NOVITA' MOTOCICLISMO

Coronavirus autocertificazione, ecco il nuovo modulo (il quarto)

Il modulo dell'autocertificazione necessaria per muoversi è cambiato ancora! Ecco la quarta versione che introduce aggiornamenti riferiti all'ultimo decreto e ai più recenti divieti di circolazione. Attualmente sono state denunciate già 110.000 persone: la guerra ai "furbetti" continua

Coronavirus autocertificazione, ecco il nuovo modulo (il quarto)
Ancora più dettagliato
Il modulo di autocertificazione cambia per la quarta volta in pochi giorni. Un cambiamento che disorienta, ma, a quanto pare, reso necessario per aggiornarlo ai decreti che si sono succeduti in questi giorni, questo quarto modulo, dunque, è in linea con le indicazioni del decreto legge pubblicato ieri sulla Gazzetta Ufficiale.
Il nuovo modello cita il decreto legge n. 19 del 25 marzo 2020 pubblicato in Gazzetta. Nel documento, da compilare, firmare e consegnare in caso di controllo, la prima dichiarazione da sottoscrivere è di non essere sottoposti alla misura della quarantena né di essere risultati positivi al coronavirus.
Nel secondo punto del modulo si dichiara di "essere a conoscenza delle misure di contenimento del contagio vigenti alla data odierna e adottate ai sensi degi articoli 1 e 2" del decreto legge.
Il nuovo testo chiarisce, inoltre, quando si configura il caso di necessità: spostamenti all’interno del comune, o che rivestono carattere di quotidianità o che "siano effettuati abitualmente in ragione della brevità delle distanze da percorrere". Nella dichiarazione si deve specificare inoltre la reale motivazione dello spostamento. Infine, occorre dichiarare anche di essere a conoscenza delle ulteriori limitazioni disposte dalle varie Regioni di appartenenza, quindi specificare da quale regione si proviene e qual è quella di arrivo. Attualmente i controlli effettuati sono circa 2,5 milioni per un totale di 110.000 denunciati. E per loro ci sono sanzioni amministrative fino a un massimo di 3.000 euro.
Il nuovo modulo si può scaricare qui.


 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    03 Giugno 2020
    Causa Coronavirus, lockdown e conseguente crollo del mercato due ruote, Triumph ha annunciato il licenziamento di circa 400 dipendenti in tutto il mondo. Di questi, 240 nel solo Regno Unito. "Lo facciamo per proteggere il futuro dell'azienda"
  • News
    01 Giugno 2020
    Il liberi tutti che inizierà dal 3 giugno non ha convinto alcuni presidenti delle regioni meno colpite dall'epidemia che temono i contagi portati dai turisti. Per questo il governo darà loro la possibilità di chiedere ai vacanzieri informazioni relative al loro stato di salute e, in generale, a quanto accaduto prima del viaggio
  • News
    31 Maggio 2020
    Da mercoledì prossimo si aprono i confini regionali, via libera quindi a gite e viaggetti, ma non spariscono tutte le regole che hanno condizionato i nostri comportamenti in tutti questi mesi di lockdown. Vediamo allora cosa sarà possibile fare e cosa no a partire dal 3 giugno