NOVITA' MOTOCICLISMO

Royal Enfield a Milano con 6 special del Custom Programme 2019

Royal Enfield si è presentata quest’anno a EICMA con ben sei modelli speciali realizzati a partire da Continental GT 650, Interceptor 650 e Himalayan. Curate nei minimi dettagli, le special del Custom Programme 2019 hanno attirato non pochi sguardi. Eccole nel dettaglio

Royal Enfield a Milano con 6 special del Custom Programme 2019
Special Royal Enfield
Accanto alle tre nuove colorazioni per la Himalayan (Gravel Grey, Lake Blue Dual Tone e Rock Red Dual Tone) Royal Enfiled ha portato a EICMA anche 6 inediti progetti del Custom Programme 2019, progetto in cui vengono coinvolti customizer di tutto il mondo per lavorare sui modelli della casa indiana in collaborazione con il reparto sviluppo. Le special messe in mostra hanno attirato non pochi sguardi: per chi se le fosse perse, eccole nel dettaglio.

Twin Tracker: un “pezzo unico” realizzato in collaborazione con Harris Performance, storica factory specializzata in ciclistiche racing e ora parte anch’essa della famiglia Enfield. Il telaio su misura è stato realizzato appositamente per le corse Flat Track: tentativo “interessante” per capire le potenzialità del motore Twin nelle competizioni.


 
Nought Tea v1.0: presentata per la prima volta al Bike Shed 2019, si tratta di una versione carenata della Continental GT 650 che include innumerevoli dettagli personalizzati, fra cui una bellissima verniciatura a tre tonalità. Progettata anch’essa in collaborazione con Harris Performance, questa versione ha portato allo sviluppo della Nought Tea v2.0, più adatta alle competizioni.


 
Nought Tea v2.0: partendo dalla versione più stilosa della Nought Tea v1.0, la versione 2.0 è stata progettata pensando alle gare e non ha deluso le aspettative, dominando il circuito Lydden Hill alla sua prima uscita durante la manifestazione Bike Shed. Il progetto ripropone la stessa carenatura sviluppata per la 1.0, aggiungendo sospensioni meglio settate e un motore elaborato. L’obiettivo era vedere che risultati si potessero ottenere mantenendo la cilindrata originale di 650cm3, il risultato è stato positivo visto che la potenza è salita del 26% e la maneggevolezza è migliorata.


 
Two Smoking Barrels: modello realizzato in collaborazione con Sinroja Motorcycles per partecipare alle gare di accelerazione. Obbiettivo principale è stato quello di ridurre il più possibile il peso, spogliando al massimo una Continental GT 650 e aumentando la potenza con un sistema NOS e un kit S&S 750 big bore. I risultati parlano da soli con un primo posto nella gara Wheels and Waves Punks Peak, un secondo posto alla Glemseck 101 Sultans of Sprint e un terzo posto nella classifica generale della stagione della Sultans of Sprint.


 
MJR Roachispirata ai videogiochi e al recente filone di film post-apocalittici, MJR Roach prende la base dell’Himalayan e la sviluppa aggiungengo pneumatici XL, un lungo forcellone monobraccio in alluminio e, addirittura, un turbocompressore Garret.
 


Gallinella: Un concept studiato da BAAK Motorcycle per Wheels and Waves 2019. Gallinella reinterpreta la linea della Interceptor 650. Elementi distintivi sono la zona posteriore realizzata in alluminio battuto a mano e completata da numerosi dettagli realizzati a mano che la rendono più pulita e allo stesso tempo originale.



NOTIZIE CORRELATE
  • Notizie dalla rete
    21 Gennaio 2020
    La Euro 5 ha fatto e farà molte vittime, tra queste, secondo quanto riportano i siti inglesi, anche il glorioso monocilindrico 500 di Royal Enfield che dovrebbe uscire di produzione non prima però di aver dato vita a una bella “final edition”
  • News
    14 Gennaio 2020
    Presente al Motor Bike Expo con i nuovi capi della linea abbigliamento 2020 e 2 special di South Garage, il brand francese Segura porterà quest’anno tra i padiglioni della fiera anche la troupe di Garage School TV per realizzare durante la kermesse un reportage video con le interviste ai personaggi che visiteranno lo stand
  • News
    03 Gennaio 2020
    Royal-Enfiled ha recentemente depositato la richiesta di utilizzo esclusivo dei nomi Sherpa e Hunter. Dei possibili modelli non si sa ancora nulla, anche se quello di Sherpa non è un nome del tutto nuovo per il marchio indo-britannico