NOVITA' MOTOCICLISMO

BMW: la moto elettrica è sempre più vicina

La casa tedesca ha depositato una serie di brevetti riguardanti una famiglia di moto elettriche che ricalcano la filosofia tecnica dei motori boxer a benzina. Posizionare i motori nello stesso modo permette infatti di disegnare mezzi con una distribuzione dei pesi ottimale

BMW: la moto elettrica è sempre più vicina
Le moto elettriche attualmente sul mercato hanno il motore posizionato trasversalmente rispetto al telaio, con l'uscita della trasmissione appena davanti al perno del forcellone. In quel punto c'è il riduttore e quindi una cinghia di trasmissione finale, una soluzione "obbligata" perché in assenza di rumore del propulsore una "classica" catena risulterebbe troppo rumorosa. Per esempio, il prossimo modello elettrico di BMW, lo scooter CE 04 che dovrebbe essere lanciato nei prossimi mesi, segue esattamente questo schema. Ma quando si tratta della nuova generazione di moto elettriche (sempre più vicina alla produzione), l'azienda tedesca sembra avere preso una direzione diversa.

La strada del futuro
BMW si è innanzitutto assicurata una serie di brevetti utilizzando il nome DC, seguito dai numeri da 01 a 09 e ha già presentato in anteprima alcuni prototipi, come il concept Vision DC che monta il propulsore longitudinalmente, seguendo lo schema dei tradizionali bicilindrici boxer con trasmissione a cardano, in cui l'albero motore è "in linea" con il telaio.

I vantaggi
L'idea è quella di raggiungere un nuovo livello di flessibilità in termini di posizionamento del motore, oltre a creare una moto più compatta di quanto sarebbe possibile con un motore trasversale. Utilizzando un albero intermedio, tra il motore e la parte anteriore della trasmissione finale, c'è flessibilità nel posizionamento del motore nel telaio. Si ottiene più libertà in termini di design, distribuzione dei pesi e posizionamento della batteria.

In questo brevetto depositato da BMW si vedono chiaramente la trasmissione a cardano e il motore posizionato trasversalmente


La vera novità
Dove BMW diventa ancora più smart è nel riduttore. I motori elettrici infatti tendono a salire rapidamente di giri, è perciò necessario "ridurli" prima di trasferire la potenza alla ruota posteriore. Nella maggior parte dei modelli a motore trasversale ciò significa che è necessario un albero di trasmissione secondario, che corre parallelo al motore. Il progetto di BMW però è diverso. La soluzione è un ingranaggio montato direttamente dietro il motore (nel disegno qui sopra è indicato col numero 20), che riduce la velocità dell'albero di uscita: è un layout semplice e intelligente.

La trasmissione a cardano del concept Vision DC

 



NOTIZIE CORRELATE
  • News
    01 Agosto 2021
    BMW presenta la nuova R 18 Transcontinental, definita dalla casa bavarese una Grand American Tourer, pensata per i viaggi e le lunghe distanze e la R 18 B, una bagger, studiata per un turismo a raggio più breve o per il cruising. Ecco come sono fatte
  • News
    30 Luglio 2021
    11 BMW F 750 GS per i vigili di Taranto. Si tratta di una fornitura di moto appositamente allestite per il servizio d’ordinanza della Polizia Locale, dotate di equipaggiamento speciale.
  • Green Planet
    29 Luglio 2021
    Design innovativo e soluzioni tecniche evolute caratterizzano i due prototipi elettrici della casa tedesca. Il monopattino ha un originale sistema di chiusura per facilitarne il trasporto, la cargo bike ha telaio basculante e piano di carico configurabile con diversi vani per il trasporto di oggetti e bambini