NOVITA' MOTOCICLISMO

BMW: scosse elettriche per "svegliare" il pilota

BMW ha di recente depositato un brevetto che riguarda una tuta dotata di elettrostimolatori in grado di "preparare" il pilota all'intervento dei sistemi automatici di aiuto alla guida che potrebbero essere installati sulle moto di prossima generazione

BMW: scosse elettriche per "svegliare" il pilota
Guida (semi)autonoma?
Con l’arrivo dei radar e, in generale, con lo sviluppo di sempre più sofisticati sistemi di aiuto alla guida, sono parallelamente emersi importanti quesiti legati alla questione sicurezza. Questione di particolare rilevanza quando si parla di sistemi in grado di agire automaticamente sui comandi della moto: mentre un’automobile può essere configurata in modo relativamente sicuro per eseguire da sola manovre di frenata di emergenza, nel caso di una moto qualsiasi attivazione automatica dei freni potrebbe infatti essere potenzialmente disastrosa, specialmente se il pilota non è preparato. Molti costruttori - in tal senso vi avevamo accennato ai brevetti Harley - stanno pertanto valutando la possibilità di introdurre sistemi di guida in grado di avvertire il pilota prima di intervenire sul veicolo, o, addirittura, capaci di valutare se attivarsi o meno in base alla “prontezza” di chi guida, magari attraverso la rilevazione della sua posizione in sella. Poichè gli ostacoli da superare per lo sviluppo e la progettazione di tali sistemi “intelligenti” sono ancora numerosi, BMW, in controtendenza, ha scelto di guardare al problema da tutt’altra prospettiva. L’idea teutonica è semplice (si fa per dire): se non si può essere realmente sicuri circa la prontezza e l’attenzione del pilota prima di intervenire, conviene assicurarsi che quest’ultimo si comporti (più o meno volontariamente) in un determinato modo. Come? Attraverso scariche elettriche che agiscano sui muscoli per compensare l’imminente intervento del sistema di aiuto. Seguendo tale idea, la Casa bavarese ha recentemente depositato un brevetto riferito ad un dispositivo di stimolazione elettrica istallato all’interno della tuta, connesso wireless alla moto e studiato, appunto, per tendere i muscoli del busto o dell’addome attraverso piccole scariche elettriche. In base alle ipotesi di BMW, si potrebbe in questo modo compensare un’eventuale frenata improvvisa della moto, magari irrigidendo le braccia al pilota. Fantascienza? Di problematiche connesse ad una simile idea ce ne vengono in mente a decine, ma è anche vero che radar, telecamere, sensori e tutte le altre “diavolerie” elettroniche che sono nate negli ultimi anni sembrerebbero ormai destinate ad entrare a far parte della dotazione di tutte le moto moderne e che pertanto, a ben guardare, l’idea di una tuta “smart” da abbinare ai radar non sembrerebbe poi così fantasiosa. In ogni caso, si tratta per il momento di semplici brevetti e, come sappiamo, da qui al potersi dire un prodotto finito di strada ne passa…

 



NOTIZIE CORRELATE
  • Fuoriserie
    06 Maggio 2021
    Firmata VTR Motorrad, la special in foto altro non è che una BMW R NineT Urban G/S rivista in chiave flat track. A spingerla rimane il boxer bavarese da 1170 cm3, abbinato però a una ciclistica leggermente rivista e a nuovi componenti aftermarket. Eccola più da vicino
  • Green Planet
    03 Maggio 2021
    BMW guarda all’elettrico: la casa tedesca ha di recente annunciato nuovi e consistenti investimenti finalizzati alla produzione e all’assemblaggio di batterie e componenti destinati ai veicoli EV. I primi a partire saranno gli stabilimenti di Lipsia e Regensburg, ai quali sono già stati destinati circa 250 milioni di euro
  • Spy
    20 Aprile 2021
    Stando ad alcuni brevetti, BMW starebbe lavorando su un sistema in grado di riconoscere i gesti del pilota e trasformarli in comandi per la gestione della moto. Si tratterebbe di un dispositivo che permetterebbe di ridurre il numero di tasti sui blocchetti al manubrio, semplificando la vita al pilota e aumentando la sicurezza