NOVITA' MOTOCICLISMO

Bosch: dal 2020 meno incidenti grazie ai radar?

L'azienda tedesca ha sviluppato un nuovo pacchetto di sicurezza che a partire dal 2020 verrà applicato su Ducati e KTM. Si tratta di una speciale variazione ai sistemi che consentono la guida autonoma sulle auto, in grado di "percepire" il traffico circostante e intervenire autonomamente quando serve. La sfida a ridurre drasticamente il numero di incidenti è definitivamente lanciata

Bosch: dal 2020 meno incidenti grazie ai radar?
Sarà di serie su Ducati e KTM
Bosch è una delle aziende più impegnate sui sistemi legati alla sicurezza attiva e ora sta sviluppando un nuovo pacchetto elettronico che debutterà su Ducati e KTM a partire dal 2020. Si tratta in buona sostanza di un sistema basato sull'uso di radar in grado di percepire il traffico circostante e intervenire di conseguenza. Il pacchetto è stato pensato per abbattere in maniera drastica il numero di incidenti sulle strade (di cui i motociclisti sono gli utenti più deboli), secondo le stime dei tecnici di Bosch l'uso dei radar potrebbe risolvere ben un incidente motociclistico su sette. Un dato che, se confermato, potrebbe davvero cambiare la prospettiva della sicurezza su due ruote. Il pacchetto di Bosch consta di tre sistemi denominati Adaptive Cruise Control, Forward collision warning e Blind-spot detection ed è stato sviluppato modificando le stesse tecnologie che già adesso consentono (con alterne fortune, va ammesso), la guida autonoma sulle auto. Ecco nello specifico, come funzionano e a cosa servono:
Adaptive Cruise Control: questo dispositivo viene incontro al pilota, soprattutto in caso di traffico intenso, regolando autonomamente la velocità del veicolo, aiutando chi guida a mantenere la distanza di sicurezza necessaria. Ciò previene di molto il rischio di tamponamenti e aiuta il pilota a concentrarsi solo sulla strada e sul traffico.
Forward collision warning: il dispositivo rileva gli altri mezzi vicini al proprio e in caso di un avvicinamento brusco o repentino avvisa il pilota con dei segnali sonori e visivi.
Blind spot detection: questo dispositivi infine, si occupa di "illuminare i punti ciechi". In pratica i radar tengono costantemente monitorate le zone difficilmente visibili dal pilota, avvisandolo della presenza o meno di altri veicoli. Un sistema comodo, soprattutto in caso di cambio di corsia. 


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    15 Agosto 2019
    MotoGP news – Subito dopo aver annunciato la separazione da Zarco, la casa austriaca aveva dichiarato che avrebbero offerto a Dani Pedrosa la possibilità di tornare in pista nel 2020. Lo spagnolo, che oggi è il collaudatore per KTM, ha declinato l'offerta e ha detto: “Ora sono molto più rilassato" e la casa apprezza molto il suo lavoro dietro le quinte
  • News
    14 Agosto 2019
    MotoGP news – L'annuncio della separazione a fine stagione tra Johann Zarco e KTM è stato un vero e proprio colpo di scena. Il francese ha raccontato cosa l’ha spinto a prendere questa difficile decisione e ha ribadito che questa scelta non può mettere fine alla sua carriera
  • Spy
    14 Agosto 2019
    Rakesh Sharma, direttore esecutivo di Bajaj, ha annunciato che l’alleanza con KTM per lo sviluppo di moto e scooter elettrici potrebbe includere anche una modello ad elevate prestazioni che andrebbe ad affiancare la gamma "economica" allo studio per il mercato interno