NOVITA' MOTOCICLISMO

Come seguire la Dakar 2018 in tv: programma e orari

14 tappe e 9mila chilometri totali di percorso di cui 4.500 di prove speciali, faranno della Dakar 2018 un’edizione decisamente ardua, complici i parecchi ostacoli disseminati lungo i tre Paesi che attraverserà: Perù, Bolivia e Argentina. Le avventure dei partecipanti alla 40ª edizione potranno essere viste su Eurosport a partire dal 6 gennaio

Come seguire la Dakar 2018 in tv: programma e orari
Calendario e programma
Il raid più importante al mondo sta per cominciare. Giunta alla 40ª edizione, la decima negli impervi territori sudamericani, la Dakar 2018 non smette di stupire. Nonostante i cambiamenti subiti nel corso degli anni, il rally mantiene intatti gli ingredienti che l’hanno reso grande: sofferenza fisica, tensione, adrenalina ed emozioni intensissime.
Attualmente alle prese con le verifiche tecniche e amministrative, i concorrenti il 6 gennaio partiranno da Lima, capitale del Perù, per correre sulle sponde dell’oceano Pacifico, attraversare il Salar de Uyuni e gli altipiani della Bolivia e terminare la corsa nella città di Córdoba, in Argentina, il 20 gennaio, dopo aver superato i numerosi ostacolati disseminati lungo il percorso. Il tutto suddiviso in 14 tappe e quasi 9mila chilometri, di cui 4.500 cronometrati.


Ecco il calendario della Dakar 2018 con tutte le tappe e i chilometri previsti

1ª tappa, sabato 6 gennaio: Lima-Pisco (Perù), 271 km di cui 31 di prova speciale;

2ª tappa, domenica 7 gennaio: Pisco-Pisco (Perù), 278 km di cui 267 di prova speciale;

3ª tappa, lunedì 8 gennaio: Pisco-San Juan de Marcona (Perù), 502 km di cui 295 di prova speciale;

4ª tappa, martedì 9 gennaio: San Juan de Marcona-San Juan de Marcona (Perù), 444 km di cui 330 di prova speciale;

5ª tappa, mercoledì 10 gennaio: San Juan de Marcona-Arequipa (Perù), 932 km di cui 267 di prova speciale;

6ª tappa, giovedì 11 gennaio: Arequipa-La Paz (Bolivia), 758 km di cui 313 di prova speciale;

venerdì 12 gennaio: giornata di riposo a La Paz (Bolivia);

7ª tappa, sabato 13 gennaio: La Paz-Uyuni (Bolivia), 726 km di cui 425 di prova speciale;

8ª tappa, domenica 14 gennaio: Uyuni-Tupiza (Bolivia), 584 km di cui 498 di prova speciale;

9ª tappa, lunedì 15 gennaio: Tupiza-Salta (Argentina), 754 km di cui 242 di prova speciale;

10ª tappa, martedì 16 gennaio: Salta-Belen (Argentina), 795 km di cui 372 di prova speciale;

11ª tappa, mercoledì 17 gennaio: Belen-Fiambala/Chilecito (Argentina), 746 km di cui 280 di prova speciale;

12ª tappa, giovedì 18 gennaio: Fiambala/Chilecito-San Juan (Argentina), 791 km di cui 522 di prova speciale;

13ª tappa, venerdì 19 gennaio: San Juan-Cordoba (Argentina), 927 km di cui 368 di prova speciale;

14ª tappa, sabato 20 gennaio: Cordoba-Cordoba (Argentina), 284 km di cui 11 di prova speciale.


La copertura televisiva sarà, come di consueto, garantita dal canale Eurosport con un doppio appuntamento: alle 23 e alle 1.30, con highlight, cronache e approfondimenti.

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    21 Gennaio 2021
    Lo slovacco, pilota di grande esperienza, ha corso una gara intelligente, guadagnando sempre posizioni. Quindicesimo al termine della prima tappa, nella seconda parte del rally è entrato in top ten senza più uscirne e ha portato al traguardo anche un po' di Italia
  • News
    17 Gennaio 2021
    Il 32enne argeentino corre nei rally solo dal 2015. Martino Bianchi lo portò nel team ufficiale Honda, dopo un ottimo debutto alla Dakar, concluso al quarto posto. L'anno scorso il pilota di Salta era stato messo fuori gioco dalla rottura del motore, quest'anno è stato molto costante e veloce quando serviva. Ha vinto il "derby" con il cileno Cornejo ed ha avuto fortuna a non farsi male con una caduta nella quinta tappa
  • News
    15 Gennaio 2021
    I giapponesi vincono per la seconda volta consecutiva il rally più importante al mondo nell'anno del disastro nella MotoGP, con Marquez fuori gioco e una CBR 1000 RR-R ancora lontana dal successo in SBK. KTM si impone per tre volte in MotoGP, ma alla Dakar viene ancora battuta dai rivali. La pista è una distrazione? Solo Yamaha è coerente, ma in negativo: i problemi di affidabilità hanno colpito tanto la M1 quanto la 450 da rally