NOVITA' MOTOCICLISMO

Sicurezza stradale, arriva il dispositivo radar sviluppato da Continental

Sviluppato grazie all’impiego di nuove tecnologie e radar a corto raggio da 77 GHz, il Right-Turn Assistant di Continental promette maggior sicurezza per ciclisti e motociclisti. Il dispositivo avvisa l’automobilista che svolta a destra dell’eventuale presenza sulla carreggiata di moto o bici, intervenendo, se serve, anche sui freni

Sicurezza stradale, arriva il dispositivo radar sviluppato da Continental
Radar per la sicurezza
Sono ormai numerose le aziende impegnate nella ricerca e nello sviluppo di dispositivi radar da istallare sui veicoli e utili ad aumentare la sicurezza di tutti gli utenti della strada. Tra queste, accanto a Bosch, che per il 2020 aveva promesso un “pacchetto sicurezza” dedicato a Ducati e KTM, la connazionale Continental ha annunciato l’arrivo di  un sistema basato sull'utilizzo di un nuovo radar a corto raggio a 77 GHz, anziché a 24 come impiegati sino a oggi. Un bel passo avanti, considerando che la maggior larghezza di banda consentirebbe di rilevare oggetti vicini con maggior precisione, analizzandone anche direzione di spostamento e velocità (ne parlavamo anche qui in riferimento alla startup canadese Damon Motors).
Il sistema sviluppato da Continental si chiama Right-Turn Assistant e promette di aumentare la sicurezza dei ciclisti e dei motociclisti, facendo calare i rischi di un loro investimento accidentale quando i veicoli svoltano a destra.  Secondo una ricerca condotta dal gruppo tedesco, l'adozione in massa sulle auto del Right-Turn Assist potrebbe aiutare a prevenire in Germania il 5% degli incidenti in cui vengono uccisi o rimangono feriti gravemente i ciclisti, percentuale che in Giappone salirebbe al 7% e negli Stati Uniti addirittura all'8,5%.
In fatto di due ruote, quello del traffico “disordinato” è in effetti un problema di cui più volte si è parlato in riferimento, specialmente, delle auto a guida autonoma, non sempre in grado di valutare e riconoscere con precisione gli spostamenti sulla carreggiata di moto e bici.  Sviluppato con un occhio rivolto proprio al futuro impiego sulle auto senza conducente, il dispositivo Continental è in grado di individuare per tempo l'arrivo da dietro per un sorpasso sulla destra di moto e bici, di avvisare della loro presenza il guidatore che si accinge a una svolta e di fermare il mezzo in maniera automatica per evitare un possibile impatto. Questo grazie all’impiego di radar a 77 GHz che, chiariscono dalla multinazionale di Hannover, è “capace di analizzare l'ambiente circostante con una risoluzione più elevata e con un livello di accuratezza maggiore rispetto a prima e, di conseguenza, è in grado di rilevare gli altri utenti della strada e gli ostacoli in maniera molto più precisa”.  In aggiunta, nuovi sensori individuano le direzioni di movimento e le velocità in modo più accurato rispetto a quelli di precedente generazione e possono essere posizionati ai quattro angoli della carrozzeria dell'automobile, per assicurare un monitoraggio continuo e a 360 gradi dell'area circostante il veicolo. ''In più, anche la densità di integrazione è stata ulteriormente incrementata. Le singole componenti del sistema, come l'antenna e il chip a radiofrequenza (RF), sono ora collocate in uno spazio di installazione più piccolo, e rendono il sensore ancora più compatto. Questo, a sua volta, permette di installare il sistema più facilmente all'interno del veicolo, anche in posti ristretti''.


NOTIZIE CORRELATE
  • Politica e trasporti
    10 Ottobre 2019
    In discussione al Consiglio dei Ministri, la bozza del Decreto Clima conferma le novità già annunciate dal ministro Costa, tra cui gli incentivi per la rottamazione dei veicoli più inquinanti. È previsto un bonus di 500 euro per chi rottama un moto o scooter Euro 2 o Euro 3
  • News
    07 Ottobre 2019
    Il motociclista che fa adventouring deve trovare il giusto compromesso tra grip in fuoristrada e trasferimenti su asfalto. Ne abbiamo parlato con Continental, presente all'evento di mototurismo con un proprio team. Fabio Borelli: "Le coperture dual sono la giusta soluzione"
  • Green Planet
    04 Ottobre 2019
    In caso di incidente la presenza delle batterie dei mezzi a zero emissioni può creare situazioni di pericolo come l’incendio e l’esplosione, ma pure provocare scosse a occupanti e al personale di primo soccorso. Per scongiurare tali rischi Bosch ha messo a punto dei sistemi di sicurezza che evitano lo shock elettrico in caso d’urto scongiurando gravi conseguenze