NOVITA' MOTOCICLISMO

Monopattino elettrico, 3 consigli per far durare la batteria

Nonostante le moderne batterie agli ioni di litio siano oggi in grado di assicurare prestazioni elevate e una durata anche oltre i 1.000 cicli di ricarica, per mantenerle in salute è bene non scordarsi qualche piccolo ma fondamentale accorgimento riguardante tempi, frequenza e modalità di ricarica

Monopattino elettrico, 3 consigli per far durare la batteria
Il cuore del monopattino elettrico
Un po’ come per qualsiasi altro “accessorio” elettronico, la batteria è, per i monopattini, la componente fondamentale, ma per funzionare correttamente e, soprattuto, mantenersi “in salute” col passare del tempo, richiede qualche piccolo ma indispensabile accorgimento in fatto di ricarica e manutenzione. Il libretto di istruzioni riporta generalmente numerosi consigli utili ad allungare la vita della batteria o, almeno, a non danneggiarla. 

Vediamo quali sono.

Tempi di ricarica
Generalmente, la batteria di un monopattino elettrico ha bisogno di un tempo di carica di circa 4 o 5 ore (nei modelli più performanti e costosi, il tempo di ricarica può ridursi notevolmente fino ad un’ora e mezza). Il consiglio è ovviamente quello di rispettare le tempistiche indicate sul “libretto”, facendo in particolare attenzione a non lasciare mai la batteria sotto carica per un tempo prolungato. Esattamente come per quelle di smartphone e computer (ma in generale di qualsiasi altro apparecchio elettronico), anche le batterie dei monopattini elettrici soffrono infatti la ricarica prolungata che, a lungo andare, finirà per danneggiarle e ridurne l’autonomia.

Modalità di ricarica
Anche in questo caso, è bene fare riferimento alle indicazioni presenti sul libretto di istruzioni. In linea di massima, valgono i consigli di cui sopra (non lasciare la batteria in carica tutta la notte se il tempo di ricarica indicato è di 4 o 5 ore) e quelli generalmente utili a tutte le batterie. Per esempio, è bene effettuare la ricarica “a freddo”, cioè è consigliabile evitare di mettere in carica la batteria immediatamente dopo l’utilizzo del monopattino.

Frequenza di carica

Circa il livello di carica oltre e prima del quale è sconsigliato mettere in carica qualsiasi apparecchio elettronico se n’è discusso a lungo. La questione varia ovviamente da batteria a batteria e, quindi, è difficile dare una risposta univoca valida per qualsiasi accessorio high-tech. Per quanto riguarda il monopattino elettrico, nella maggior parte dei casi, il livello minimo della batteria è considerato il 20%. Ciò significa in pratica che è “sconsigliabile” mettere in carica una batteria completamente scarica: per mantenerla in salute, sarebbe meglio caricarla un po' prima di arrivare allo 0%…


 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Green Planet
    22 Dicembre 2020
    Il primo monopattico elettrico della casa di Noale si fa notare per le grafiche racing, il telaio in magnesio con ruote da 10” e un adeguato impianto frenante. Il sistema elettrico è costituito dal motore da 350 W nel mozzo della ruota anteriore, dalle batterie estraibili da 280 Wh per un'autonomia di 30 km. Ha luci a Led, pneumatici anti-foratura, display LCD e costa 659 euro
  • News
    15 Settembre 2020
    Entrati di diritto nella nuova mobilità urbana, i monopattini elettrici sono oggi tra i mezzi preferiti dagli adolescenti. Com’era per i motorini, gli smanettoni 2.0 hanno però iniziato a truccare i motori, ottenendo negli allunghi risultati davvero eccezionali. Emerge il problema sicurezza: ecco le proposte dell’Osservatorio sulla Sicurezza stradale
  • Green Planet
    29 Agosto 2020
    Il provvedimento che concede agevolazioni per l’acquisto di bici, e-bike, mezzi di micromobilità e servizi di sharing potrebbe essere in dirittura d’arrivo con la attivazione di un apposito modulo nel sito del Ministero dell’Ambiente per richiedere il contributo. Il bonus sarà erogato in ordine cronologico seguendo la data di acquisto per evitare il “click day”