NOVITA' MOTOCICLISMO

W la Nemesi! La moto di UniBo Motorsport e Ducati ha vinto (di nuovo) la MotoStudent

Il Team UniBo Motorsport, sponsorizzato e supportato da Fondazione Ducati, ha vinto la MotoStudent International Competition per la seconda volta consecutiva con la sua moto elettrica. Festa grande all’Auditorium Ducati, alla presenza del Rettore dell’Università di Bologna e di Claudio Domenicali

W la Nemesi! La moto di UniBo Motorsport e Ducati ha vinto (di nuovo) la MotoStudent

Motostudent è una competizione internazionale che vede confrontarsi le squadre delle università di tutto il mondo. Lavorando in team, gli studenti devono progettare e realizzare un prototipo di moto da corsa da mettere alla prova in circuito. Un percorso in cui sono fondamentali multidisciplinarietà e gioco di squadra, anche perché la giuria di gara prende in considerazione il lavoro sia da un punto di vista industriale, valutando aspetti come design, costo e aspetti innovativi del progetto, sia da un punto di vista sportivo, esaminando le prestazioni della due ruote in diverse condizioni.

 

Vittoria nella sezione elettrica

Nell'edizione di quest'anno, andata in scena dall'11 al 15 ottobre sul circuito internazionale Motorland Aragón (Spagna), gli italiani hanno conquistato il gradino più alto del podio nella categoria Electric con la Nemesi. Si tratta di una moto elettrica frutto della collaborazione tra Ducati e Università di Bologna, che con il Team UniBo Motorsport ha replicato il successo della scorsa edizione. Il prototipo da competizione è stato interamente progettato e realizzato grazie al lavoro di sinergia tra le ragazze e i ragazzi del team UniBo Motorsport e gli ingegneri della Casa motociclistica di Borgo Panigale.

 

Festa all'Auditorium

Un successo celebrato nella mattina di lunedì scorso presso l'Auditorium Ducati e che ha visto la partecipazione di Claudio Domenicali, Amministratore Delegato Ducati, e di alcuni rappresentanti dell’Università di Bologna, tra cui Giovanni Molari, Magnifico Rettore dell’Alma Mater Studiorum e Nicolò Cavina, Faculty Advisor del team UniBo Motorsport. Insieme hanno sottolineato il valore del legame tra il mondo dell’industria e quello accademico, che conduce alla creazione di opportunità uniche di collaborazione e crescita reciproca tra i due mondi.

Le dichiarazioni

Claudio Domenicali, AD Ducati e Presidente Fondazione Ducati: "È con grande entusiasmo che esprimo le mie congratulazioni al team UniBo Motorsport per la seconda vittoria consecutiva nel progetto MotoStudent. Attraverso questa preziosa collaborazione con l’Università di Bologna, siamo fieri di poter sostenere la crescita professionale di questi giovani talenti emergenti. Sono loro che incarnano l’essenza stessa dell’innovazione, della determinazione e della passione, caratteristiche fondamentali per poter affrontare le sfide sempre più stimolanti che il futuro ci riserva. Il nostro impegno come Fondazione Ducati, infatti, non solo mira a preservare il ricco patrimonio di competenze legate alla meccanica, all’aerodinamica e al design Made in Italy, ma anche ad ispirare le generazioni future di professionisti, tramandando loro l’approccio innovativo che caratterizza la nostra tradizione. Questo progetto in particolare unisce l’esperienza consolidata degli ingegneri Ducati con l’energia e l’entusiasmo delle ragazze e dei ragazzi che ambiscono ad affermarsi in questo settore, creando una sinergia che stimola ispirazioni reciproche, idee emergenti e nuove prospettive nel campo".

