NOVITA' MOTOCICLISMO

Triumph sposta la produzione in Thailandia

Triumph sposterà la produzione di buona parte dei modelli in gamma negli stabilimenti di Chonbouri, in Thailandia. Già “ridotta” a solo il 10% del totale, la produzione su suolo inglese si assottiglierà ulteriormente a soli 4.500 esemplari l’anno. In compenso, è prevista una crescita nel reparto Ricerca e Sviluppo che rimarrà in Inghilterra

Triumph sposta la produzione in Thailandia
Triumph va in Thailandia
L’intera gamma Triumph sarà in futuro prodotta in Thailandia a rivelarlo è stata la stessa casa inglese, specificando però che il Dipartimento Ricerca e Sviluppo e la produzione della gamma TFC - Triumph Factory Custom rimarranno in Inghilterra. Non si tratta comunque di un fulmine a ciel sereno, considerando che la produzione su suolo inglese è attualmente pari a solo il 10% del totale, equivalente a circa 6.500 veicoli all’anno su una produzione complessiva di 65.000 unità. Tuttavia, il recente annuncio farà ulteriormente calare i numeri, che si abbasseranno a soli 4.500 modelli prodotti Oltremanica tra Bobber TFC, Thruxton TFC e Rocket 3 TFC.
A rischio ci sarebbero quindi le osizioni di 50 dipendenti, riguardo ai quali Triumph ha però sottolineato la propria intenzione di mantenerli impiegati, seppur in ruoli diversi. Destinato a crescere, il Reparto Ricerca e Sviluppo potrebbe essere utile ad assorbirne almeno una parte, ma in tal senso di dichiarazioni ufficiali non ne sono ancora arrivate.
È facile immaginare che la scelta sia stata dettata dal costo del lavoro inglese, decisamente più alto di quello in Thailandia, nonché per evitare che i costi della Brexit incidessero eccessivamente sui prezzi dei nuovi modelli Triumph.
Brexit a parte, in ogni caso, che l'Asia potesse essere destinata a diventare il nuovo quartier generale di Triumph (in termini di produzione) lo si poteva immaginava da tempo o, perlomeno, da quando la Casa inglese aveva annunciato l’accordo stretto con il gigante indiano Bajaj. Partnership fortemente voluta per affermarsi anche sui mercati orientali. 


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    17 Marzo 2020
    L’epidemia di coronavirus ha bloccato la produzione di KTM, Husqvarna, Gas Gas, Moto Morini, Yamaha, Polini e Ducati. Anche Brembo ha chiuso quattro stabilimenti per una settimana. Operative invece (pur con qualche limitazione) MV Agusta, Piaggio, Moto Guzzi e Aprilia
  • News
    06 Marzo 2020
    MotoGP news – Ieri è stato diramato il nuovo calendario della stagione 2020 di MotoGP. Il round di Aragon è stato anticipato al 27 settembre e così il 4 ottobre sarà disputato il GP della Thailandia che era in programma il 22 marzo
  • News
    02 Marzo 2020
    MotoGP news – L’epidemia del coronavirus colpisce ancora il Mondiale, e, dopo aver costretto Dorna ad annullare il primo appuntamento in Qatar, ora è stato rinviato anche il secondo GP in calendario, quello di Thailandia. Ad annunciarlo è stato il governo thailandese, ma in questo caso il GP verrà recuperato nel corso della stagione