NOVITA' MOTOCICLISMO

Modulo autocertificazione, cosa cambia e come scaricarlo

Coronavirus, con il decreto del 22 marzo è entrato in vigore anche il nuovo modello di autocertificazione per gli spostamenti. Nel nuovo modulo il dichiarante deve indicare oltre alla residenza anche il domicilio se sono differenti, una modifica necessaria per evitare i ritorni in massa al Sud Italia dal Nord

Modulo autocertificazione, cosa cambia e come scaricarlo
Cosa cambia
Il nuovo decreto governativo emanato lo scorso fine settimana sancisce ulteriori blocchi alla circolazione, ponendo l'accento sul divieto di spostamenti da comune a comune. Per questo tipo di spostamenti varranno solo i motivi di comprovata necessità lavorativa, di necessità e di salute che riguardano, ovviamente, solo persone non affette dal virus.
Nel nuovo modulo il dichiarante deve indicare oltre alla residenza anche il domicilio. Nella prima parte, tra i provvedimenti di cui deve dichiarare di essere a conoscenza, ci sono anche il Dpcm del 22 marzo e l'ordinanza del ministero della Salute del 20 marzo "concernenti le limitazioni alle possibilità di spostamento delle persone" nel territorio nazionale. Nel nuovo modulo occorre inoltre indicare da dove lo spostamento è cominciato e la destinazione.
Il nuovo modulo lo potete scaricare qui, se non avete la stampante ovviamente potete ricopiarlo a mano. Non cambiano le altre voci del modello, con il cittadino fermato dalle Forze dell'Ordine che deve sempre dichiarare di non trovarsi nelle condizioni previste dall'art. 1, comma 1, lett. c) del D.P.C.M. dell'8 marzo 2020 che vieta assolutamente ai soggetti sottoposti a quarantena (quindi positivi al Coronavirus) di muoversi dalla propria abitazione o dimora. Con il regime di quarantena, lo ribadiamo, non si può scherzare e chi venisse sorpreso fuori casa rischia la denuncia penale. Il reato che si profilerebbe è "procurata epidemia colposa", che va dai 3 ai 12 anni di carcere.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    22 Giugno 2020
    L’ente che gestisce la strada è tenuto a rimuovere tutte le insidie che possono causare incidenti, altrimenti sarà responsabile di eventuali danni. La Corte di Cassazione ha ribadito il principio secondo cui i danni dovuti alla cattiva manutenzione devono imputarsi al proprietario o al gestore della strada, salvo che questi dia prova del caso fortuito
  • Politica e trasporti
    20 Giugno 2020
    Dopo quasi un anno di palleggio tra il Ministero dell'Interno e quello dei Trasporti, con la Polizia Stradale che chiudeva un occhio (ma non le assicurazioni), la soluzione dei problemi per la circolazione degli scooter L5e a tre ruote in autostrada potrebbe arrivare a metà luglio con la conversione in legge del Decreto Rilancio 
  • News
    11 Giugno 2020
    Il pagamento dei bolli auto e moto in molte regioni italiane è stato sospeso nell’attesa che i blocchi imposti dal lockdown venissero allentati. Ora che gli spostamenti sono liberi e le attività commerciali sono tutte riaperte si può tornare a pagare la tassa di possesso. Ecco l’elenco completo delle regioni che hanno previsto questa agevolazione e i nuovi termini per i pagamenti