Salta al contenuto principale

Aprilia brevetta l’ala sul codino delle MotoGP

La particolare appendice aerodinamica comparsa sul codino delle Aprilia da MotoGP è stata recentemente brevettata dalla casa di Noale. Novità in vista per le SBK stradali?

Non vi sarà sfuggita la piccola ala posteriore comparsa sul codino delle Aprilia RS-GP MotoGP già nel 2022, e usata saltuariamente a seconda dei circuiti. Ora la Casa di Noale ha presentato richiesta per la registrazione del brevetto di questo componente, descrivendone il funzionamento e i vantaggi, e spiegando contestualmente che l’idea si riferisce alle moto da strada sebbene i vantaggi pratici si ottengano nelle corse. La cosa non deve stupire: la maggiore efficacia dei dispositivi aerodinamici è legata a velocità raggiungibili soltanto in pista.

 

Serve per vendere più moto

Raramente le innovazioni legate alle corse sono oggetto di brevetto, un po’ perché questo costringerebbe a svelarne tutti i segreti e i principi di funzionamento senza la sicurezza che il brevetto verrà concesso, un po’ perché sarebbe brutto e antisportivo appellarsi al brevetto per impedire l’uso della stessa soluzione ai rivali.

Riportare certe soluzioni vistose alla produzione di serie però ha importanti risvolti sul piano commerciale, soprattutto su certi modelli, perché nell’immaginario dei clienti richiama l’anima più sportiva di questo o quel modello. Significa un maggiore appeal verso i potenziali clienti, e per questo vale la pena brevettare un elemento vistoso come l’alettone posteriore.

 

Come è fatta

Il codino brevettato da Aprilia combina una coppia di ali rivolte verso l’alto con uno spoiler sulla parte superiore, e dovrebbe dare i maggiori vantaggi non in curva, ma in rettilineo: la deportanza generata aiuta a mantenere a terra la ruota posteriore nelle frenate brusche, cioè quando si è al massimo della velocità, e nel momento dell’ingresso in curva, contrastando i rimbalzi della ruota e garantendo un maggiore grip. Ci sarebbero vantaggi anche nei tratti rettilinei con il fondo ondulato, dove alle alte velocità il posteriore tenderebbe a saltare e perdere aderenza. Ma la speranza è che dia vantaggi ancora maggiori sul piano commerciale, secondo la nota filosofia che recita ”vincere la domenica per vendere il lunedì”.

 

Volete sapere quali sono i trucchi aerodinamici delle MotoGP? Cliccate qui per il nostro approfondimento.

Leggi altro su:

Aggiungi un commento