NOVITA' MOTOCICLISMO

Honda CB 350: potrebbe arrivare in Europa?

L’Honda CB 350 potrebbe arrivare anche sui mercati europei? Non lo esclude il direttore marketing della filiale indiana Honda Yadvinder Singh Guleria, secondo cui la casa giapponese ci starebbbe pensando

Honda CB 350: potrebbe arrivare in Europa?
Ne avevamo parlato in occasione del lancio e poi ancora, soltanto pochi giorni fa, in concomitanza della presentazione della sorellina “sportiva” RS. Oggi, nuove indiscrezioni provenienti dall’India sembrerebbero confermarlo: la CB 350 di Honda potrebbe arrivare anche in Europa. La “soffiata” arriva dalla testata ETauto.com, che cita niente meno che il direttore marketing della filiale indiana Honda Yadvinder Singh Guleria. “Poiché questo modello è già conforme alle normative europee - ha detto Guleria - ci sono molti Paesi in cui potrebbe essere esportato. Quindi stiamo discutendo con la sede principale”. Parole che lasciano spazio alle interpretazioni: la tanto apprezzata CB 350 di Honda ha le carte in regola per arrivare sui nostri mercati. 
In attesa di poterla finalmente vedere anche nelle nostre concessionarie, facciamo un breve ripasso delle sue caratteristiche.



Honda CB 350 H’ness

A spingerla ci pensa un monocilindrico da 348 cm3 raffreddato ad aria da 20,8 CV a 5.500 giri e un picco di coppia di 30 Nm a 3.000 giri. Il cambio è a 5 marce, le frizione antisaltellamento ed il controllo di trazione affidato all’HSTC di Honda. A livello ciclistico troviamo invece un telaio a doppia culla in acciaio abbinato ad una forcella telescopica e a un doppio ammortizzatore. L’impianto frenante è composto da due dischi da 310 mm con ABS a doppio canale, mentre i cerchi sono da 19” e 18” calzati da penumatici 100/90 e 130/70. Il tutto per un peso, a secco, di 181 kg. 


Honda CB 350 RS

La scheda tecnica della RS rimane invariata. L’aspetto si fa però più “aggressivo” sul genere delle café racer. Rispetto alla H’Ness, la RS ha infatti una posizione di guida più sportiva, con il pilota più caricato sull'anteriore, il manubrio però è largo come quello di una scrambler. Anche lo scarico è stato ridisegnato, con un fondello leggermente più rialzato e, nel complesso, un aspetto decisamente più sportivo.