NOVITA' MOTOCICLISMO

La BMW R nineT in versione café racer by JSK Moto

Il preparatore più famoso della californiana JSK Moto, Samuel Kao, ha messo mano per la seconda volta sulla boxerona tedesca e, dopo la Scrambler di qualche anno fa, ha creato una cafè racer che fa dell’artigianalità il suo elemento di distinzione

La BMW R nineT in versione café racer by JSK Moto
Nata per il custom
Centrato il bersaglio con la sua Scrambler, Samuel Kao di JSK Moto poteva continuare con una serie di preparazioni simili. Ma evidentemente Kao non è abituato a ripetere le esperienze, ancorchè vincenti. Quindi ha deciso di tornare alla BMW R nineT, ma puntando a una realizzazione molto diversa. “Dopo la scrambler volevamo anche fare un café racer “, spiega Kao, “il nostro progetto era impegnativo, quindi ci è voluto molto tempo, ma ne è valsa la pena. La R nineT è stata progettata pensando alla customizzazione. Abbiamo visto molte varianti meravigliose e BMW ha anche lanciato la sua Racer. Mentre creavamo la nostra moto, abbiamo pensato: perché non spingere oltre l'idea di una facile personalizzazione?". La chiave dell'approccio di JSK risiede nella nuova carenatura e nel serbatoio. Le due parti sono in realtà un pezzo unico e funzionano come una copertura con un serbatoio del carburante nascosto e collegato al telaio sottostante. "Siamo stati in grado di collegare la carena alla moto con solo tre punti di connessione", spiega Samuel, "rendendo il tutto relativamente semplice. Smontarla è come cambiare la cover del telefono”. Il team JSK ha voluto trovare un equilibrio tra linee complesse e semplicità, così hanno scelto di modellare la nuova carena in fibra di vetro, con un faro BMW Angel Eye. "L'abbiamo preso da un'auto, ma era troppo piccolo per una moto. Quindi abbiamo aggiunto una corona in alluminio attorno al faro che funziona da sfiato e aiuta a dissipare il calore e creare un look futuristico", continua Kao. La parte posteriore della carena è opera invece dell'artigiano taiwanese Three Harmony Production. Per migliorare il confort, la sella è stata spostata in avanti, mentre per i cerchi si è puntato sugli "Hutch" di Roland Sands Design, gommati con Dunlop Q3 Sportmax. Ci sono poi un nuovo mono Gears Racing H2 Plus, uno scarico completo Akrapovič, un radiatore dell'olio Earl's Performance, e una batteria agli ioni di litio RCE Power. DK Design ha fornito il parafango anteriore in fibra di carbonio, e il posteriore con il portatarga. Infine, il colore è un omaggio alla bandiera tedesca.
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    14 Febbraio 2018
    Mantenendo la giusta suspence, BMW annuncia un’iniziativa dedicata a tutti i suoi fan: tre appuntamenti fra loro “connessi” per scoprire le novità della Casa e sperimentare in prima persona “un’esperienza completamente nuova”
  • Fuoriserie
    24 Gennaio 2018
    La mitica regina del deserto degli anni Ottanta rivive in questa profonda rielaborazione dello specialista inglese Moorespeed di Northampton. Il motore è stato rivisto per accrescere potenza e coppia, così come la ciclistica per aumentare le già spiccate attitudini off-road della Gelande Strasse, mentre l'estetica è rimasta praticamente quella originale
  • Moto
    31 Dicembre 2017
    In virtù dell’allenza tra la Casa tedesca e quella indiana che ha portato alla nascita della G 310R e della 310 GS, la sportiva di piccola cilindrata lanciata da TVS, la Apache RR 310, potrebbe diventare la base per la nuova BMW che andrebbe a completare la famiglia delle “piccole”