NOVITA' MOTOCICLISMO

Addio ad Arlen Ness, una vita dedicata al custom

Lo scorso venerdi 22 marzo è scomparso Arlen Darryl Ness, uno dei nomi più conosciuti nel panorama del custom mondiale: dalla fine degli anni Settanta ha saputo creare un stile inconfondibile, diventando uno dei customizer più noti a livello mondiale

Addio ad Arlen Ness, una vita dedicata al custom
Un mito del custom
Si è spento a 79 anni Arlen Darryl Ness, creatore di custom uniche e innovative, che hanno segnato gli anni 80 e 90 con uno stile raffinato e riconoscibilissimo. Nel post della sua pagina Facebook in cui la famiglia annuncia la scomparsa si legge: “Arlen Ness il visionario, marito, padre, nonno amorevole e capo della nostra famiglia è scomparso serenamente nella sua casa, circondato dai suoi cari dopo una delle vite più creative e ispirazionali che si possano immaginare. Le cose più importanti nella vita di Arlen erano la moglie di 59 anni, Beverly, i suoi figli, i nipoti, gli amici e le motociclette. Arlen una volta ha detto che ‘Il motociclismo è stato un grande viaggio .. tutta la mia vita da quando sono motociclista è stata meravigliosa. Ho incontrato tante belle persone. amici in tutto il mondo .... Posso andare quasi ovunque e incontrare amici. È stato grandioso". Nato a Moorhead, nel Minnesota, il 12 luglio 1939, prima d’iniziare con le moto lavorò come addetto al montaggio dei birilli in un bowling locale, gareggiando in campionati semi-professionistici. Agli inizi degli anni Settanta Arlen acquistò la sua prima moto - una Harley-Davidson Knucklehead del 1947 – che subito personalizzò. Fu in quegli anni che iniziò a lavorare sulle moto. E da allora ha saputo dare un’impronta inconfondibile alle sue creazioni, tracciando una nuova strada per le customizzazioni: le sue creature erano moto basse, caratterizzate dagli interassi abbondanti e forcelle inclinate e, codini lunghi e avvolgenti, tante parti in alluminio e colorazioni vivaci. Dopo essersi affermato negli Stati Uniti, ha saputo alimentare la sua fama all’estero cavalcando la globalizzazione del mondo custom avvenuto alla fine degli anni Novanta grazie a Discovery Channel e poi a Internet. Arlen ha dato vita a una stirpe di customizzatori: il figlio Cory e il nipote Zach continuano oggi a portare avanti l’azienda famigliare, oggi la Arlen Ness Motorcycles si è trasferita in una struttura di Dublino, in California, dove si trova il museo con esposte oltre 40 delle custom più famose di Arlen.


NOTIZIE CORRELATE
  • News
    11 Febbraio 2020
    Ci lascia Giancarlo Morbidelli, spentosi all'ospedale di Fano dopo una lunga malattia. Imprenditore-sognatore, Morbidelli ha dato creato prototipi che hanno fatto incetta di titoli nel Motomondiale
  • News
    07 Settembre 2019
    A seguito dell’improvvisa morte di Carlin Dunne, durante l’ultima edizione della Pikes Peak International Hill Climb, Ducati ha deciso di mettere due oggetti all’asta per sostenere la Carlin Dunne Foundation. Si tratta di una Panigale V4 25° Anniversario 916 (la numero 5 su 500) prodotte in edizione limitata e della tuta di Chaz Davies con cui ha vinto Gara 2 a Laguna Seca
  • News
    01 Agosto 2019
    Nella notte tra mercoledì 31 luglio e giovedì 1 agosto è venuto a mancare improvvisamente Luca Semprini, negli anni si era fatto apprezzare come giornalista sportivo, per poi passare in Ducati seguendo prima il team SBK e, da quest'anno, quello MotoGP