NOVITA' MOTOCICLISMO

Hero MotoCorp, il colosso indiano raggiunge il traguardo dei 100 milioni di veicoli prodotti

Il mercato delle due ruote in india va a gonfie vele. Nonostante le forti difficoltà dovute all’emergenza sanitaria, i colossi del sub continente continuano a crescere. Dopo Bajaj è il turno di Hero MotoCorp, cresciuta nell’ultimo trimestre 2020 del 20% sul 2019 e raggiungendo quota 100milioni di veicoli immatricolati

Hero MotoCorp, il colosso indiano raggiunge il traguardo dei 100 milioni di veicoli prodotti
Hero MotoCorp
Pandemia o no, per il mercato delle due ruote - in India - il 2020 è stato un anno d’oro. Intendiamoci: le perdite ci sono state e, con un -23% sul totale, anche assai considerevoli, ma il valore delle principali aziende costruttrici è comunque cresciuto. Pochi giorni fa vi avevamo dato notizia di Bajaj che, grazie alle 3.479 rupie raggiunte per ogni azione, si guadagnava il titolo di azienda produttrice di due ruote più preziosa al mondo. Oggi è il turno di Hero MotoCorp che, a dicembre, ha segnato un +5%, in fatto di immatricolazioni moto con 447.335 nuovi veicoli ed un +52%, per il settore scooter. Tirando le somme, l’ultimo trimestre del 2020 è valso al colosso indiano una crescita che ha sfiorato il 20% sul 2019, per un totale di 1.541.000 unità vendute. Una crescita verticale, che nel 2013 raggiungeva il traguardo di 50 milioni, nel 2017 di 75 milioni e a, nel 2020, i 100.000.000
Nulla di cui stupirsi: nata nel 1983 con il nome di Hero Honda Motors Ltd grazie alla partnership siglata con Honda (che numericamente parlando è il primo costruttore al mondo), l’attuale Hero MotoCorp Ltd si è scissa nel 2011 cedendo il 26% del suo pacchetto azionario alla stessa Honda, con la quale mantiene tutt’ora alcuni accordi di licenza. Un asset vincente che, unitamente all’espansione del mercato asiatico - ed in particolar modo indiano - le ha consentito un’enorme crescita. Nel 2020 ha siglato un accordo con Harley-Davidson per la vendita e l'assistenza delle moto americane, comprendente lo sviluppo di una gamma a marchio H-D per il solo mercato indiano.
Attualmente Hero MotoCorp possiede otto stabilimenti, di cui sei in India, uno in Colombia e uno in Bangladesh e due centri di Ricerca e Sviluppo in India e in Germania. Non esiste in Italia, il cui mercato, assai diverso da quello indiano e in generale asiatico, ne è rimasto (per il momento) estraneo. 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    05 Maggio 2021
    Continua il momento positivo per le immatricolazioni di moto e scooter. Il riferimento non è tanto al 2020, perché per tutto il mese di aprile di quell’anno i negozi di moto sono rimasti chiusi e quindi il confronto sarebbe improponibile; ma aprile 2019 non era stato turbato dalla pandemia e rispetto a quel periodo le registrazioni attuali segnano un bel +10,4%
  • Industria e finanza
    26 Marzo 2021
    Dai ritardi accumulati durante le prime fasi dell’emergenza sanitaria alla cosiddetta “crisi dei microchip”, fino alla penuria di container e all’incagliamento a Suez della cargo Ever Given. L’intera catena di produzione e approvvigionamento è sotto stress, i tempi si dilatano e i prezzi aumentano: quali ripercussioni sul settore delle due ruote?
  • Industria e finanza
    03 Febbraio 2021
    Dopo i segnali positivi registrati negli ultimi mesi 2020, il mercato delle due ruote in Italia subisce a gennaio un drastico arresto. Il primo mese 2021 si chiude con un -18,2%: il colpo più grave viene inflitto agli scooter, le cui immatricolazioni calano rispetto a gennaio 2020 del 22,9%. “Meglio” le moto, che limitano il danno a -8,1%