Giovanni Molari, Magnifico Rettore dell’Università di Bologna: "È grande la soddisfazione per i successi del progetto MotoStudent: un percorso che è partito nel 2018 con il titolo di miglior team esordiente e il terzo posto assoluto, ed è proseguito con il primo posto assoluto sia nel 2021 che nel 2023, stravincendo in particolare quest’anno. Risultati che nascono grazie alla piena sinergia e totale collaborazione tra Alma Mater e Ducati, nel solco di un rapporto consolidato da decenni in ambito di ricerca e sviluppo. Molti studenti che hanno avuto la possibilità di partecipare al progetto oggi fanno parte della realtà Ducati, in primis nel nuovo reparto legato all’elettrificazione, a dimostrazione di quanto possa essere virtuoso lo scambio tra Ateneo e azienda. E sono tante le attività già in programma per il futuro: i nuovi progetti avviati per il prossimo anno in ambito MotoStudent e Formula Student non solo serviranno a consolidare e ampliare ulteriormente la partnership, ma soprattutto saranno fondamentali per fornire ai nostri studenti ulteriori opportunità formative".

Nemesi: com'è fatta

Tra le innovazioni più rilevanti della Nemesi, spicca l’adozione di un telaio interamente realizzato in fibra di carbonio, che ospita un pacco batteria di produzione propria, limitato da regolamento a 126 V di tensione massima. Le geometrie della Nemesi seguono i canoni tipici di una categoria pre-Moto3, le potenze in gioco toccano i 48 kW di picco, forniti da un motore elettrico standard per tutti i team. Oltre al motore, altri componenti essenziali sono stati forniti dall’organizzazione stessa, tra cui pneumatici, pinze freno e un dispositivo di monitoraggio dell’isolamento (IMD – Insulation Monitoring Device). Tutto il resto del prototipo, compreso il design, lo sviluppo e la messa in pista, è stata interamente opera del team dell’ateneo bolognese. 

MotoStudent 2023: come si svolge  

La valutazione complessiva della competizione che ha portato alla stesura della classifica finale è stata fatta sulla base di aspetti progettuali, innovativi ed economico-finanziari suddivisi in due fasi fondamentali: MS1 e MS2. 

La fase iniziale, MS1 prevedeva due capitoli: "Business Plan and Industrial Production" e "Design and Innovation". In questa fase, il team bolognese ha dimostrato un’eccellente abilità nel saper coniugare un piano aziendale solido e coerente con un distintivo senso di creatività estetica, conquistando il primo posto in tutte le categorie valutative: Best Design, Best Innovation e Best Project.

La fase MS2 ha rappresentato il banco di prova del progetto, la motocicletta è stata sottoposta a una serie di prove dinamiche mirate a valutare sicurezza e funzionalità in movimento. Questa fase è culminata nella gara universitaria internazionale FIM, tenutasi presso il FIM Road Racing Circuit di MotorLand Aragón lo scorso 15 ottobre. Durante la competizione, Nemesi si è affermata con superiorità conquistando innanzitutto la pole position nelle qualifiche e, successivamente, la prima posizione nella gara di 6 giri, coprendo una distanza complessiva di 30.5 Km. 

L'obiettivo primario della MotoStudent International Competition è stimolare nuove sfide nel campo della ricerca e dell'innovazione, offrendo un’esperienza unica in cui gli studenti possono mettere alla prova le proprie capacità ingegneristiche, creative e collaborative in un ambiente altamente competitivo e specializzato, che quest’anno ha visto la partecipazione di 25 team provenienti da 4 diversi continenti.

Nell’ambito di questo progetto, il gioco di squadra tra gli studenti dell’Università di Bologna e Ducati rappresenta un connubio essenziale di supporto tecnico, interazione costruttiva e scambio di know-how, consentendo ai giovani ingegneri di essere seguiti nella messa in pratica delle proprie competenze. L’iniziativa si configura non solo come un’opportunità di crescita accademica, ma anche e soprattutto come un trampolino di lancio per coloro interessati ad intraprendere una carriera nell'industria e nell’ingegneria delle corse motociclistiche. Inoltre, Ducati e l’Università di Bologna sono entrambi soci fondatori di una realtà unica nel suo genere, la Motor Valley University of Emilia-Romagna (MUNER), che con il suo programma formativo di eccellenza attrae nella regione i migliori studenti internazionali con l’obiettivo di formare e inserire nel mondo del lavoro gli ingegneri di domani. 

 

 



NOTIZIE CORRELATE
Filtra tutti i contenuti per marca
Eicma 2023
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
IN EDICOLA
Sul numero di alVolante in edicola
Speciale consumi di 62 auto
Green Planet