NOVITA' MOTOCICLISMO

Yamaha R1 e R1 M 2020, dati tecnici e disponibilità

La casa di Iwata ha presentato le sue nuove supersportive che per il 2020 sfoggeranno numerose migliorie tecniche e l’omologazione Euro5. Vediamole nel dettaglio

Yamaha R1 e R1 M 2020, dati tecnici e disponibilità
Yamaha anticipa i tempi e a qualche mese da EICMA 2019 ha deciso di svelare le nuove R1 e R1 M. Tanta la ”carne al fuoco”: l’affinamento previsto, infatti, è profondo e certosino e va a coinvolgere numerosi comparti dei due modelli di punta della casa di Iwata. Il primo dettaglio, comune ad entrambe, è l’omologazione Euro5 dei propulsori, che entrerà in vigore nel proprio il prossimo anno.
La R1 base presenta alcuni dettagli estetici ripresi dalla M1 di Rossi e Vinales, a partire dal cupolino e le nuove carene, ridisegnate e ancora più attillate, che consentono un’efficacia aerodinamica aumentata del 5% rispetto al vecchio modello. La carena presenta anche un nuovo condotto dell’aria in alluminio che aumenta la rigidità complessiva mentre la parte bassa che copre lo scarico è stata realizzata in titanio. Il motore crossplane a scoppi irregolari da 200 CV è stato ottimizzato per l’uso agli alti regimi grazie a nuovi bilancieri e a nuovi profili delle valvole. Rivisto anche il design del condotto di aspirazione con la testa cilindro ridisegnata e il gruppo iniettori riposizionato, mentre per quanto riguarda lo scarico ora ci sono 4 nuovi catalizzatori, due di fronte alla camera di espansione e due dietro. Tante le modifiche all’elettronica di controllo, la piattaforma inerziale a sei assi IMU ora prevede due nuove tecnologie: il sistema di controllo freni in due modalità che variano l’intervento dell’ABS in base all’angolo di inclinazione in curva e alla velocità e il nuovo Engine Brake che permette ai piloti di scegliere tra tre diversi livelli di intervento del freno motore. Rivisto anche il Launch Control, che offre migliori prestazioni in partenza: per il 2020 è stato maggiormente integrato con gli altri sistemi elettronici presenti sulla moto.
A livello sospensioni la forcella Kayaba da 43 mm è stata modificata con nuove molle e valvole di smorzamento per ottenere un migliore feedback di guida, cambiano anche l’ammortizzatore di sterzo e il mono posteriore, rivisti per accordarsi in maniera ancora più efficace al telaio.
Cambiano infine anche le pastiglie dei freni e le gomme, ora Bridgestone Battlax RS11.

R1 M, ancora più efficace
La versione più raffinata ed evoluta della famiglia R-Series per il 2020, oltre ad adottare tutte le novità già descritte sulla R1 base, propone numerose migliorie aggiuntive, volte a migliorare l’efficacia in pista. Le sospensioni elettroniche adottano il sistema Öhlins Electronic Racing Suspension di ultima generazione: la forcella è ora ERS NPX pressurizzata a gas, unità dotata di un piccolo serbatoio di gas integrato che riduce la cavitazione dell’olio che si verifica durante la fase di estensione, ciò contribuisce a ottenere una forza di smorzamento più costante, tutto a beneficio del controllo di guida. Per accordare al meglio la moto, è stato rivisto anche il setting del precarico del mono posteriore. Le novità continuano con l’adozione di un nuovo e leggero codone in carbonio e di un parafango in stile M1. La moto sarà ancora più connessa grazie alle due app dedicate. La prima si chiama YRC Setting e consente di creare le proprie modalità di guida regolando tramite ogni livello di supporto offerto dall’elettronica di base. La seconda app si chiama Y-Trac, è destinata ai “pistaioli” più puri e consente di accedere alla centralina della moto e scaricare numerosi dati vitali. Si possono riprodurre i file log su google maps di un giro in pista e analizzare ogni singolo elemento di guida, dall’angolo di inclinazione fino allo stato di attivazione dei vari controlli elettronici.
La R1 base sarà disponibile a partire da settembre 2019 mentre la R1 M adotterà il solito programma di prenotazione online che entrerà in funzione il 25 luglio e consentirà agli acquirenti di partecipare alla Yamaha Racing Experience, una serie di giornate sui principali circuiti europei dove sarà possibile conoscere a fondo la loro nuova R1 M. Per entrambe, i prezzi sono ancora da definire.
 


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    20 Agosto 2019
    Cinque vincitori diversi con quattro moto differenti, la pista inglese regala spettacolo: 2018 a parte, quando non si è corso perché la pioggia aveva reso il tracciato impraticabile. Honda sempre velocissima oltremanica e Lorenzo punta a ritrovare fiducia sul circuito dove ha vinto più di chiunque altro
  • News
    19 Agosto 2019
    MotoGP news – Valentino Rossi a Radio1 Rai ha parlato del suo futuro, della politica e della voglia di paternità. Il Dottore pensa di aver trovato la donna giusta e tra qualche anno promette di pensare anche agli eredi
  • Spy
    17 Agosto 2019
    La casa di Iwata oggi presenterà diverse novità destinate ai mercati orientali, tra queste dovrebbe esserci la certezza dell’arrivo di una XSR di piccola cilindrata. Non si parla però di una “mini” Tracer, che sia la sorpresa Yamaha per il prossimo EICMA?