NOVITA' MOTOCICLISMO

Intermot 2016 - Ducati SuperSport, prezzo e dati tecnici

Novità annunciata da tempo in casa Ducati ecco, finalmente, la SuperSport, una sportiva dedicata a chi vuole divertirsi sulle strade di tutti i giorni più che in pista. La linea è ispirata a quella della Panigale, ma la posizione di guida è comoda e il comfort, promettono da Borgo Panigale, buono anche per il passeggero

Intermot 2016 - Ducati SuperSport, prezzo e dati tecnici
Per piloti da strada
Promette parecchio divertimento su strada la nuova Ducati SuperSport, per lei la casa di Borgo Panigale assicura una posizione in sella confortevole per pilota e passeggero, una efficace protezione aerodinamica, assicurata dal plexiglass regolabile in altezza, e una buona autonomia garantita dal serbatoio da 16 litri. La nuova sportiva Ducati si candida dunque come veloce compagna di viaggio su percorsi di media lunghezza. Cuore della SuperSport è il bicilindrico Testastretta 11° da 937 cm³, capace di 113 CV e con una curva di coppia piena e lineare (picco di 96,7 Nm a 6.500 giri). Grazie ai tre Riding Mode (Sport, Touring e Urban, tutti personalizzabili) è possibile adattare la SuperSport e i sui controlli elettronici (ABS e traction control) alle condizioni della strada. Quanto alla ciclistica, la SuperSport monta l’ultima evoluzione del traliccio Ducati che sfrutta il motore come elemento portante, rendendo la sportiva agile nello scendere in piega (a ciò contribuisce anche l’interasse di 1.478 mm), ma sempre intuitiva e alla portata di tutti, mentre in accelerazione si può sempre contare sulla generosa improta a terra dello pneumatico posteriore 180/55. Contenuto infine il peso: in ordine di marcia, è di soli 210 Kg. La famiglia SuperSport comprende anche la versione SuperSport S, che monta sospensioni Öhlins completamente regolabili, il cambio elettronico che funziona in inserimento e scalata di marcia e il coprisella passeggero. Ricco l’elenco di accessori Ducati Performance (come i silenziatori omologati Akrapovic e l’ammortizzatore di sterzo trasversale Öhlins), alcuni inclusi nei pacchetti Sport e Touring. Il primo comprende parafango anteriore in carbonio, protezione serbatoio in carbonio, Kit leve snodate racing, cover in alluminio ricavato dal pieno per serbatoi olio freno anteriore e posteriore. Il pacchetto Touring, invece, prevede la coppia di borse laterali semirigide, il parabrezza touring maggiorato, e le manopole riscaldate. Quanto ai colori, la SuperSport è disponibile con carena bicolore, Rosso Ducati e Saturn Grey, con telaio Rosso Ducati e cerchi ruota Matt Black, mentre la SuperSport S ha carena Rosso Ducati con telaio Rosso Ducati e cerchi ruota Matt Black, oppure carena Star White Silk con telaio Rosso Ducati e cerchi ruota Glossy Red.
Questi i prezzi ufficiali comunicati a Colonia:12.990 euro per la SuperSport "base", 14.690 euro per la SuperSport S rossa e 14.890 per la SuperSport S bianca.
Clicca qui per le novitò di Intermot 2016.
 
COMMENTI
Ritratto di jimmymigliore
09 Ottobre 2016 ore 17:03
Bellissima...potevamo dare qualche cavallino in piu....
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    18 Giugno 2019
    MotoGP news – Il Gran Premio di Catalogna di Andrea Dovizioso si è concluso al secondo giro, quando è stato "centrato" da Jorge Lorenzo. Una caduta che mette a serio rischio la sua rincorsa al titolo e in Ducati l'irritazione è evidente
  • News
    17 Giugno 2019
    Ducati news 2019 – La casa di Borgo Panigale lascia il circuito di Montmelò con l’amaro in bocca per la caduta di Andrea Dovizioso causata da Jorge Lorenzo nei primi giri. Nota positiva invece da Danilo Petrucci che ha conquistato un podio importante avvicinandosi al terzo posto in classifica mondiale
  • News
    17 Giugno 2019
    Marc approfitta della carambola innescata da Jorge e scappa a +37 nel mondiale. Il maiorchino fa un enorme regalo al compagno di squadra, proprio nel momento di maggiore tensione tra i due. Il campionato si consola con la prestazione incredibile di Quartararo: il rookie francese sfodera la seconda pole e il primo podio in MotoGP al termine di una gara che ha resuscitato anche la Yamaha