NOVITA' MOTOCICLISMO

Sicurezza stradale, BMW eCall ecco come funziona

Il nuovo sistema eCall di BMW, dedicato alle due ruote, arriverà nel 2017. Connesso tramite rete mobile al Call Center BMW, si attiva in automatico in caso di incidente o collisione, attivando all'istante la catena dei soccorsi

Sicurezza stradale, BMW eCall ecco come funziona
Intelligent Emergency Call
Quanto prima i soccorsi riescono ad intervenire, maggiori sono le probabilità di salvare una vita. Per questo BMW ha messo a punto il nuovo sistema eCall dedicato alle due ruote, una soluzione che, secondo uno studio della Commissione Europea, sarebbe in grado di salvare almeno 2.500 le vite all'anno. L'eCall è stato proposto da BMW per la prima volta sulle automobili nel 1999 e dal 2007 la casa tedesca ha creato un’infrastruttura di Call-Center internazionali per renderlo ancora più efficace. Dal 2018 l’eCall diventerà obbligatorio in Europa per tutte le auto e dal 2017 sarà disponibile (optional) per la prima volta in assoluto anche per sulle moto bavaresi. Vediamo nel dettaglio come funziona.
Grazie al dispositivo istallato sul veicolo, la moto è “connessa” tramite rete telefonica al Call Center BMW, a sua volta incaricato di attivare, in caso d’emergenza, la rete di soccorsi. Punto di forza del sistema eCall è la capacità di contattare automaticamente il Call-Center, inviando, per esempio, i dati relativi alla posizione in cui è avvenuto l’incidente o la caduta, offrendo così ai soccorsi informazioni preziose per ridurre i tempi di intervento. Il sistema è "intelligente": grazie ai sensori montati sulla moto, può valutare l’entità e la gravità dell’incidente, intervenendo così in modi differenti a seconda della situazione. Gli scenari possibili sono tre: inoltro automatico della chiamata in caso di incidente, collisione o caduta grave; inoltro automatico della chiamata in caso di incidente, collisione o caduta non grave e inoltro manuale da parte del motociclista tramite il tasto S.O.S.
Nel primo caso, rilevata una collisione grave (la centralina decide in base a parametri preimpostati), il dispositivo contatta in automatico il Call Center BMW, che, anche in caso di mancata risposta da parte del motociclista (il sistema ha un piccolo microfono integrato), si attiva per contattare i soccorsi e inviare loro i dati relativi alla posizione. Sul display della moto un segnale indica che il sistema eCall è stato attivato e la richiesta d’aiuto non può essere annullata. Anche nel secondo caso la chiamata di emergenza viene attivata in automatico, ma solo dopo 25 secondi dal rilevamento della caduta o della collisione. Il pilota ha così possibilità di annullare la chiamata di emergenza, premendo il tasto rosso S.O.S.  Nel terzo caso, infine, la chiamata d’aiuto viene attivata dallo stesso pilota premendo, a moto ferma, il tasto sul manubrio. A questo punto si invia una chiamata al Call Center, tramite la quale il pilota potrà richiedere l'invio di soccorsi. 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    12 Luglio 2020
    In Europa e in Asia BMW ha chiuso giugno 2020 con numeri tutti in positivo. La crisi dovuta dall'epidemia di Coronavirus ha inevitabilmente influenzato il primo semestre dell’anno ma, stando alla stessa BMW, ora si vede chiaramente la luce alla fine del tunnel
  • News
    04 Luglio 2020
    SBK news – Poco dopo la notizia della separazione tra Michael van der Mark e Yamaha, il pilota olandese ha annunciato che nella prossima stagione farà parte del team BMW. La casa bavarese è tornata in veste ufficiale ed è entusiasta dell’arrivo del giovane olandese
  • Fuoriserie
    01 Luglio 2020
    Una moto degli Anni 80 nata per il turismo veloce a lungo raggio trasformata in una intrigante cafe racer dal gusto post moderno e dalla spiccata indole sportiva. A riuscire nell'impresa, Chris Scholtka di Motocrew