NOVITA' MOTOCICLISMO

Al Museo Ducati la 916 personale di Tamburini

Venticinque anni fa, grazie al genio di Massimo Tamburini, nasceva la Ducati 916, una sportiva che ha rivoluzionato il mondo delle sportive. Fino a gennaio 2020 al Museo Ducati è possibile vedere uno dei tre prototipi sui quali Tamburini sviluppò la 916 fino all’industrializzazione

Al Museo Ducati la 916 personale di Tamburini
Un mito in mostra
Nasceva 25 anni fa la Ducati 916, una moto che ha tracciato un solco fra l’impostazione stilistica delle moto sportive “prima” e “dopo”, frutto del genio di Massimo Tamburini. Nell’ambito delle celebrazioni di questa importante ricorrenza è stata esposta al Museo Ducati una 916 diversa da tutte le altre, perché è la 916 personale dello scomparso designer riminese, quella che lui stesso aveva guidato. Quella protagonista di un famoso aneddoto che vide Tamburini uscire in sella in una giornata di pioggia, per verificare al rientro come giravano i flussi d’aria in base alle gocce lasciate sulla carena. Si tratta di uno dei tre prototipi sui quali Tamburini sviluppò la 916 fino all’industrializzazione, avvenuta nel 1994, ed è stato possibile metterla in mostra grazie alla collaborazione della figlia del designer, Simona.
La differenza rispetto al prodotto di serie appare in numerosi dettagli, diversi dei quali vennero poi ripresi sulle 916 SP. La carrozzeria della moto di Tamburini  è quasi completamente in vetroresina mentre i convogliatori dell’aria, così come il parafango anteriore, l’airbox, i terminali di scarico e il portatarga sono in fibra di carbonio. Su questo esemplare ci sono diversi componenti racing, in particolare i cerchi a cinque razze in magnesio e il forcellone monobraccio alleggerito. Trattandosi di un prototipo, mancano invece gli indicatori di direzione e il tachimetro/contachilometri, che vennero definiti in un secondo tempo, così che la strumentazione della moto è ridotta all’indicatore dei giri motore ed all’indicatore della temperatura dell’acqua. La moto resterà in esposizione fino al 15 gennaio 2020.
 


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    26 Febbraio 2020
    La nuova creatura di Dall'Igna sfoggia un rivoluzionario sistema per abbassare meccanicamente l'assetto in pista. Dovizioso inizia a capire le nuove gomme, Petrucci e Bagnaia hanno bisogno di più tempo. La GP20 ha più motore della GP19 di Zarco e guadagna circa 5 km/h rispetto all'anno scorso
  • News
    24 Febbraio 2020
    La stagione Superbike sta per iniziare, in Australia, la casa di Borgo Panigale si aspetta tanto da Scott Redding. Ad ammetterlo è stato il direttore sportivo di Ducati Corse Paolo Ciabatti, che punta su di lui per riportare il titolo in Italia e non esclude un suo passaggio in MotoGP se centrerà nell’obiettivo di conquistare il titolo SBK
  • News
    22 Febbraio 2020
    MotoGP news – Danilo Petrucci e Andrea Dovizioso hanno chiuso rispettivamente con il quarto e con l’undicesimo tempo  la prima giornata di test svolta sul circuito di Losail. Il “Petrux” ha avuto un buon feeling con la sua Ducati ed è riuscito a essere costante; il “Dovi” è scivolato a fine sessione, ma questo non ha compromesso il programma di lavoro