NOVITA' MOTOCICLISMO

Il Certificato Storico è divenuto digitale. Vi spieghiamo i vantaggi

Il Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica FMI è diventato esclusivamente digitale, e non si tratta di una banalità burocratica. Il documento che certifica una moto come veicolo d’epoca dà molti vantaggi, tra i quali la riduzione del bollo in molte regioni e l’accesso a formule assicurative estremamente convenienti, in molti casi è necessario per una nuova immatricolazione. 

Il Certificato Storico è divenuto digitale. Vi spieghiamo i vantaggi
I vantaggi sono molteplici
Il passaggio dal documento cartaceo a quello digitale permette di ridurre sensibilmente i tempi di attesa in quanto il Certificato di Rilevanza Storica viene inviato tramite e-mail e messo a disposizione sulla piattaforma MyFMI all’interno del sito della [ederazione https://www.federmoto.it nel profilo di ogni tesserato non appena viene concluso l’iter di registrazione; è possibile verificarne la validità inserendo il codice univoco nel campo ”consulta il CRS digitale” nella pagina dedicata dello stesso sito FMI; il documento è accessibile sempre e immediatamente da ogni computer, sulla piattaforma MyFMI, e può venire stampato in ogni momento.
L’ufficializzazione è avvenuta tramite la circolare n. 22667 del 12 luglio, con la quale la Direzione Generale per la Motorizzazione ha informato tutti gli uffici territoriali della Motorizzazione Civile.
“Il Registro Storico è uno dei pilastri della FMI grazie agli appassionati che ogni anno iscrivono migliaia di moto – ha commentato il presidente FMI , Giovanni Copioli –: siamo orgogliosi di poter proporre loro la digitalizzazione del Certificato di Rilevanza Storica, una grande novità e un servizio i cui vantaggi sono evidenti. Una volta registrato il mezzo, il CRS è immediatamente disponibile e la moto subito utilizzabile come veicolo di interesse storico. Un vantaggio importante soprattutto nella bella stagione, quando si desidera completare al più presto le procedure di iscrizione per salire in sella quanto prima. Concludo ringraziando il Dipartimento per la Mobilità Sostenibile del Ministero delle Infrastrutture per la disponibilità e la collaborazione fornite”.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    01 Agosto 2022
    Presentato dalla Federazione Motociclistica Italiana alla presenza del Presidente Giovanni Copioli, il nuovo Archivio Storico FMI fungerà da gigantesca banca dati contenente fotografie e video di tutte le epoche. Un modo per valorizzare e salvaguardare l’eredità trasmessa dal passato. Ecco come funziona e come accedere
  • Politica e trasporti
    02 Febbraio 2022
    La Federazione Motociclistica Italiana comunica con apposita nota il ricorso notificato all’Avvocatura Generale di Stato circa il divieto della viabilità forestale e silvo-pastorale al transito ordinario emanato con apposito decreto dal Ministero delle Politiche Agricole. Ecco il pomo della discordia
  • News
    13 Dicembre 2021
    La federazione Motociclistica Italiana ha festeggiato i suoi 100 anni con un grande evento, che è stato anche l’occasione per salutare Antonio Cairoli e Valentino Rossi, due grandissimi che dopo questo 2021 hanno deciso di lasciare le gare
Filtra tutti i contenuti per marca
Eicma 2022
Moto rubate
Annunci inSella
Moto Fuoriserie
IN EDICOLA
Sul numero di alVolante in edicola
Berlina o crossover?
Green Planet