NOVITA' MOTOCICLISMO

Kawasaki, la moto a idrogeno sarà così?

Parola d’ordine zero emissioni: in quel di Akashi si lavora su nuovi modelli, alcuni elettrici basati sulla tecnologia ibrida ed altri a idrogeno. Base di partenza potrebbe essere, in quest'ultimo caso, il quattro cilindri sovralimentato della H2 che si presterebbe bene alla conversione "green"

Kawasaki, la moto a idrogeno sarà così?
Futuro a idrogeno?
Già impegnata nell’elettrificazione dell’intera gamma, Kawasaki ha scelto di seguire anche un’altra strada, presentando il rendering (qui sopra) di quella che potrebbe essere la sua prima moto a idrogeno. Il progetto si basa sullo sviluppo di un motore a iniezione diretta, infatti per convertire un tradizionale motore a benzina in un’unità alimentata a idrogeno l’iniezione diretta è fondamentale, considerando la necessità di immettere l'idrogeno ad alta pressione solo dopo che il cilindro è stato riempito d'aria. Il fatto che i motori sovralimentati siano i più adatti al passaggio all'idrogeno rispetto a quelli aspirati è un particolare importante, specialmente per Kawasaki, che (non a caso?) ha già sviluppato questa tecnologia con i quattro cilindri montati sui modelli della famiglia H2. A conferma di tutto ciò il rendering mostrato dalla casa giapponese è palesemente ispirato alla Ninja H2 SX...
Certo, la strada è lunga e gli ostacoli per l'adozione dell'idrogeno come carburante ancora numerosi (per esempio come rifornire le stazioni di servizio? Come immagazzinare il carburante in sicurezza? Come garantire anche la sicurezza durante le operazioni di rifornimento?), ma Kawasaki è già impegnata con l’idrogeno nel settore navale e in quello aeronautico, e potrebbe avere già il know-how necessario a risolverli. La domanda non è, a questo punto, come, ma piuttosto quando. Difficile dare una risposta: trattandosi per il momento solo di un rendering, da qui all’arrivo di un vero modello a idrogeno potrebbero passare diversi anni.

Kawasaki a zero emissioni, anche moto ibride
In ogni caso ad Akashi stanno portando avanti anche altri progetti a zero emissioni. Il principale - ve ne parlavamo qui - riguarda per esempio la moto ibrida benzina- elettrica mostrata già nel 2019. Una concept bike spinta da un tradizionale bicilindrico parallelo (quello della Ninja 400) abbinato ad un motore elettrico in grado di funzionare sia in maniera indipendente che in tandem per massimizzare le prestazioni e ridurre comunque i consumi. L'idea è he la moto possa essere guidata in modalità “pura” cioè a benzina lungo strade statali o tangenziali, in modalità elettrica nei centri urbani e “mista” quando ci si vuole divertire col gas. D’altra parte, questo brevetto mostrava anche un pulsante "boost" posto sul blocchetto del manubrio, utile appunto ad aggiungere coppia e potenza "elettrica" a quella a benzina. Una tecnologia di cui non consociamo ancora in modo dettagliato tutte le specifiche, ma per le quali non dovremmo attendere - a differenza di quella basata sull’idrogeno - ancora molto. Kawasaki ha infatti promesso di mettere in commercio almeno 10 nuovi modelli elettrici entro il 2025.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    05 Agosto 2022
    Con la mobilità elettrica si presentano problemi nuovi, che in realtà nuovi non sono ma non avevano mai richiamato più di tanto la nostra attenzione. Uno di questi è il calo di prestazioni che si verifica quando si riduce il livello di carica della batteria, oppure quando la temperatura del motore sale oltre certi limiti. Cosa particolarmente fastidiosa per noi che siamo abituati alla costanza di prestazioni dei motori endotermici, e ancor di più per chi si trova a dover aumentare la spinta sui pedali di una e-bike che si sta scaricando.
  • Spy
    02 Agosto 2022
    Mentre tutti si preoccupano di costruire batterie sempre più piccole e più leggere, ma che per il momento restano ancora abbastanza ingombranti e pesanti, c’è chi guarda già al passo successivo e lavora sulle celle a combustibile a idrogeno. Tra questi l’indiana TVS che ha depositato un interessante brevetto
  • Moto
    28 Luglio 2022
    La versione definitiva del “progetto EV”,  la concept bike esposta al Salone di Milano 2019, potrebbe arrivare dai concessionari della casa giapponese già il prossimo anno. Dai dati trapelati dovrebbe avere 27 CV, cambio a 4 marce e sistema di recupero dell’energia in frenata
Filtra tutti i contenuti per marca
Eicma 2021
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
IN EDICOLA
Sul numero di alVolante in edicola
Berlina o crossover?
Green Planet