NOVITA' MOTOCICLISMO

Kawasaki Ninja ZX-6R: ritornerà nel 2019?

La normativa Euro 4 sembrava aver messo fuorigioco la media sportiva di Akashi, ma dai documenti pubblicati dall'ente californiano sulle emissioni sembra possibile un ritorno della Ninja ZX-6R con un motore più pulito

Kawasaki Ninja ZX-6R: ritornerà nel 2019?
Medie immortali (o quasi)
Con l’introduzione della Euro 4, entrata in vigore nel 2017, la classe delle supersportive con motore di 600 cm3 sembrava destinata a scomparire: Honda ha sospeso da tempo la produzione della CBR600RR, così come Triumph ha abbandonato la Daytona 675, mentre i modelli GSX-R600 e GSX-R750 di Suzuki sono scomparsi dai listini. Anche Kawasaki ha lasciato uscire dal listino europeo la ZX-6R, ma la moto rimane in vendita in America e in Giappone. Tra tutti i principali contendenti della classe 600, solo Yamaha ha investito per aggiornare alla Euro 4, la R6.
Ora, fino al 31 dicembre 2018 ai produttori è stata lasciata la possibilità di vendere piccoli lotti di moto Euro 3, oltre tale data solo le Euro 4 potranno essere vendute: Kawasaki è stata inizialmente tra le Case che hanno sfruttato questo vantaggio, insieme a Suzuki, Triumph e MV Agusta. Ma mentre MV ha aggiornato alla Euro 4 la F3 675, le altre Case sono rimaste ferme. Sembra però che Kawasaki sia pronta a lanciare una ZX-636R Euro 4 per il 2019. La conferma arriva dall'America: tra i documenti della California Air Resources Board (CARB) c’è infatti una versione 2019 della ZX-6R con motore di 636 cm3 che prospetta un miglior rendimento in termini di emissioni; in altre parole, il modello 2019 è molto più pulito della versione 2018, quindi è possibile sia in grado di rispettare le norme Euro 4. Secondo il nuovo certificato CARB, la ZX-6R del 2019 manterrà un motore 636 cm3 con lo stesso design di base del vecchio modello, ma con un catalizzatore a tre vie invece di quello a due vie della vecchia versione. Per il resto è lecito attendersi che la ZX-6R 2019 introdurrà pochi cambiamenti per ridurre al minimo i costi di sviluppo. Ci aspettiamo quindi di vedere lo stesso telaio della vecchia moto e forse qualche piccola modifica alle sospensioni e ai freni, resta da capire quanto cambierà nella linea.


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    01 Aprile 2020
    La Kawasaki annuncia il tridente per la grande classica di metà luglio: la formazione sembra anche più competitiva rispetto all'anno scorso, ma il quesito resta sempre lo stesso: si riuscirà a correre? Entro due settimane dovrebbe partire la prevendita dei biglietti e non tutto il motorsport si è ancora fermato in Giappone
  • News
    22 Marzo 2020
    Il brevetto apparso in rete mostra una moto che adotta lo stesso schema di sospensione anteriore che ha reso celebre Bimota, da poco acquisita proprio dalla casa di Hamamatsu. La collaborazione sembra essere proficua e... a doppio senso!
  • News
    11 Marzo 2020
    Coronavirus news - Le nuove misure per combattere l'epidemia di cornavirus estese all'intero territorio nazionale hanno costretto ad annullare tutte le manifestazioni pubbliche fino al 3 aprile, tra le "vittime" anche la prima parte del calendario dei Kawasaki Demo Ride Tour 2020