NOVITA' MOTOCICLISMO

Spostamenti tra regioni: 3 o 10 giugno, ma tutti insieme

Aprire tutti insieme e con le stesse condizioni. Questa la linea del governo per dare il via libera agli spostamenti tra regioni. Le ipotesi potrebbero essere due: o si riapre il 3, oppure si rimanda di 7 giorni. Niente passaporto sanitario, anche se non è esclusa una “quarantena breve”. Prima però bisognerà valutare i dati sui contagi

Spostamenti tra regioni: 3 o 10 giugno, ma tutti insieme
Apertura regioni
Impegnato a dirimere la complicata questione delle riaperture, il governo sembr intenzionato a proporre ai presidenti due soluzioni: o liberi tutti dal 3 giugno (quanto cioè s’era detto in precedenza), oppure rinvio di una settimana dell’entrata in vigore del decreto. L’intento è quello di evitare strappi con le regioni del Sud, che minacciano di far entrare sul proprio territorio solo chi si presenterà con il test sierologico effettuato nei tre giorni precedenti. Ipotesi già respinta dallo stesso Boccia che, tuttalpiù, ha ventilato l’idea di una quarantena “breve” (4 o 5 giorni) per chi, proveniente dalle aree più a rischio, si dovesse recare in alcuni territori. Una soluzione potenzialmente utile, nel caso del liberi tutti dal 3 giugno, a “rassicurare” i residenti nelle regioni con tassi di contagio prossimi allo zero.

Seppur meno drastica del passaporto sanitario chiesto dal presidente della Sardegna Solinas, anche questa possibilità, tuttavia, potrebbe dimostrarsi uno scoglio importante alla ripresa del turismo. L’idea migliore sarebbe pertanto quella di riaprire, tutti insieme, il 3 giugno, esattamente come previsto dal Decreto del 18 maggio. Fondamentale sarà però rilevare un miglioramento dei dati relativi ai contagi: se così non dovesse essere, si potrebbe procedere con la seconda possibilità, quella cioè di riaprire, sempre tutti insieme ed alle medesime condizioni, ma a partire dal 10 giugno.

Per sciogliere il nodo, bisognerà pertanto aspettare i dati del monitoraggio nazionale sulle regioni attesi già da oggi. Il lungo weekend servirà al governo per valutare l’opinione del comitato di esperti e, quindi, decidere il da farsi. Sul tavolo c’è però anche la questione della riapertura internazionale, anch’essa attesa per il 3 giugno, riguardo alla quale è escluso che possa esserci disparità di trattamento tra italiani e stranieri. In ogni caso, riguardo ad iniziative prese dalle regioni, Boccia ha chiarito: “misure restrittive rispetto ai decreti non sono vietate, ma devono essere comunque in linea. Altrimenti impugneremo i provvedimenti davanti al Tar”. 

Per conoscere le condizoni per viaggiare in due in moto cliccate qui.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    27 Giugno 2020
    Un itinerario su asfalto per turisti che amano la tranquillità e le belle strade. Il percorso si copre in due giorni: da Olbia ad Arbatax e ritorno, senza mai ripetere la stessa strada. Veloci puntate al mare e il fresco delle foreste: in Sardegna l'estate è magica
  • News
    21 Giugno 2020
    Per Sardegna, Puglia e Basilicata è obbligatorio segnalare ingresso e spostamenti, mentre la Sicilia pensa ad un’app facoltativa. Stazioni, porti e aeroporti sorvegliati speciali con divieto d’imbarco per i passeggeri con temperatura sopra i 37,5 gradi. Quarantena per chi positivo al test
  • Politica e trasporti
    17 Giugno 2020
    Con la nuova delibera, la Regione Lombardia proroga ulteriormente il pagamento del bollo auto e moto. Per pagare la tassa automobilistica in scadenza dopo il 23 febbraio - cioè appena prima che iniziasse il lockdown - i residenti avranno tempo fino al 31 ottobre 2020