NOVITA' MOTOCICLISMO

Fase 2 - riapertura regioni: cosa si può fare e cosa no in moto dal 3 giugno

Da mercoledì prossimo si aprono i confini regionali, via libera quindi a gite e viaggetti, ma non spariscono tutte le regole che hanno condizionato i nostri comportamenti in tutti questi mesi di lockdown. Vediamo allora cosa sarà possibile fare e cosa no a partire dal 3 giugno

Fase 2 - riapertura regioni: cosa si può fare e cosa no in moto dal 3 giugno
Dal 3 giugno scatterà il via libera alla circolazione in tutta Italia, salvo possibili, ma non probabili, retromarce della Lombardia che, secondo indiscrezioni che circolano in queste ore, potrebbe decidere di bloccare il passaggio dei suoi residenti nelle altre regioni fino all’8 giugno. Vediamo più in generale cosa noi motociclisti potremo tornare a fare da mercoledì prossimo e cosa ancora non si potrà fare.

Sì ai viaggi
L’apertura dei confini regionali sarà totale, non ci saranno più restrizioni alla libera circolazione, quindi si potrà tornare a fare gite, viaggetti e giretti in moto dove si vuole.

No: riunioni/raduni
Rimane invariato il divieto di assembramenti sia in luoghi pubblici e che privati. Quindi niente raduni e ritrovi tra appassionati nelle sedi dei club o nei bar.  Un limite che vale anche per le abitazioni private dopo è comunque raccomandato di evitare “riunioni” troppo affollate

Sì: le mascherine
Vanno sempre indossate in tutte le situazioni in cui è impossibile mantenere il distanziamento tra le persone che, lo ricordiamo è di minimo un metro (due metri se si pratica sport).

Sì: dai concessionari e negozi di abbigliamento
Si può andare a fare shopping anche fuori regione, quindi a comprare moto nuove o usate presso i concessionari di tutta Italia e anche presso i privati, stesso discorso per i rivenditori abbigliamento e accessori tecnici. Ricordiamo comunque che all’interno dei concessionari è obbligatorio indossare le mascherine e in quelli di abbigliamento anche i guanti (comunque consigliati anche nei  concessionari).

Forse: andare all’estero
Se state pianificando gite e viaggi fuori confine, meglio che vi fermiate. Al momento gli italiani non sono ben visti oltre confine, pochi i paesi europei che hanno aperto i confini.
Cliccare qui per scoprire (al momento) dove si può andare.

Palestre su prenotazione
Gli sportivi oltre che in pista e nei crossodromi potranno tornare ad allenarsi in maniera completa, ma per andare in palestra occorrerà prenotare il proprio posto, per evitare che i locali siano affollati impedendo così di mantenere il giusto distanziamento.


Cliccate qui per tutte le regole da rispettare per andare in due in moto


 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    30 Luglio 2021
    Moto Guzzi ha annunciato l’annullamento di tutti i festeggiamenti in programma a Mandello. Niente Giornate Mondiali Guzzi e niente Motoraduno del Centenario. Il motivo? Le restrizioni dovute alla situazione Covid-19 che non avrebbero potuto permettere la gestione in totale sicurezza delle circa 100.000 persone attese. Resteranno aperti il museo e la fabbrica con accessi rigorosamente contingentati
  • Politica e trasporti
    13 Luglio 2021
    In base agli attuali parametri, alcune regioni - tra cui Sicilia, Campania, Veneto e Lazio - potrebbero presto ritornare in zona gialla. Il passo indietro comporterebbe il ritorno di alcune restrizioni, specialmente per le attività commerciali, ma non andrebbe ad impattare su libera circolazione e spostamenti. Per il momento tuttavia, il Governo frena: “la vera arma per chiudere questa stagione è la campagna di vaccinazione”
  • Politica e trasporti
    17 Giugno 2021
    Come più volte annunciato, dal 1° luglio diventerà operativo il cosiddetto Green Pass o certificato Covid digitale. Il documento, non obbligatorio, consentirà - in Europa - di spostarsi tra un pese e l’altro con maggiore facilità, intanto è già operativo in Italia. Vediamo come funziona