NOVITA' MOTOCICLISMO

Raffaella Carrà fu anche pin-up per Vespa e Lambretta

Conduttrice, cantante, ballerina, showgirl e pure pin-up per i calendari di Vespa e Lambretta. Entrata nelle case degli italiani attraverso radio e tv, Raffaella Carrà fu tra il 1966 e il 1970 anche testimonial del “miracolo italiano”

Raffaella Carrà fu anche pin-up per Vespa e Lambretta
Raffaella in Vespa e Lambretta
Di belle donne in posa in calendario accanto a moto e scooter se ne sono viste negli anni, ma poche del fascino e del carisma di Raffaella Carrà. Sì, perché per quanti, troppo giovani, non lo sapessero, la showgirl bolognese è entrata nelle case degli italiani non solo attraverso radio e tv ma anche per mezzo di alcuni calendari da appendere al muro. 
Scomparsa lo scorso 5 luglio a seguito di una malattia che la affliggeva da tempo, la conduttrice, cantante e ballerina ha iniziato la sua splendida carriera già agli inizi degli anni Cinquanta, diventando appena un decennio dopo testimonial per Piaggio, che nel 1966 la scelse come “pin-up” per Vespa, all’epoca emblema della bellezza, della raffinatezza, del gusto e del miracolo italiano. Pochi anni più tardi fu la volta di Lambretta che, nel 1970, chiese a Raffaella, sempre più famosa e conosciuta nel mondo dello spettacolo - di lì a pochi mesi sarebbe arrivato l’intramontabile Tuca Tuca -  di tornare davanti alla macchina fotografica e farsi ritrarre in 12 scatti insieme allo scooter. Pose artistiche, mai volgari ed anzi estremamente raffinate e di buon gusto, esattamente come piaceva all’epoca. La Carrà, bella quanto brava, non aveva nulla da invidiare alle tante dive americane che spopolavano da una costa all’altra dell’oceano…

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Industria e finanza
    30 Novembre 2021
    Galvanizzato dai numeri 2021 e dalle altrettanto positive previsioni per il 2022, il Gruppo Piaggio ha annunciato un piano di rafforzamento dell’organico che porterà di qui ai prossimi mesi a 580 nuove assunzioni per gli stabilimenti di Mandello del Lario, Pontedera e Scorzé
  • News
    23 Settembre 2021
    L’ultima follia dello stuntman Günter Schachermayr è stata una “passeggiata” sul tetto di una delle più grandi cabinovie passeggeri del mondo: quella della pista da sci di Feuerkogel nel Salzkammergut, Alta Austria. Günter è stato sempre seduto sul suo scooter, fissato alla cabina con una piattaforma speciale realizzata per questa impresa
  • Green Planet
    21 Settembre 2021
    Lo specialista inglese Retrospective ha presentato un retrokit dedicato a Vespa e Lambretta. Il kit permette di sostituire il motore a benzina due tempi con una unità elettrica realizzata su misura e alimentata da un pacco batterie stivato nel serbatoio. Ecco come funziona, cosa comprende e quanto costa