NOVITA' MOTOCICLISMO

Massimo Bordi lascia MV Agusta?

Richiamato nel 2010 da Claudio Castiglioni per rilanciare MV dopo la cessione del marchio da parte di Harley-Davidson, il manager italiano non farebbe più parte della squadra di Schiranna

Massimo Bordi lascia MV Agusta?

Tre anni intensi

Massimo Bordi è uno degli manager-ingegneri italiani più conosciuti, ha iniziato la sua carriera in Ducati, dove ha realizzato il motore 4 valvole Desmo plurivincitore in SBK con 851, 916, 999, fino ad arrivare alla 1098/1198. Dopo un periodo come Direttore Generale a Borgo Panigale (sua, tra l'altro, l'idea di realizzare la Monster 600 Dark che rilanciò le vendite di Borgo Panigale), lasciò la casa bolognese poco dopo l'arrivo della proprietà americana, per passare al gruppo Same (macchine agricole). L'esperienza col gruppo tedesco durò fino al 2010, quando Claudio Castiglioni, da tempo malato, lo chiamò in MV per rilanciare l'azienda, nel momento in cui Harley-Davidson aveva deciso di "liberarsi" della casa italiana acquistata solo due anni prima. Dopo tre anni intensi, in cui MV ha sfornato il nuovo motore tricilindrico raddoppiando la sua gamma, secondo cicleworld.com il contratto di Bordi non sarebbe stato rinnovato, la gestione dell'azienda sarebbe così passata nelle mani di Giovanni Castiglioni, figlio di Claudio.
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    13 Novembre 2018
    MV Agusta ha presentato la gamma RC 2019 al completo. Proposte con nuove grafiche e kit dedicati, ci sono le due naked Brutale e Dragster, la Turismo Veloce, le sportive F3 675 e 800 e l’ammiraglia F4 RC, ora ancor più simile alla sorella che corre in SBK
  • Moto
    06 Novembre 2018
    MV Agusta ha presentato la Superveloce 800, una bellissima retrò con faro tondo e carene dal sapore vintage sviluppata sulla base della pistaiola F3 800. Questa modern classic di Schiranna arriverà in produzione a partire dalla seconda metà del 2019
  • Moto
    05 Novembre 2018
    Realizzato da Magni, che di MV se ne intende parecchio, la Tributo si ispira alla mitica 750S ed è equipaggiata con il 3 cilindri 800 della Brutale inserito in un classico telaio in tubi e dotata della migliore componentistica disponibile