NOVITA' MOTOCICLISMO

CB1000R ICRO by Honda Palace Napoli: il futuro è plug and play

Ecco la CB1000R realizzata da Honda Palace Napoli insieme a RollFactory Design. Così rivista la naked giapponese sfoggia una linea manga-futurista completamente differente dall'originale, ma le modifiche sono tutte reversibili: la ICRO può tornare rapidamente all'allestimento originale

CB1000R ICRO by Honda Palace Napoli: il futuro è plug and play
Manga e fantascienza
Honda ha "chiamato" nuovamente i suoi concessionari a partecipare a un contest per mettere alla prova le loro abilità di customizer, questa volta mettendo le mani sulla nuova CB1000R. Le migliori saranno poi esposte a EICMA, in uno spazio nello stand della casa giapponese. Oggi vi parliamo dell'esemplare realizzato da Honda Palace Napoli e RollFactory Design, la ICRO è un progetto che unisce la passione adolescenziale del customizer Antonio Rullo per i manga e la fantascienza, unita a un'interpretazione personale della nuova famiglia di naked sportive Neo Sport Cafè, lanciate da Honda quest'anno. Il progetto è stato studiato per essere personale ma poco "invasivo" per la base tecnica: la ciclistica non è stata toccata e anche la meccanica è sostanzialmente quella originale (a parte "ricalibrature" dell'impianto frenante e di quello elettrico), mentre dal punto di vista estetico le modifiche sono sostanziali. La moto è stata spogliata di ogni sovrastruttura, persino del telaietto posteriore, sostituito con un nuovo pezzo in tubi d'acciaio a traliccio. L'estetica è quella di un'aggressiva naked "da combattimento", il codone ad esempio ricorda quello della Honda di Rossi dei primi anni 2000, è dotato di un cavo in fibra ottica che funge da faretto e stop, mentre l'impianto di scarico 4/2/1 sale lateralmente e si inserisce nella coda, dotata di due vistose prese d’aria per raffreddare il silenziatore.
La sella è monoposto e il serbatoio è quello originale, ma rialzato di tre centimetri per far posto a nuovi fianchetti in alluminio, mentre la batteria è stata spostata sotto il forcellone monobraccio e appoggiata su un supporto in acciaio coibentato a dovere, per eviarne la cottura: sotto passa il raccordo dello scarico. Molto particolare il cupolino, ispirato alle linee dei robot manga giapponesi, punta verso l'alto ed integra un faro a led. Quest'ultimo, insieme alle protezioni delle leve di freno e frizione, sono gli unici accessori aftermarket montati su questa CB, il resto è stato realizzato completamente a mano. Spiccano poi i cerchi originali riverniciati in nero con razze diamantate, mentre il resto della livrea è a base nero opaca, con foglie d'argento verniciate in rosso e inserti color alluminio scuro satinato, in cui è stata inserita una texture in 3D che forma un disegno di circuiti elettrici di una futuristica astronave. Il bello di questa special è che è completamente plug an play: tutte le parti speciali si possono smontare per riportare la moto come Honda l'ha fatta. 




                       


 
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    21 Marzo 2019
    La filiale cinese di Honda ha presentato questa bella scramblerina con motore da 184 cm3 e un'estetica curata, caratterizzata dall'ampia sella trapuntata e dalle gomme leggermente tassellate. La vedremo anche dalle nostre parti?
  • News
    20 Marzo 2019
    Dopo il primo GP della stagione abbiamo fatto una chiacchierata con Carlo Pernat, che si è detto poco convinto del ricorso contro Ducati e della MotoE, mentre vede ancora una 2019 caratterizzato dalla sfida Marquez-Dovizioso. Agli altri, Valentino Rossi compreso, tocca ancora inseguire
  • News
    15 Marzo 2019
    Il Gran Premio di Losail si è concluso con una splendida vittoria di Andrea Dovizioso, seguita subito dopo da un reclamo dei rivali che ritenevano illegale un'appendice aerodinamica della Desmosedici. La vittoria del Dovi resta quindi “congelata”, in attesa del giudizio di appello. La mossa non è piaciuta a Gigi Dall’Igna che a sua volta mette sotto accusa le ali anteriori usate da Honda: “Sono onestamente pericolose”