NOVITA' MOTOCICLISMO

Confronto BMW C 400 X vs Yamaha Xmax 400 - Comodi per viaggiare e agili nel traffico

C 400 X e Xmax 400 hanno ciclistiche ”da moto”,  motori brillanti e freni a disco potenti. Più cittadino e agile il BMW, più spazioso e adatto ai viaggi lo Yamaha

Confronto BMW C 400 X vs Yamaha Xmax 400 - Comodi per viaggiare e agili nel traffico
Gli scooter 400 sono la scelta migliore per chi vive fuori città e deve affrontare ogni giorno tangenziali, strade veloci e poi il traffico cittadino nelle ore di punta. Se poi hanno un’impostazione sportiva come il C 400 X e l’Xmax 400, il tragitto casa-lavoro diventa addirittura divertente perché hanno prestazioni elevate, finiture curate e dotazioni complete di fari a led, controllo di trazione, impianto freni a tre dischi e chiave con telecomando “smart key” (per BMW optional da 310 euro).

ciclistica “da moto”
Entrambi hanno telaio in tubi, forcella a doppia piastra (come quelle delle moto) e motore monocilindrico 4 valvole raffreddato a liquido: quello del C 400 X è di cilindrata inferiore (350 cm3) ma è più brillante e ha consumi poco più alti del giapponese da 395 cm3. Simili anche i prezzi: 6.790 euro per l’Xmax in versione base (nelle foto la versione Iron Max da 7.190 euro), 6.950 euro per il BMW che però è chiavi in mano, quindi comprende i 300 euro di immatricolazione.



BMW C 400 X
 Il motore del “midi” BMW ha il cilindro in posizione orizzontale, per abbassare il baricentro e migliorare così la maneggevolezza. Le vibrazioni del monocilindrico sono minime, grazie all’adozione di un albero di equilibratura posizionato sopra l’albero a camme. Il telaio è in tubi d’acciaio.
I nostri rilevamenti
Velocità massima km/h: 141,71. Accelerazione secondi: 0-400 metri: 16,0; 0-1000 metri: 31,9; 0-100: km/h 8,1. Ripresa (da 50 km/h) secondi: 400 metri: 14,2; 1000 metri: 30,3. Potenza massima alla ruota: CV/kW: 26,6/19,8; giri al minuto: 7510. Coppia massima alla ruota: Nm/kgm: 26,6/2,7; giri al minuto: 5914. Frenata metri: da 100 km/h 39,80. Consumi km/litro: Autostrada: 18,1; Extraurbano: 24,2; 90 km/h: 25,6; 120 km/h: 20,5; Al massimo: 14,4. Autonomia (chilometri con un pieno) km: 120 km/h 266,0; al massimo 186,8.
Prezzo: 6.950 euro



Yamaha Xmax 400
 L’Xmax 400 monta un vigoroso motore monocilindrico con distribuzione a 4 valvole, doppio albero a camme in testa e raffreddamento a liquido. L’impianto frenante è formato da tre dischi da 267 mm con all’anteriore pinze a doppio pistoncino. Anche qui il telaio è in tubi d’acciaio.
I nostri rilevamenti
Velocità massima km/h: 142,4. Accelerazione secondi: 0-400 metri 17,1; 0-1000 metri 33,2; 0-100 km/h 9,9. Ripresa (da 50 km/h) secondi: 400 metri 15,1; 1000 metri 31,2. Potenza massima alla ruota: CV1/kW 28,4/21,2; giri al minuto 6.894. Coppia massima alla ruota: Nm/kgm 31,1/3,2; giri al minuto 6038. Frenata  metri: da 100 km/h 43,2. Consumi km/litro: Autostrada 19,0; Extraurbano 26,0: 90 km/h: 32,1; 120 km/h: 22,1; Al massimo 15,2. Autonomia (chilometri con un pieno) km: 120 km/h 287; al massimo 198.
Prezzo: 6.790 euro

