NOVITA' MOTOCICLISMO

Ossa e Gas Gas produrranno nello stesso stabilimento

Ossa trasferirà la sua produzione nella fabbrica Gas Gas di Girona. Una soluzione che però non chiarisce del tutto il futuro della casa

Ossa e Gas Gas produrranno nello stesso stabilimento

Il futuro è incerto

Ossa, storico marchio spagnolo rinato da qualche anno e specializzato ora in moto da trial, a breve sposterà la propria produzione nella fabbrica della Gas Gas. I due marchi condivideranno le linee produttive nello stabilimento di Girona, la notizia è stata accolta positivamente dalla cittadina spagnola, perché si stima che questa unione porterà a un raddoppio delle moto prodotte (da 9.000 a 15.000 unità/anno) e creerà quasi 70 posti di lavoro in più. Non appare ancora chiaro però il “futuro” del marchio Ossa, in Spagna sono in molti a pensare che questo potrebbe essere il primo passo per l'ennesimo pensionamento del marchio (GasGas e Ossa sono concorrenti nel settore trial). Ossa, fondata negli anni 20 e azienda leader nel settore moto nel periodo della Spagna Franchista, ha visto una prima crisi conclusa col fallimento a metà degli anni 80. Poi, dopo quasi 20 anni di buio, il rientro nel 2009, con la presentazione di una gamma da trial da competizione con un sofisticato motore a due tempi alimentato a iniezione (in alto la TR280i, ammiraglia della famiglia). Gas Gas invece ha piani più precisi di sviluppo, con la realizzazione di due nuovi stabilimenti in Sudamerica e Asia.


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    20 Gennaio 2020
    Presentato da Bosch al CES di Las Vegas, il nuovo sistema di rilevamento Lindar potrebbe accelerare l’arrivo delle auto a guida autonoma sulle nostre strade. Più veloce e preciso, l’innovativo sensore “riconosce” anche le due ruote che si spostano sulla carreggiata
  • News
    01 Gennaio 2020
    Scuolamoto.it dedica una serie di corsi sulla sicurezza attiva e passiva al solo pubblico femminile. Le lezioni si terranno il sabato mattina a Milano nei mesi di febbraio e marzo
  • News
    24 Dicembre 2019
    La norma per l’estensione degli ecobonus di ulteriori 12 mesi è stata inserita nel decreto Milleproroghe. Invariato il meccanismo dell'incentivo: rimangono confermati il vincolo della rottamazione di un mezzo inquinante e la soglia massima dei 3.000 euro del bonus