NOVITA' MOTOCICLISMO

Dall'Italia alla Mongolia in un mese

Lucina Marchese è partita ieri da Palermo con destinazione Ulan Bataar, capitale della Mongolia. Percorrerà 13.000 km attraversando Europa dell'est, Siberia e Deserto del Gobi

Dall'Italia alla Mongolia in un mese

Io viaggio da sola

Lucina Marchese ha due grandi passioni: la moto (dall'età di 13 anni) e i viaggi, questa estate ha deciso di viverle entrambe fino in fondo: ieri è partita da Palermo in sella alla sua BMW R 1200 GS per un viaggio che la porterà a Ulan Bataar, capitale della Mongolia: 13.000 km da percorrere in un mese in solitaria. L'itinerario prevede la risalita della nostra penisola e poi "virata" in direzione di Budapest. Dalla capitale ungherese passerà in Ucraina per poi arrivare in Russia fino a Katun, ultima città siberiana al confine con la Mongolia. Una volta arrivata in territorio mongolo Lucina dovrà affrontare altri 3.500 km che prevedono anche l'attraversamento del Deserto de Gobi.  L'impresa sarà documentata giornalmente sul blog ufficiale della spedizione e settimanalmente su un'emittente locale Gold 88 (su youtube sarà visibile nel canale supergiuonline). Qui sotto un'intervista in cui Lucina racconta il suo progetto.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Green Planet
    03 Aprile 2021
    Sul web fanno la loro comparsa alcuni nuovi render riguardanti il CE-04 di BMW, scooter a batterie di cui si parla già da tempo. Le immagini ci mostrano un modello non dissimile dal prototipo presentato nel 2017, ma già munito di tutti gli elementi necessari all’omologazione…
  • News
    03 Aprile 2021
    Dal 2 aprile in esclusiva su Nexo+ il racconto del legame tra un padre e un figlio, Franco e Andrea Antonello, in un road movie delicato e profondo sull'autismo e sul coraggio di chi sceglie di non arrendersi mai
  • News
    30 Marzo 2021
    BMW ha di recente depositato un brevetto che riguarda una tuta dotata di elettrostimolatori in grado di "preparare" il pilota all'intervento dei sistemi automatici di aiuto alla guida che potrebbero essere installati sulle moto di prossima generazione