NOVITA' MOTOCICLISMO

Kawasaki ZX-10R my 2016, dati tecnici e caratteristiche

Direttamente dal Teatro Nazionale di Catalunya di Barcellona, ecco le prime immagini dell’attesissima versione 2016 della superbike campione del mondo. La nuova Ninja attinge a piene mani dall'esperienza  del Mondiale delle derivate di serie, tra le caratteristiche, il motore da 200 CV, il cambio estraibile e l'indispensabile dotazione di elettronica di ultima generazione

Kawasaki ZX-10R my 2016, dati tecnici e caratteristiche
Direttamente dalle corse
Dopo mesi di attesa Kawasaki ha tolto il velo alla versione 2016 della sua Ninja ZX-10R, destinata a diventare la base di partenza con cui Jonathan Rea (ospite alla presentazione a Barcellona insieme a Tom Sykes) difenderà il titolo iridato l’anno prossimo. L’ultimo restyling della ZX-10R è avvenuto quattro anni fa, anche se, in fin dei conti, la sportiva di Kawasaki non ha mostrato di soffrire la concorrenza delle rivali europee e nipponiche (ha conquistato il titolo Superbike anche nel 2013, e due secondi posti nel 2012 e 2014). La Ninja del 2016 mutua numerose soluzioni dalla moto di Rea. Nel dettaglio, il quattro cilindri in linea ora è Euro 4 e mantiene la potenza massima di 200 CV, guadagna però un albero motore con una inerzia ridotta del 20%, l'alimentazione a doppio iniettore, acceleratore elettronico, il cambio a sei marce (ravvicinate) estraibile con quickshift di serie (funziona in scalata con il kit racing), scarico in titanio, ABS Bosch con funzione cornering (si frena in piega senza patemi) e un air box con un volume superiore del 25%. Quanto all'elettronica la Ninja 2016 monta componenti hardware e software completamente nuove, c'è una gestione elettronica più evoluta grazie all'introduzione della piattaforma inerziale al posto dei sensori ruota: gestisce il controllo di trazione con 11 livelli d’intervento, il launch control e l'anti-impennata. Un occhio alla ciclistica: il telaio è sempre un doppio trave costruito con elementi ricavati da fusione e stampaggio di lega d'alluminio ed è stato rivisto nelle quote per migliorare la maneggevolezza; lavora insieme alla nuova forcella Showa pressurizzata e al monoammortizzatore con camere separate per compressione ed estensione, entrambi sviluppati ad hoc da Showa per la nuova Ninja. Infine, l’impianto frenante è firmato Brembo (prima era di Tokico) e sfoggia pinze monoblocco. La nuova NInja pesa 206 kg in ordine di marcia e sarà senza dubbio una delle reginette di EICMA 2015.


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    22 Marzo 2020
    Il brevetto apparso in rete mostra una moto che adotta lo stesso schema di sospensione anteriore che ha reso celebre Bimota, da poco acquisita proprio dalla casa di Hamamatsu. La collaborazione sembra essere proficua e... a doppio senso!
  • News
    11 Marzo 2020
    Coronavirus news - Le nuove misure per combattere l'epidemia di cornavirus estese all'intero territorio nazionale hanno costretto ad annullare tutte le manifestazioni pubbliche fino al 3 aprile, tra le "vittime" anche la prima parte del calendario dei Kawasaki Demo Ride Tour 2020
  • News
    04 Marzo 2020
    Da Torino a Palermo, il tour di Kawasaki viaggerà lungo l’intera penisola per far conoscere a tutti gli appassionati le doti delle verdone MY 2020. I test ride, completamente gratuiti, si svolgeranno su di un percorso predefinito in piccoli gruppi e con apripista Kawasaki. Ecco il calendario da marzo a giugno