NOVITA' MOTOCICLISMO

Mercato due ruote 2023: gennaio segna +37,7%

Il 2023 si apre sotto i migliori auspici. Rispetto allo stesso mese dello scorso anno, gennaio ha chiuso infatti con un solidissimo +37,7%, equivalente ad un totale di 21.314 nuove immatricolazioni. Bene sia scooter che moto, male invece i ciclomotori e gli elettrici, che “scontano” entrambi le ottime performance del 2022. Ecco i numeri più nel dettaglio

Mercato due ruote 2023: gennaio segna +37,7%

Mercato due ruote gennaio 2023
Con un solido +37,7% sullo stesso mese 2022, il nuovo anno è cominciato per ciò che riguarda il mercato a due ruote sotto i migliori auspici.  “L’andamento del mercato - ha commentato il presidente di Confindustria ANCMA Paolo Magri -  è in continuità con i numeri registrati negli ultimi due anni, che vedono il nostro Paese leader in Europa per numero di immatricolazioni e anche nella produzione. L’Italia si dimostra nuovamente epicentro della passione per le due ruote e i motocicli rilanciano anche il proprio ruolo decisivo nella mobilità individuale e urbana, dimostrata anche dalla volontà degli utenti di rinnovare il parco circolante: elementi che evidenziano ancora una volta il valore e la rilevanza del nostro comparto”. Ma guardiamo ai numeri più nel dettaglio.

Mercato di gennaio
Come accennato, il mese di gennaio 2023 s’è chiuso con un +37,7% rispetto allo stesso mese dello scorso anno, equivalente a 21.314 nuove immatricolazioni. Il dato più significativo è quello riferito agli scooter, che crescono del 77,4% e immatricolano 10.720 veicoli. Ottimo anche l'andamento delle moto, che spuntano un incremento del 22,36% e targano 9.482 mezzi. Unico dato in controtendenza è quello dei ciclomotori, che fanno segnare un calo del 33,97% e registrano 1.112 unità: un “rimbalzo tecnico” dovuto a una significativa commessa registrata nel corso del 2022.

Mercato elettrico
Male, invece, per ciò che riguarda i veicoli a batteria, che per ciò che riguarda gennaio segnano solo 868 nuove immatricolazioni, pari ad un calo del -17,10%. Anche in questo caso, si tratta però di una diretta conseguenza dell’ottima performance registrata nel corso del 2022 (ve ne parlavamo qui).

Analisi per cilindrata moto
Per quanto riguarda invece le cilindrate più apprezzate dagli italiani troviamo sul gradino più alto del podio quelle comprese tra i 751 e i 1000 cm3 con un totale di 2.268 nuove immatricolazioni, pari ad un +27,4% rispetto a gennaio 2022. Seguono in seconda e terza posizione le moto con cilindrata compresa tra i 251 e i 500 cm3 (+9,9%) e oltre i 1.000cm3 (+37,7% sul 2022). Giù dal podio, in ordine, seguono le cilindrate comprese tra i 501 e i 750 cm3 (+32%), fino a 125 cm3 (+16,4%) e, ultime, le moto tra i 126 e i 250 cm3, in negativo con un calo del -18%.

Analisi per segmento moto
Pr quanto riguarda invece i segmenti più venduti, troviamo al primo posto le enduro con 3.948 nuove immatricolazioni (+18,5% su gennaio 2022), seguite da naked (3.293 pari a +18,1%) e moto da turismo, ben staccate con “sole” 1.186 immatricolazioni (+42%). Giù dal podio, in ordine, contiamo le sportive (384 e +21,9%), le custom (370 e + 51,1%), le sumpermotard (170 e + 58,8%) e, a chiudere, le trial (127 e - 2,3%).

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Industria e finanza
    04 Marzo 2023

    Il secondo mese del 2023 si chiude con un totale di 23.676 due ruote immatricolate, corrispondenti ad un solido + 20,9% su febbraio 2022. A trainare sono gli scooter, ma anche le moto non se la cavano male. Va peggio per gli elettrici. Parlando di moto, i segmenti più apprezzati rimangono enduro, naked e turismo. Ecco i numeri nel dettaglio

Filtra tutti i contenuti per marca
Eicma 2023
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
IN EDICOLA
Sul numero di alVolante in edicola
Speciale consumi di 62 auto
Green Planet