NOVITA' MOTOCICLISMO

Toprak Razgatlioglu e i traversi con la Niken

Due o tre ruote, quando in sella c'è il talento non fa differenza. Ce lo dimostra in questo video caricato su Instragram il pilota turco Toprak Razgatlioglu che, su una Yamaha Niken, si diverte con drift e traversi

Toprak Razgatlioglu e i traversi con la Niken
Drift con la Niken

Checchè se ne dica, sulla tre ruote ci si può divertire, e parecchio. La “prova” arriva in tal senso dall’ultimo video caricato su Instagram da Toprak Razgatlioglu. In sella ad una Yamaha Niken, il pilota turco si sbizzarrisce sull’asfalto del circuito con drift, sgasate e traversi. Certo, serve del manico, specialmente se considerati i 263 kg e, in generale, gli ingombri tutt’altro che indifferenti della Niken. Per non dire della “particolare” configurazione LMW ("leaning multi wheel”): fissate alla forcella a doppi steli, le due ruote basculanti sembrano però non dare alcun problema a Razgatlioglu che, col corpo tutto buttato in fuori, le utilizza e le direzio a come se niente fosse!

Qualche numero della Niken
Presentata a EICMA nel 2017, la Niken è stata la prima moto a tre ruote lanciata sul mercato. La sua principale particolarità ovviamente è l’avantreno LMW con due ruote basculanti. Nella parte superiore, la doppia forcella ha un'articolazione con parallelogramma e biella sottostante che permette alle ruote di inclinarsi parallelamente tra loro e di sterzare normalmente, offrendo un'aderenza e una tenuta di strada mai viste in precedenza su una moto tradizionale. Il telaio, simile a quello delle MT, è una struttura mista in tubi e piastre con sospensione posteriore KYB a leveraggio progressivo, mentre i 3 freni sono a disco da 266 mm, il massimo diametro possibile sulle ruote anteriori da 15” e da 298 mm dietro. Il motore è invece il 3 cilindri 900 della Tracer, con dotazione elettronica che comprende tre mappature (D-mode), controllo di trazione TCS e il cambio elettronico quick shift, attivo in inserimento ma non in scalata. Accanto alla versione “normale”, lo ricordiamo, c’è anche la GT, proposta ad un prezzo di 15.999 euro (cioè 1000 in più) che servono a coprire il costo del cupolino maggiorato (regolabile elettronicamente), della coppia di manopole riscaldabili, della sella confort e della coppia di borse laterali semi rigide da 25 litri.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da Toprak Razgatlıoğlu (@toprak_tr54) in data:

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    17 Ottobre 2020
    La SBK questo fine settimana tornerà sulla pista dell’Estoril, l’ultima volta era stata nel 1993 e in quella occasione Fabrizio Pirovano aveva conquistato la sua decima e ultima vittoria in questa categoria, sotto la pioggia battente che aveva flagellato gara 1. Yamaha ha deciso di ricordare l’evento per una iniziativa molto speciale
  • Spy
    13 Ottobre 2020
    Alcune foto apparse in rete suggeriscono che Yamaha sia al lavoro per realizzare una Ténéré dotata di tutti i comfort per i lunghi viaggi. Il muletto, ben camuffato, ha sempre la ruota da 21 ma un serbatoio più capiente e alcuni dettagli studiati per migliorare l'abitabilità e la capacità di stivaggio
  • News
    13 Ottobre 2020
    Il romagnolo è terzo in campionato a 18 punti da Quartararo, ma le Desmosedici da tre anni salgono sempre sul podio al Motorland e sanno sfruttare bene il lungo rettilineo di ritorno. El Diablo e Mir si giocano la vetta della classifica: solo dieci punti li separano e una rivalità molto sentita