NOVITA' MOTOCICLISMO

Fotospy, Voge prepara una naked e una sportiva tutte nuove

La casa cinese sta lavorando su un paio di nuovi modelli che ancora non sono stati presentati ma si prospettano molto interessanti. Notizie e immagini sono trapelate attraverso le omologazioni cinesi: si tratta di una naked denominata 525R e di un modello che sarà il più sportivo della gamma, la 250RR

Fotospy, Voge prepara una naked e una sportiva tutte nuove
Il marchio Voge, costituito dal Gruppo cinese Loncin con l’obiettivo di produrre motociclette di buon livello qualitativo per il mercato europeo, sta preparando un paio di nuovi modelli che ancora non sono stati presentati ma si prospettano molto interessanti. Notizie e immagini sono trapelate attraverso le omologazioni cinesi e sono state riprese dal sito britannico bennets.co.uk . Si tratta di una naked denominata 525R e di un modello che sarà il più sportivo dell’azienda, la 250RR.

Naked da 53 CV
La “nuda” ha molti punti in comune con la 500R attualmente in produzione e che di fatto andrà a sostituire: stesso faro e stesso serbatoio del carburante, mentre appaiono nuovi la sella e i convogliatori del radiatore. Soprattutto però è aumentata la cilindrata del motore: la moto attuale è spinta da un bicilindrico parallelo identico nel disegno e nelle misure a quello della Honda CB 500 (cliccate qui per scoprire come cambia nel 2022), ed ha una cilindrata effettiva di 471 cm³; quello della 525, a dispetto del nome, in realtà è di 494 cm³ e dunque più grosso e anche più potente del suo predecessore. Si parla di 39,6 kW (53 CV), cioè 6 CV in più, ma è stato fatto notare che una potenza del genere supera il limite massimo di 35 kW (47 CV) consentito per la guida con la patente A2 e quindi è probabile che la versione destinata all’Europa possa avere caratteristiche diverse.
Continuando con i punti in comune, la 525R ha le stesse sospensioni del modello precedente, forcella Kayaba a steli rovesciati di 41 mm Ø e al posteriore un ammortizzatore dello stesso produttore, così come sono gli stessi i freni Nissin con pinze a due pistoncini e ABS Bosch 9.1. La moto completa però ha un peso inferiore di 10 kg, 188 chili in ordine di marcia contro 198 kg, e un cruscotto TFT a colori in luogo di quello in bianco e nero.

Piccola SBK
L’altra Voge in arrivo è la sportivissima 250RR e anche in questo caso il nome non corrisponde alla cilindrata: la versione che arriverà da noi dovrebbe essere di 292 cm³ e probabilmente adotterà lo stesso nome della 300RR già esistente. Da quanto si riesce a vedere nell’unica immagine disponibile, forcellone e reggisella sono nuovi e dunque si può ipotizzare che sia nuovo anche il telaio.
Nuova di sicuro è la silhouette moderna e aggressiva, con linee spigolose e una livrea verde e blu che sicuramente non passerà inosservata. La moto completa pesa 147 chili in ordine di marcia e il suo monocilindrico nella versione di 250 cm³ è accreditato dei 21,5 KW (29 CV), mentre il 292 cm³ attuale si ferma a 19 kW (25,5 CV). Presto comunque ne sapremo di più, perché il lancio in Cina della 250RR è previsto a breve.


 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    28 Novembre 2021
    A EICMA, la Casa di Iwata ha colto l’occasione per presentare il nuovissimo Yamaha Racing Heritage Club, “circolo” privato riservato ai collezionisti in possesso di modelli storici che hanno fatto la storia del marchio. “Vogliamo che queste moto siano viste ed ascoltate di nuovo…” ha detto Paolo Pavesio, Direttore, Marketing e Motorsport, Yamaha Motor Europe
  • Moto
    27 Novembre 2021
    A EICMA partecipa quest’anno anche la Polizia di Stato, presente alla kermesse con uomini e mezzi nello stand realizzato in collaborazione con Yamaha. L’ultima arrivata in ordine di tempo la vedete bene in foto: una bellissima Tracer 9 con livrea e dotazione d'ordinanza
  • News
    27 Novembre 2021
    Al salone di Milano la casa inglese si è presentata con un bel pacchetto di novità, apprezzatissima la Tiger 660 sport, ma anche la Tiger 1200 di cui però da Hinckley non hanno voluto rivelare nulla. Si poteva solo guardare, ma qualcosa abbiamo capito comunque