NOVITA' MOTOCICLISMO

Honda, Kawasaki, Suzuki, Yamaha, accordo per la produzione di batterie elettriche

Le quattro aziende motociclistiche giapponesi si mettono insieme e lanciano un progetto di collaborazione per lo sviluppo di uno standard unico di batterie utilizzabili su tutti i loro futuri veicoli elettrici

Honda, Kawasaki, Suzuki, Yamaha, accordo per la produzione di batterie elettriche
Era da un po’ che girava voce di un possibile accordo tra Honda, Kawasaki, Suzuki e Yamaha relativo allo sviluppo di un sistema unificato di batterie elettriche adatto a tutti i modelli “green” futuri delle quattro aziende giapponesi. Bene, questa voce è diventata realtà: d’ora in poi le quattro aziende giapponesi lavoreranno all’unisono per realizzare delle batterie con standard produttivi unificati e validi per gli scooter realizzati a marchio Honda, Kawasaki, Suzuki e Yamaha.
E non solo, nell’accordo si prevede anche lo sviluppo in tutto il mondo di centri di stoccaggio delle stesse, luoghi dove depositare e sostituire l'accumulatore scarico del proprio veicolo con una unità pronta all'uso. Insomma, dei veri e propri distributori di batterie cariche e pronte per essere montate sui futuri veicoli a due ruote elettrici dei quattro grandi marchi nipponici.

Una batteria per tutti
Una soluzione che, una volta, messa in opera, potrebbe rappresentare una alternativa rapida (e probabilmente economica) al problema della ricarica: chi non avesse tempo di lasciare il proprio mezzo elettrico attaccato alla presa o alla colonnina apposita, potrebbe tranquillamente sostituire la batteria della propria Honda, Kawasaki, Suzuki e Yamaha, sicuro della perfetta adattabilità. Insomma, questa soluzione potrebbe di fatto ridurre al minimo i tempi di attesa (sostituzione in toto della batteria scarica con una carica) e al contempo allungare l’autonomia del veicolo elettrico, visto che questi “distributori” si appoggerebbero senza dubbio alla stessa rete di vendita mondiale delle quattro aziende. Senza contare che, se questo sistema dovesse funzionare, potrebbe imporre uno standard universale unificato relativo ai processi produttivi delle batterie per veicoli elettrici a due ruote: un po' come ai tempi dell'affermarsi del formato blu-ray per l'intrattenimento video, il sistema HKSY (Honda, Kawasaki, Suzuki, Yamaha) potrebbe imporsi a livelo globale come riferimento nella produzione delle batterie elettriche e nella gestione dello stoccaggio, standardizzazione necessaria per renderle tale soluzione economicamente sostenibile sia per le aziende sia per i consumatori.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    27 Ottobre 2020
    Abbiamo provato la Niken sia in versione naked “base” sia in versione GT. Per analizzarle a fondo, l'abbiamo testata sulle curve mozzafiato del Grossglockner in Austria , mentre per la Niken GT abbiamo scelto uno scenario più “vacanziero”, valutandola anche nell’utilizzo normale di tutti i giorni. Ecco come vanno!
  • Spy
    27 Ottobre 2020
    Suzuki è alle prese con lo sviluppo di un nuovo motore bicilindrico derivato da quello visto per la prima volta sul prototipo Recursion e dotato di sovralimentazione. A montarlo per la prima volt potrebbe essere una nuova SV 650, ma per vederla, probabilmente, dovremo aspettare un paio di anni
  • News
    27 Ottobre 2020
    MotoGP news - La collaborazione tra Yamaha e Jorge Lorenzo nelle vesti di collaudatore di lusso non è mai entrata nel vivo a causa della pandemia, ora pare che ci sia aria di divorzio. Il maiorchino è lontano dalla sua forma migliore e le sue ultime prestazioni durante i testi svolti sul circuito di Portimao non hanno entusiasmato i vertici della casa di Iwata