NOVITA' MOTOCICLISMO

Addio a Ivano Beggio, grande patron di Aprilia e scopritore di Rossi, Biaggi e Melandri

Ieri se n'è andato Ivano Beggio, storico patron di Aprilia, scopritore di talenti come Max Biaggi e Valentino Rossi e creatore di motociclette entrate nella storia. Grande appassionato, era malato da tempo: a comunicarne il decesso la famiglia, che fino all'ultimo ha rispettato il suo desiderio di riservatezza

Addio a Ivano Beggio, grande patron di Aprilia e scopritore di Rossi, Biaggi e Melandri
Ciao Ivano
Se ne va uno dei personaggi che hanno contribuito a creare il mito del motociclismo italiano vincente e creativo: dopo una lunga malattia, Ivano Beggio, storico patron Aprilia, è deceduto all'età 74 anni. La sua storia inizia a Noale negli anni 70, quando prende le redini della fabbrica di bici del padre, avviando in breve la produzione di moto e inventandosi il marchio Aprilia. La produzione si concentra subito sui modelli da fuoristrada, all'epoca quelli più richiesti dai ragazzi e  nel 1975 arriva l'impegno nelle competizioni (da sempre nel DNA Aprilia), dove Aprilia inizia a vincere un paio di anni più tardi. Gli anni 80 sono quelli che danno l'impulso maggiore all'azienda, la produzione di 50 e 125 decolla puntando forte anche sui modelli da strada: arrivano così le AS, RX, ET e ETX, nella seconda metà degli anni 80 è il turno di moto entrate nell'immaginario collettivo dei sedicenni di allora: Tuareg, RX e AF1. Il decennio successivo sarà sempre all'insegna delle ottavo di litro sportive, ma arrivano anche gli scooter, con l'invenzione della famiglia Scarabeo, che proietterà il marchio veneto ai vertici delle vendite. Gli anni 90 sono anche quelli della definitiva consacrazione nelle competizioni: nel 92 arrivano i primi titoli nel trial con Tommy Ahvala e la Climber e poi nel Motomondiale con la RS 125 guidata da Alessandro Gramigni. Inizierà poi l'epopea di Biaggi in 250 ,iridato con la casa veneta nel 1994, 1995, 1996. Dopo Biaggi sarà il turno di Valentino Rossi, giovane stella che con le moto di Noale si afferma in 125 nel 1997 e in 250 nel 1999. L'avventura di Beggio prosegue con l'arrivo delle grosse cilindrate stradali, dalla RSV che con Haga sfiorerà il mondiale SBK alle Pegaso 650 e Caponord. La storia si chiude nel 2004 con la cessione del gruppo, che nel frattempo aveva acquistato anche Laverda e Moto Guzzi, a Piaggio. Da lì, la scelta di ritirarsi a vita privata, da dove ogni tanto riappariva con dei post "per appassionati" sulla sua pagina facebook. 
Tutta la redazione di inSella si stringe attorno alla famiglia e porge le sue condoglianze. 


 
COMMENTI
Ritratto di AlbertoV896
14 Marzo 2018 ore 16:31
Ciao Ivano, grazie per l'impronta nel Motociclismo mondiale e perchè ci hai resi orgogliosi di essere Italiani in mezzo a politici che non riconosciamo e che hanno voluto distruggere l'industria Italiana. GRAZIEE
NOTIZIE CORRELATE
  • News
    18 Agosto 2018
    MotoGP news – Dopo aver tagliato il traguardo in 20esima posizione al Red Bull Ring, Scott Redding ha rilasciato dichiarazioni forti nei confronti della casa di Noale. Ora arrivano le scuse dell'inglese che, sul suo profilo Instagram, ha scritto: “Dal profondo del mio cuore dico che sono dispiaciuto per le mie parole oltraggiose”
  • News
    11 Agosto 2018
    La Casa di Noale sarebbe alle prese con un nuovo bicilindrico parallelo. Potrebbe trattarsi di una mezzolitro utile a colmare il buco in gamma che, per il momento, prevede solo piccole o grosse cilindrate. Il motore potrebbe essere un bicilindrico frontemarcia ricavato "dividendo in due" il quattro cilindri a V della RSV4. Al momento però, nulla è certo: per saperne di più bisognerà aspettare Intermot o EICMA
  • News
    03 Agosto 2018
    Il sei volte campione del mondo Max Biaggi sarà il volto sportivo di Aprilia, marca che ha rappresentato in pista e con cui ha conquistato molte vittorie, tra cui tre mondiali 250 e due titoli in Superbike. Il “Corsaro” ha dichiarato: “Sono orgoglioso di poter mettere in gioco la mia esperienza per supportare un brand tutto italiano nella sua crescita”