NOVITA' MOTOCICLISMO

Spostamenti zona gialla e zona arancione: cosa si può fare e cosa no

Meno rigide di quelle imposte agli abitanti delle zone rosse, le regole applicate alle regioni delle zone gialle e arancioni fissano nuovi limiti sia per quanto riguarda la libera circolazione che l’apertura delle attività commerciali e di vendita al dettaglio. Facciamo chiarezza

Spostamenti zona gialla e zona arancione: cosa si può fare e cosa no
Italia tricolore
Da oggi l'Italia è divisa in tre zone di diverso colore: rossa a rischio molto alto, arancione a rischio alto e gialla a rischio moderato. Com’è stato ai tempi del lockdown nazionale, districarsi tra le regole non è semplicissimo e, a complicare ulteriormente il quadro, ci pensano le differenze tra un’area e un’altra. Vediamo di fare un po’ di chiarezza.

Regioni in zona gialla
- Sono "gialle": Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Molise, Marche, Provincia di Trento e Bolzano, Sardegna, Toscana, Umbria e Veneto. 


- Limiti agli spostamenti: in queste regioni ci si può spostare senza particolari limitazioni sia tra comuni che verso altre regioni se la destinazione è un'altra zona gialla, si possono anche attraversare le zone rosse per raggiungere un'altra zona gialla, basta non fermarsi. Unico limite è il coprifuoco.

- Il Coprifuoco va dalle 22.00 alle 5.00, in questo periodo di tempo tutti gli esercizi commerciali devono essere chiusi e non si può uscire da casa. Per farlo occorre avere l'autocertificazione (qui sotto trovate il link per scaricare il modulo.

- L’autocertificazione serve soltanto durante la fascia oraria del coprifuoco prevista dalle 22.00 alle 5.00, quando cioè gli spostamenti (di qualsiasi tipo, anche all’interno del proprio comune) diventano vincolati ai motivi di lavoro, di urgenze o di necessità. 

- Attività commerciali: bar ristoranti e pasticcerie sono chiusi dalle 18.00 alle 5.00. Il consumo al tavolo è consentito per un massimo di quattro persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi. Chiusura h24 di teatri, mostre e musei, sale bingo, centri scommesse e slot machine, anche in bar e tabaccai. Restano chiusi palestre e piscine. Aperti invece i centri sportivi. 

- Nelle giornate festive e prefestive sono chiuse le medie e grandi strutture di vendita, nonché gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati, ad eccezione di supermercati e alimentari, farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, tabacchi ed edicole.

Le misure imposte nelle zone gialle saranno in vigore per 15 giorni. A seconda, poi, dell'evolversi dell'epidemia le regioni potranno trasformarsi in una zona arancione oppure rossa.

Zona arancione
Sono "arancioni": Puglia e Sicilia.


Limiti agli spostamenti: in qualsiasi orario del giorno o della notte, è vietato uscire dal proprio comune e dalla propria regione, salvo che per esigenze di lavoro, studio, salute e necessità, ovviamente da indicare sul modulo di autocertificazione.


Attività commerciali: bar, ristoranti e pasticcerie rimangono chiusi h24, ad esclusione di catering e mense. Concesso il servizio di asporto (soltanto fino alle 22 e con divieto di consumare in loco o nelle vicinanze) e di consegna a domicilio. Rimangono chiuse palestre, piscine e centri sportivi, così come  musei e mostre, teatri e cinema. Sospese le attività di sale scommesse, bingo e slot machine anche nei tabaccai. Chiusi anche i centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi (ad eccezione di farmacie e parafarmacie). 

- Sono aperti i parrucchieri e i barbieri e centri estetici, aperti anche i supermercati (e con essi tutti i negozi di generi alimentari), le farmacie e le parafarmacie.

- Tra le altre attività che rimangono aperte (proprio perché considerate di prima necessità), anche edicole, librerie e cartolibrerie, negozi di computer, elettronica ed elettrodomestici, di articoli sportivi e biciclette, concessionarie di auto e moto, i negozi che vendono prodotti per la pulizia della casa e per la cura della persona (comprese  lavanderie e tintorie), le ferramenta, i fioristi e i vivai, i negozi di animali, ed i negozi di giocattoli e vestiti per bambini.

Le misure imposte nelle zone arancio saranno in vigore per 15 giorni. A seconda, poi, dell'evolversi dell'epidemia le regioni potranno trasformarsi in una zona gialla oppure rossa. 

Cliccate qui per le faq sulla zona rossa

Cliccate qui per le faq sulla zona arancione


Cliccate qui per scoprire tutti i limiti delle zone rosse.

Clicca qui per capire quando e dove va usato il modulo di autocertificazione.

Clicca qui per scaricare il modulo di autocertificazione

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Politica e trasporti
    21 Gennaio 2021
    I chiarimenti del Governo aprono alla possibilità di raggiungere la seconda casa, anche se fuori dalla regione di residenza o in zona rossa. La “concessione” è valida per i proprietari (o gli intestatari del contratto di affitto) e i familiari conviventi
  • Politica e trasporti
    15 Gennaio 2021
    In vigore dal 16 gennaio al 5 marzo 2021, il nuovo Dpcm firmato da premier Conte vieta per l’intero periodo gli spostamenti tra regioni. Confermati anche coprifuoco e le eccezioni alle regole generali che permettono di far visita ad amici e parenti
  • News
    27 Dicembre 2020
    Oggi è il V-day, il giorno del vaccino per il Covid-19, e le fiale prossimamente potranno essere trasportate e consegnate anche dai riders. Ecco la borsa sviluppata dall’italiana Gio’Style in grado di mantenere la temperatura tra i -80 e i -70 C°