NOVITA' MOTOCICLISMO

Yamaha YZF R1 2015, un tutorial per imparare a usare il cruscotto

Il quadro strumenti della nuova Yamaha R1 è tanto bello e completo, quanto complicato. Le informazioni disponibili sono tantissime, così come i settaggi che permettono letteralmente di cucirsi addosso moto. Se volete capirci qualcosa, Yamaha ha messo a disposizione un tutorial online per “familiarizzare” con i comandi...

Yamaha YZF R1 2015, un tutorial per imparare a usare il cruscotto
Un tutorial online
La Yamaha R1 monta un'elettronica da MotoGP, per questo prima di usarla a fondo bisognerà studiarsi il libretto di uso... Per portarsi avanti e familiarizzare con il cruscotto (l'interfaccia di tutti i sistemi), la casa giapponese ha messo a punto questo pratico tutorial interattivo, che permette di "smanettare" su tutti i controlli disponibili e vedere gli effetti delle regolazioni.
Le sigle dei vari controlli elettronici, sono tantissime e bisogna conoscerle tutte per poter sfruttare appieno le potenzialità del 4 cilindri di Iwata, ecco un piccolo compendio.
PWR (Power Mode Selection) Permette di scegliere tra le quattro mappature disponibili: A, B, C, D, in ordine decrescente dalla più impegnativa alla più "dolce" per il pilota.
YRC (Yamaha Ride Control) Si possono creare e poi scegliere quattro differenti combinazioni di controlli
TCS (Traction Control) Il controllo di trazione: registra l'angolo di piega e lo scarto di velocità fra le due ruote e interviene di conseguenza su accensione, iniezione e corpo farfallato
LCS (Launch Control) Il dispositivo che deriva dal mondo delle corse, gestisce il regime di giri del motore dando la possibilità al pilota di spalancare e affidare alla sola gestione della frizione la delicatissima operazione di scatto al via
LIF (Lift Control) Anti impennata, in fase di ripresa e forti accelerazione, limita il sollevamento della ruota anteriore (che riduce le prestazioni): si può posizionare su tre livelli ed è anche disinseribile per chi, al wheeling, proprio non può rinunciare.
SCS (Slide Control System) Anti pattinamento della ruota: questo dispositivo monitora il movimento laterale della ruota posteriore e interviene per limitarne la derapata: è regolabile su tre posizioni
UBS (Unified Brake System) Un evolutissimo sistema di frenata combinata e antibloccaggio, che permette di frenare anche a moto piegata.
Quick Shift Il cambio elettronico consente di inserire i rapporti in accelerazione senza chiudere il gas e senza usare la frizione. La cambiata è efficacissima e dal sound entusiasmante, non agisce anche in scalata come su alcune rivali sul mercato.
Ora che le avete memorizzate, fate un giro a questo indirizzo e provate a giocare con il cruscotto virtuale della R1!
 
NOTIZIE CORRELATE
  • Moto
    29 Luglio 2017
    L’ultimo decennio del XX secolo è stato un periodo fantastico per le moto sportive, in quei 10 anni nacquero modelli che sono entrati nella storia delle moto, eccone 5 che non dovrebbero mancare nei garage dei collezionisti
  • Fuoriserie
    07 Dicembre 2014
    Questa bella fuoriserie ispirata alla mitica Yamaha TZ750, voluta dal tre volte campione del mondo Wayne Rainey, Terry Karges e Richard Verner, nasce da una R1 Superbike del 2004. Il motore sviluppa 180 CV. il telaio originale lascia il posto ad un nuovo tubolare in acciaio; il forcellone è in alluminio. Tutta nuova anche la carenatura
  • News
    03 Novembre 2014
    Si è fatta attendere per 5 anni ma l'attesa è stata ripagata. La nuova R1 è un concentrato di potenza e tecnologia derivato direttamente dalle MotoGP di Lorenzo e Rossi. 200 CV di potenza massima, ha 4 mappature e elettronica di prim'ordine. La versione limitata M ha sospensioni attive, carene in carbonio e modulo GPS per l'acquisizione dati 

Yamaha YZF

  • Prezzoda € 22.990
  • Peso179 Kg
  • Serbatoio17,0 l
  • Altezza sella86 cm
  • Lunghezza206 cm