NOVITA' MOTOCICLISMO

Mostra scambio Novegro, protagonista 2020 sarà Laverda

In scena al parco esposizione di Novegro dal 14 al 16 febbraio, la 78° Mostra Scambio di auto, moto e ricambi d’epoca sarà quest’anno dedicata a Laverda ed alla sua lunga e travagliata storia. Il resto ovviamente non cambia: la mostra sarà l'occasione perfetta per ammirare rari modelli e per trovare quel pezzo di ricambio che si cercava da tempo…

Mostra scambio Novegro, protagonista 2020 sarà Laverda
Laverda
Cominciata a Breganze, in Veneto, nel 1949, la gloriosa storia di Laverda sarà omaggiata con la prossima edizione dell’ormai consueta Mostra Scambio di Novegro, quest’anno in scena al parco esposizione di Novegro dal 14 al 16 febbraio.
La tre giorni sarà occasione per ammirare - e perchè no acquistare - modelli speciali, nonchè trovare memorabilia ed ormai rari pezzi di ricambio.

Un po’ di storia
Nata dall’esperienza maturata nei campi - la famiglia Laverda possedeva da quasi un secolo una fabbrica di macchine agricole -, la prima moto veneta prende forma nel ‘47 -’48. Francesco Laverda pensa alle moto con uno spirito quasi missionario: “mio padre non era un motociclista - ricordava il figlio Massimo - ma voleva contribuire al miglioramento delle condizioni sociali con un mezzo di trasporto utilitario, molto economico ed affidabile. Ha quindi pensato ad una moto leggera. Poi si appassionerà anche alle corse, specialmente quelle di gran fondo, su e giù per l’Italia ma sempre nell’intento di diffondere la motorizzazione popolare, di dar lavoro a tanta gente per accelerare la ricostruzione del Paese”.
La prima Laverda è una 75 cm3 quattro tempi che consente di andare in due e consuma come un ciclomotore a due tempi. Le prime consegne avvengono nel ’50, al prezzo 164.810 lire  IGE (l’Iva dell’epoca) compresa. Il successo della 75 e della sorellona da 100cm3 dura una decina d’anni, propiziato dalle travolgenti affermazioni collettive nella Milano-Taranto, nel Giro d’Italia ma anche nei campionati junior e nelle corse in salita. La fabbrica si ingrandisce e arriva ad avere 250 dipendenti, toccando a metà degli anni Cinquanta la soglia delle trenta moto prodotte ogni giorno. Con il divieto alle gare di gran fondo (dopo la sciagura della Mille Miglia 1957), con l’arrivo delle utilitarie Fiat (500, 600, 850) e con le migliorate condizioni economico-sociali arriva inevitabile la crisi del mercato motociclistico. Ancora Massimo Laverda, nel 1997: “Abbandonata nel ’60 la nostra produzione tradizionale abbiamo tentato altre strade, il ciclomotore quattro tempi del ’58, lo scooterino quattro tempi del ’60, il ciclomotore due tempi del ’64 (venduto anche in scatola di montaggio). Ilciclomotore a due tempi (il primo con i freni a disco!) ci costava 49.000 lire e lo vendevamo a 49.500! Abbiamo superato questa prima grossa crisi un po’ lavorando per le macchine agricole, un po’ con la 200 bicilindrica a quattro tempi  che siamo anche riusciti a vendere negli USA sotto il nome di Gemini”. Il rilancio va come sperato: nel ’74 comincia la costruzione di un nuovo stabilimento da 300 dipendenti e, in totale, dal ’68 al ’77 verranno prodotte la bellezza di 18.500 “750”. Accanto  a queste maxi moto, esportate in tutto il mondo e valorizzate dai successi sportivi, fioriscono intanto molte altre proposte come il Chott 250 due tempi da fuoristrada (1974), la 350 - 500 bicilindrica quattro valvole (1975), la LZ 125 con motore Zundapp (1977), l’HW da fuoristrada 125-250 con motore Husqvarna (1976), infine la Lesmo, sportivissima 125 con motore tutto Laverda che scenderà anche in pista per un trofeo monomarca. Poi le “specialissime” come la V6 1000 e la Laverda BMW da fuoristrada. Successi che hanno investito gli anni Settanta, che vacillano negli Ottanta sotto i colpi della spietata concorrenza giapponese e che terminano negli anni Duemila, quando Laverda viene  acquistata da Aprilia e, successivamente, finisce in mani Piaggio.
 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    16 Febbraio 2018
    Il Parco Esposizioni di Novegro ospiterà da oggi 16 febbraio fino a domenica 18 la 72° edizione della Mostra Scambio dedicata alle due ruote d’epoca. Punto di riferimento per gli appassionati, la mostra sarà quest’anno occasione anche per conoscere la storia di Ducati e dei suoi monocilindrici prodotti tra il 1946 e il 1977
  • News
    10 Febbraio 2017
    Lo scooter Innocenti sarà l'ospite d’onore alla 69° edizione della Mostra scambio di moto d’epoca, in programma alle porte di Milano dal 17 al 19 febbraio. Gli appassionati infatti, oltre a "perdersi" tra i tanti rivenditori di ricambi, potranno ammirare anche una bella mostra tematica dedicata allo scooter “made in Lambrate”
  • News
    11 Novembre 2015
    La Federazione motociclistica italiana ha presentato il Motorcycle Heritage FMI, un vero e proprio museo virtuale che sarà a disposizione di chi vorrà dare il massimo del valore alle moto più preziose della propria collezione. La sua pagina web è già attiva e ospita le prime chicche su due ruote