NOVITA' MOTOCICLISMO

Monopattini elettrici, Milano "caccia" tre società di sharing

Milano revoca l’autorizzazione a Bird, Circ e Helbiz: le tre compagnie, colpevoli di non avere vigilato sulla corretta fruizione del servizio offerto ai propri clienti, dovranno ritirare le rispettive flotte di monopattini elettrici entro il 15 novembre. Dalle strade del capoluogo lombardo spariranno così circa 2000 veicoli

Monopattini elettrici, Milano "caccia" tre società di sharing
Si chiude nel peggiore dei modi il braccio di ferro cominciato mesi fa tra il Comune di Milano e le società attive nel servizio di sharing dei monopattini elettrici. Dopo le minacce, si è arrivati ai fatti: a tre compagnie è stato imposto di ritirare i mezzi ed interrompere il servizio.
Sbarcati nel capoluogo meneghino a inizio 2019, i monopattini elettrici - a quanto pare molto apprezzati dai milanesi anche se di recente additati come “mezzi di contagio per il Covid” - hanno fin dall’inizio acceso numerose polemiche legate in primis alla velocità eccessiva nelle aree pedonali, alla percorrenza sui marciapiedi e alla sosta “selvaggia”, con i mezzi letteralmente abbandonati e spesso d’intralcio ad auto e pedoni. Irregolarità solo in parte attribuibili agli utenti, poiché di fatto di competenza degli operatori stessi, comunque obbligati a disciplinare la fruizione del servizio offerto.

Stop ai noleggi
Obbligo che, a quanto pare, non è stato assolto dalle compagnie Bird, Circ e Helbiz, costrette dall’amministrazione ad interrompere definitivamente il servizio. “A fronte di diverse rilevazioni di irregolarità a carico degli operatori e di reiterazione di comportamenti non conformi alle regole definite negli avvisi pubblici - spiega il Comune di Milano - si è reso necessario arrivare a questo provvedimento che impone ai tre operatori la cessazione delle attività e il ritiro dei veicoli entro metà novembre. La condivisione dei monopattini - conclude l'amministrazione comunale - è stata accolta dai cittadini con molto favore e si è inserita rapidamente ed efficacemente nella ‘sharing mobility’ urbana. I monopattini consentono spostamenti agili e capillari, si integrano con la rete del trasporto pubblico e rappresentano un sistema innovativo e sostenibile, ma gli elementi a favore della sperimentazione attuata dal Comune di Milano non prescindono dalla sicurezza del mezzo e dall'utilizzo regolare del veicolo”.
Con i circa 2000 monopattini di Bird, Circ e Helbiz fuori dai giochi, a Milano rimarranno disponibili quelli offerti da Bit, Dott, Lime, Voi e Wind. 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Green Planet
    13 Gennaio 2021
    Dal 14 gennaio chi ha acquistato una bici, un’e-bike o un monopattino nel 2020 e non è riuscito a ottenere il rimborso del buono mobilità potrà richiederlo attraverso l’apposita piattaforma. Per effettuare la pratica ci sarà tempo un mese mentre i rimborsi partiranno dal 15 febbraio
  • Politica e trasporti
    25 Dicembre 2020
    Alla fine è arrivato: per circolare sul monopattino elettrico sarà obbligatorio indossare il casco, anche se maggiorenni. Firmata dal primo cittadino di Firenze, l’ordinanza potrebbe presto essere “copiata” da altri sindaci ed estesa ad altri comuni italiani. Come dimostrano i dati, il fattore sicurezza è tutto fuorché secondario
  • Green Planet
    24 Novembre 2020
    Si susseguono le iniziative dei gestori di servizi di condivisione per spingere i cittadini a utilizzare mezzi che garantiscano adeguato distanziamento fisico. Swapfiets offre un bonus di 50 euro agli operatori sanitari per il nolo delle bici, Dott rimuove la tariffa di sblocco dei monopattini ed eCooltra allarga la zona di azione nel milanese offrendo 12 euro d’uso gratuito