NOVITA' MOTOCICLISMO

Ossa e Gas Gas produrranno nello stesso stabilimento

Ossa trasferirà la sua produzione nella fabbrica Gas Gas di Girona. Una soluzione che però non chiarisce del tutto il futuro della casa

Ossa e Gas Gas produrranno nello stesso stabilimento

Il futuro è incerto

Ossa, storico marchio spagnolo rinato da qualche anno e specializzato ora in moto da trial, a breve sposterà la propria produzione nella fabbrica della Gas Gas. I due marchi condivideranno le linee produttive nello stabilimento di Girona, la notizia è stata accolta positivamente dalla cittadina spagnola, perché si stima che questa unione porterà a un raddoppio delle moto prodotte (da 9.000 a 15.000 unità/anno) e creerà quasi 70 posti di lavoro in più. Non appare ancora chiaro però il “futuro” del marchio Ossa, in Spagna sono in molti a pensare che questo potrebbe essere il primo passo per l'ennesimo pensionamento del marchio (GasGas e Ossa sono concorrenti nel settore trial). Ossa, fondata negli anni 20 e azienda leader nel settore moto nel periodo della Spagna Franchista, ha visto una prima crisi conclusa col fallimento a metà degli anni 80. Poi, dopo quasi 20 anni di buio, il rientro nel 2009, con la presentazione di una gamma da trial da competizione con un sofisticato motore a due tempi alimentato a iniezione (in alto la TR280i, ammiraglia della famiglia). Gas Gas invece ha piani più precisi di sviluppo, con la realizzazione di due nuovi stabilimenti in Sudamerica e Asia.
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    25 Giugno 2019
    Ogni anno, con l’arrivo del caldo, molti motociclisti svestono giubbotti, guanti e stivali, montando in sella senza le giuste protezioni. Sbagliatissimo: l’abbigliamento tecnico, oltre a proteggerci in caso di cadute, è utile anche per schermare il corpo dai picchi di calore che, specialmente nel traffico cittadino, possono essere molto pericolosi
  • News
    14 Giugno 2019
    In costante crescita, il traffico urbano si è quadruplicato in poco più di 50 anni e, unitamente all’ormai prossimo arrivo di auto a guida autonoma, ciò potrebbe dimostrarsi una grave minaccia per i motociclisti. Secondo il fondatore di Damon Motors, la soluzione andrebbe quindi ricercata in rilevatori radar dotati di intelligenza artificiale in grado di calcolare le traiettorie e, nel caso di potenziale pericolo, avvertire il pilota
  • Green Planet
    14 Giugno 2019
    Da Torino l’Italiana Tacita guarda a ovest, annunciando la prossima apertura di una sede in Florida. Miami diventerà il centro nevralgico per il consolidamento sul mercato americano, ma nei piani dell’azienda produttrice di moto 100% elettriche ci sono anche Caraibi e Sud America