è già un gran bell'oggetto. Dal punto di vista della ciclistica, la R100GS Moorespeed monta una forcella Paioli-Kayaba con steli da 46 mm ed escursione di 300 mm, regolabile in estensione e precarico; la pinza freno anteriore è Brembo a due pistoncini con un disco di diametro 320 mm. Il telaio è stato rinforzato con piastre di acciaio tagliate al laser e saldate, mentre il telaietto posteriore è ora più corto e sottile e incorpora un rinforzo aggiuntivo. Il forcellone Monolever sostituisce il Paralever ed è stato allungato (insieme all'albero motore) e lavora con un monoammortizzatore firmato Wilbers, fissato sul braccio oscillante (e non sul mozzo come in origine) per garantire alla sospensione una corsa maggiore; di conseguenza anche il cavalletto centrale è stato modificato. Il motore boxer è stato interamente ricostruito, comprese tutte le superfici esterne, che sono state sabbiate per donare loro un nuovo aspetto. Moorespeed offre un’ampia scelta di opzioni di messa a punto, con diversi pistoni sviluppati ad hoc, valvole sovradimensionate e carburatori particolari. Nella versione base il bicilindrico sviluppa 90 CV a 6.700 giri, ma se si decide di mantenere l'albero motore standard si hanno a disposizione 60 CV  6.500 giri, mentre la coppia è di 104 Nm a 5.000 giri, con albero standard  74 Nm a 3.500 giri. Anche frizione e cambio sono stati rivisti a fondo, così come la trasmissione e l’impianto di scarico. Infine, il cupolino e il parabrezza sono di HPN, mentre il faro anteriore da 7 pollici è di Phillips HiD. Il risultato, promette Moore, è una moto godibilissima in tutte le situazioni e che non ha nulla da invidiare alle rivali più moderne, potendo contare su una ciclistica raffinata e un peso ben al di sotto della soglia dei 200 kg. La voglia di provarla è alle stelle...
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    11 Giugno 2018
    In occasione della 75esima edizione dell’Open d’Italia, è stata svelata una concept bike dedicata a tutti gli appassionati di golf: la BMW R nineT Scrambler “Masters” realizzata in collaborazione con il customizer Unit Garage
  • Fuoriserie
    25 Maggio 2018
    Al Concorso d’Eleganza Villa d’Este, BMW ha offerto l’ormai consueto sguardo verso il futuro con il concept 9cento, una crossover “veloce” dotata del nuovo motore bicilindrico frontemarcia della F 850 e un codino… trasformabile!
  • News
    11 Maggio 2018
    Il monocilindrico rimane lo stesso dell’attuale C 400 X, così come ruote, freni e sospensioni. C’è però più spazio per il passeggero e la forma del muso cambia grazie anche al parabrezza più ampio. I brevetti mostrano uno scooter praticamente concluso, il dubbio resta sulla "versione": potrebbe essere un C 400 Sport o C 400 GT