NOVITA' MOTOCICLISMO

Ducati Multistrada 1260 Enduro 2019: 158 CV per andare ovunque

Equipaggiata col nuovo Testastretta da 158 CV a fasatura variabile, la Ducati Multistrada 1260 Enduro MY 2019 guadagna coppia ai bassi e medi regimi, tanta buona elettronica, ciclistica e accorgimenti per migliorare il comfort di guida

Ducati Multistrada 1260 Enduro 2019: 158 CV per andare ovunque
La nuova Enduro
Ducati ha svelato oggi la Multistrada 1260 Enduro, una delle novità più importanti per la "stagione" 2019. Nella nuova Enduro cambia in primo luogo il motore, ora è il Testastretta DVT, dotato cioè di sistema di fasatura variabile, già montato da inizio anno sulla versione stradale. Ha una cilindrata di 1262 cm3 e 158 CV a 9.750 giri, per una coppia massima di 13,2 kgm a 7.500 giri. Troviamo poi un serbatoio da 30 litri che offre ben 450 km di autonomia e intervalli di manutenzione da record: cambio olio previsto ogni 15.000 km e “Desmo Service” ogni 30.000 km.
Modificata anche la posizione di guida: il manubrio è stato abbassato di 30 mm (sono state riviste, di conseguenza, le forme della cover del serbatoio) e la sella di 10 mm, mentre il parabrezza è regolabile.
Le prestazioni garantite dal motore sono tenute a bada da un’elettronica di primo livello: Riding Mode (con mappa dedicata all'uso in offroad), acceleratore Ride by Wire, sospensioni elettroniche semi-attive e cambio elettronico, a cui si aggiungono il sistema che limita le impennate, l’ABS Cornering e il Ducati Cornering Lights (DCL) che ottimizza l’illuminazione in curva sulla base dell’inclinazione della moto. In più, novità della Multistrada 1260, le frecce si disattivano automaticamente in base all’angolo di piega. A chiudere la dotazione il Ducati Multimedia System per connettere lo smartphone tramite Bluetooth e gestirne le funzioni più importanti (ricezione telefonate, notifica sms, musica) con i comandi al manubrio.
Per tenere sotto carica navigatori e cellulari, o per alimentare eventuali giacche "elettriche" ci sono poi due prese di corrente da 12 V, posizionate una nella zona immediatamente sotto la sella passeggero e l’altra nella zona della plancia anteriore. Sotto la sella passeggero c’è poi il vano portaoggetti per attrezzi, libretto uso e manutenzione o altri piccoli oggetti personali.
La Multistrada Enduro è proposta con i consueti kit di accessori, tra cui il Touring Pack (manopole riscaldate, valige laterali in alluminio Ducati Performance by Touratech e borsa da manubrio) lo Sport Pack (scarico omologato Ducati Performance by Termignoni, cover pompa acqua nera, tappi serbatoietti pompe freno anteriore e frizione in alluminio dal pieno), l’Urban Pack (top case in alluminio Ducati Performance by Touratech, borsa da serbatoio con tank lock e USB hub per ricarica apparecchiature elettroniche) e l’Enduro Pack (fari supplementari a LED, componenti Ducati Performance by Touratech quali barre di protezione motore, protezione per il radiatore dell’acqua, protezione per il radiatore dell’olio, protezione corona e protezione disco freno posteriore).
Per vederla dal vivo dovrete attendere il prossimo EICMA. Seguite qui la nostra sezione dedicata al salone di Milano.
Ma noi la proveremo in anteprima la prossima settimana: tenete d'occhio il sito e i nostri social per saperne di più! 


 

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    23 Settembre 2020
    In classifica ci sono quattro piloti in altrettanti punti, otto nello spazio di una vittoria a metà campionato. Mir e Quartararo si punzecchiano, mentre le Ducati sperano in una pista che ha premiato la velocità della Desmosedici negli ultimi anni
  • News
    21 Settembre 2020
    Top Gun regala a Yamaha la quarta vittoria in sette gare, Dovizioso mantiene la testa della classifica al giro di boa del campionato con un ottavo posto, ma Ducati piange per la mancata vittoria di Bagnaia, caduto mentre era in testa. Joan Mir ha il successo nel mirino e si candida come uno dei principali avversari di Quartararo e compagnia nella corsa al titolo
  • Spy
    16 Settembre 2020
    Ormai è quasi certo che per il prossimo anno ci possiamo aspettare una Ducati Monster completamente rivoluzionata. Sparirà il classico telaio a traliccio in tubi d'acciaio per far posto a un monoscocca in alluminio. Tutto da decifrare invece il "rebus" motori: 821, 937 o 955?