NOVITA' MOTOCICLISMO

Milano, "parcheggi abusivi": bici e monopattini saranno rimossi dalla polizia

Utili per limitare l’inquinamento ed il traffico cittadino, biciclette e monopattini in sharing vengono spesso abbandonati sul marciapiedi, in prossimità di attraversamenti pedonali, davanti alla fermata dei mezzi o in corrispondenza degli scivoli per i disabili. Il servizio avviato a Milano punta a risolvere il problema

Milano, "parcheggi abusivi": bici e monopattini saranno rimossi dalla polizia
Sharing mobility
Aggravato dalla crescita dei servizi di sharing, il problema dei mezzi - biciclette e monopattini - “parcheggiati” sui marciapiedi richiede una rapida soluzione. Il fenomeno, figlio anche del famoso slogan “mettila dove vuoi” utilizzato da una nota azienda di servizi sharing è sotto gli occhi - e tra i piedi - di tutti: camminare per una città come Milano significa ormai districarsi tra una miriade di veicoli “abbandonati” praticamente ovunque, sui marciapiedi, nelle aree pedonali, davanti ai negozi e perfino sulla carreggiata. Ma qualcosa, finalmente, s’è mosso: proprio a Milano, è stato infatti avviato il servizio di rimozione di tutti i mezzi - privati o in sharing - che intralciano il passaggio. Il servizio inizia in via sperimentale nell’area della Cerchia dei bastioni per poi estendersi a tutta la città grazie all’ausilio delle pattuglie di Polizia locale che controllano il territorio e che richiederanno l’autocarro per la rimozione su tutto il territorio comunale. In particolare, durante questa prima fase, nel mirino degli incaricati finiranno prevalentemente quei veicoli abbandonati in corrispondenza di scivoli e parcheggi dedicati alle persone con disabilità, in prossimità di attraversamenti pedonali, passi carrai e fermate dei mezzi pubblici. 
“La diffusione di monopattini e biciclette in sharing racconta un’attenzione e una disponibilità a una mobilità nuova e sostenibile e migliora le azioni di tutela dell’ambiente e della salute delle persone. Allo stesso tempo il rispetto delle regole da parte di tutti è fondamentale – commentano la vicesindaco Anna Scavuzzo e l’assessore alla Mobilità Marco Granelli –, anche per quel che riguarda la sosta. Monopattini e biciclette non devono diventare un ostacolo o un intralcio: ci auguriamo che il buonsenso di chi li utilizza prevalga, nel mentre è indispensabile attivare questo nuovo servizio e verificarne l’efficacia”.
 La multa ed il costo della rimozione sarà addebitato all'ultimo utilizzatore del veicolo che, come specificato dal Comune, verrà trasportato e depositato per la custodia presso il deposito ATM di via Palizzi.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Politica e trasporti
    12 Novembre 2020
    Milano revoca l’autorizzazione a Bird, Circ e Helbiz: le tre compagnie, colpevoli di non avere vigilato sulla corretta fruizione del servizio offerto ai propri clienti, dovranno ritirare le rispettive flotte di monopattini elettrici entro il 15 novembre. Dalle strade del capoluogo lombardo spariranno così circa 2000 veicoli
  • Politica e trasporti
    01 Novembre 2020
    Già al centro di numerose polemiche a causa dell’utilizzo indisciplinato da parte di molti utenti, i monopattini elettrici finiscono ora nel mirino di una interrogazione parlamentare che sottolinea i rischi dovuti alla mancata sanificazione di questi mezzi
  • News
    30 Settembre 2020
    Un video virale mostra un monopattino sfrecciare a circa 100 km/h, dimostrazione lampante di come le norme che regolano uso e circolazione di questi mezzi non siano rispettate né sufficienti. Il presidente dello Sportello dei Diritti Giovanni d'Agata ha detto la sua: "Bisogna aumentare i controlli, così è pericoloso"