Come vanno
su strada
La posizione di guida su entrambi è sportiva, con il busto più eretto nell’Xmax e il manubrio più vicino al corpo nel C 400. La sella del “midi” Yamaha è ampia ma alta (80 cm da terra), rendendo difficile appoggiare i piedi a chi non supera il metro e 70. Il C 400 X facilita la vita al pilota nelle manovre da fermo con la sua sella più bassa di 2 cm e meglio profilata sui lati, un vantaggio considerando gli oltre 200 kg da gestire in entrambi i casi. Una volta scesi dal cavalletto l’Xmax si dimostra stabile e sicuro, ma meno reattivo rispetto al BMW che è più maneggevole, soprattutto a bassa velocità, grazie anche al manubrio vicino al corpo. Ad andature più “allegre” invece l’Xmax sfoggia un avantreno più preciso e pieghe quasi da moto, peccato solo che la forcella affondi parecchio nelle frenate più decise. Apprezzabile invece la maggiore luce a terra rispetto alla versione precedente: ora il cavalletto non gratta subito nelle pieghe più accentuate. In ogni caso entrambi hanno una ciclistica bilanciata con sospensioni tarate sul rigido che si apprezzano sulle strade veloci e lisce (meno sullo sconnesso).



in autostrada
Entrambi i “midi” a confronto hanno motori potenti, velocità di punta ben superiori ai limiti del Codice della Strada e dimensioni adeguate per affrontare qualsiasi viaggio senza problemi. Lo Yamaha permette di “distendere” le gambe appoggiando i piedi sul retroscudo, mentre sul BMW c’è meno spazio e le gambe restano piegate. Bene la protezione dall’aria dell’Xmax, dotato di scudo largo e parabrezza regolabile in altezza di 5 cm (con gli attrezzi) che lascia scoperte solo le spalle. Sul BMW invece si guida più esposti all’aria: lo scudo è stretto e il parabrezza è piccolo, fa passare più aria anche all’altezza del casco. Simili invece le prestazioni: il BMW è più pronto nei sorpassi, ma lo Yamaha beve di meno. Entrambi sono invece stabili, ben piantati a terra e sentono poco le scie dei camion. L’Xmax è migliore nell’utilizzo in coppia e offre una maggiore capacità di carico grazie al sottosella capiente (ci stanno due caschi integrali e altri oggetti), mentre il BMW ha uno spazio limitato che può aumentare grazie a un sistema a soffietto ma è utilizzabile solo da fermi, non in viaggio.

in città
Tra le auto nel traffico se la cavano bene tutti e due, grazie alle corrette distribuzioni dei pesi e alla posizione di guida che permette di controllare sempre la situazione. La minore altezza del C 400 X facilita le manovre da fermo rispetto all’Xmax. Anche negli slalom tra le auto lo scooter tedesco è più agile e infonde più confidenza quando ci si muove con un filo di gas, grazie all’anteriore preciso. Lo spunto in partenza è leggermente migliore sul BMW che scatta con più decisione, mentre la presenza del controllo di trazione su entrambi aumenta notevolmente la sicurezza in caso di pioggia o scarsa aderenza. A punto gli impianti frenanti: quello di BMW è più potente e un pochino meglio dosabile di quello Yamaha. Però le sospensioni di entrambi sono un po’ rigide, soprattutto al posteriore: le buche e i pavé si sentono.


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    17 Febbraio 2020
    MotoGP news – Dopo il ritorno in pista di Jorge Lorenzo come collaudatore Yamaha, già si parla di un suo possibile ritorno in pista nel 2021 come pilota. Il team managing Lin Jarvis non ha escluso questa possibilità: “Sarebbe una cosa molto strana, particolare e affascinante”
  • News
    15 Febbraio 2020
    MotoGP news – Ora che è un collaudatore a tutti gli effetti per la casa di Iwata, quali saranno i prossimi impegni del maiorchino in questa stagione? A svelarli è stato il suo capo tecnico Silvano Galbusera, ma pare sempre più probabile che rivedremo Lorenzo anche in gara
  • Green Planet
    14 Febbraio 2020
    Il sistema brevettato dalla casa tedesca prevede una postazione di ricarica posta a terra in grado di trasmettere l'energia al ricevitore inserito nel cavalletto laterale della moto, un sistema che potrebbe anche servire per mantenere in carica le batterie delle moto a benzina