NOVITA' MOTOCICLISMO

Ossa e Gas Gas produrranno nello stesso stabilimento

Ossa trasferirà la sua produzione nella fabbrica Gas Gas di Girona. Una soluzione che però non chiarisce del tutto il futuro della casa

Ossa e Gas Gas produrranno nello stesso stabilimento

Il futuro è incerto

Ossa, storico marchio spagnolo rinato da qualche anno e specializzato ora in moto da trial, a breve sposterà la propria produzione nella fabbrica della Gas Gas. I due marchi condivideranno le linee produttive nello stabilimento di Girona, la notizia è stata accolta positivamente dalla cittadina spagnola, perché si stima che questa unione porterà a un raddoppio delle moto prodotte (da 9.000 a 15.000 unità/anno) e creerà quasi 70 posti di lavoro in più. Non appare ancora chiaro però il “futuro” del marchio Ossa, in Spagna sono in molti a pensare che questo potrebbe essere il primo passo per l'ennesimo pensionamento del marchio (GasGas e Ossa sono concorrenti nel settore trial). Ossa, fondata negli anni 20 e azienda leader nel settore moto nel periodo della Spagna Franchista, ha visto una prima crisi conclusa col fallimento a metà degli anni 80. Poi, dopo quasi 20 anni di buio, il rientro nel 2009, con la presentazione di una gamma da trial da competizione con un sofisticato motore a due tempi alimentato a iniezione (in alto la TR280i, ammiraglia della famiglia). Gas Gas invece ha piani più precisi di sviluppo, con la realizzazione di due nuovi stabilimenti in Sudamerica e Asia.


NOTIZIE CORRELATE
  • Industria e finanza
    16 Agosto 2019
    L’India punta sull’elettrico, annunciando piani per l’aumento di auto elettriche e divieti alla circolazione di moto a combustione interna di piccola cilindrata. Decisioni che hanno obbligato Benelli a ridimensionare i suoi piani d’espansione nel Sub Continente
  • News
    03 Agosto 2019
    La Francia ha avviato la sperimentazione per l’utilizzo di dispositivi microfonati in grado di rilevare la rumorosità dei veicoli. Per il momento non s’è parlato di multe, anche se le prime rilevazioni hanno già evidenziato numerosi “picchi di rumore” che, forse, potrebbero un giorno essere sanzionati
  • Industria e finanza
    02 Agosto 2019
    Il mese di luglio s’è chiuso con numeri in positivo ad esclusione dei soli cinquantini. Tra moto è scooter si sono registrate 29.497 nuove immatricolazioni,  pari cioè ad un +11,7% rispetto al luglio dello scorso anno