SPORT

Sei Giorni, tutte le coordinate e i consigli per seguirla dal vivo

Valter Carbone ci spiega quali sono le prove più selettive e spettacolari, tutte comunque facilmente raggiungibili in macchina o moto. Per i primi tre giorni si rmane nel pavese, poi ci sposta nell'alessandrino. Giornata conclusiva dedicata al cross nell'impianto di Cassano Spinola

Sei Giorni, tutte le coordinate e i consigli per seguirla dal vivo
La Sei Giorni di enduro è un incredibile spettacolo di abilità tecniche fuori dal comune e passione motociclistica in un contesto naturale di valore assoluto. Inoltre non è assolutamente usuale avere la possibilità di assistere a uno show di tale livello, se consideriamo che la Six Days ha fatto tappa in Italia per l'ultima volta nel 2013, per di più in Sardegna. Insomma, l'ISDE merita sicuramente una visita nell'arco della settimana, tanto più che non si paga il biglietto, eccezion fatta per la prova cross nella giornata conclusiva di sabato.

Un programma intenso
Il quartier generale della gara è all'aeroporto di Rivanazzano Terme, lungo la Torino-Piacenza, vicino a Voghera. Ci sono alloggiati gli oltre 600 piloti e team che in questi giorni sono impegnati nel pavese e nell'alessandrino. Prima che i partecipanti vadano a lasciare la moto in parco chiuso al termine della giornata di gara, li si può ammirare mentre fanno manutenzione senza l'ausilio dei meccanici. Cambio gomme, controllo raggi, ingrassatura catena, cambio filtro, tutto deve avvenire in 15' per i pro e 18' per i club. I primi tre giorni (lunedì, martedì, mercoledì) le prove si svolgono sulle colline del pavese, il tutto comunque nel raggio di una cinquantina di chilometri. Casa Tui (N44°52.873' E9°02.043'), Stellara (N44°53.810' E9°00.053'), Val di Nizza (N44°53.148' E9°10.548') e Bagnaria (N44°49628' E9°07.059') rappresentano i cross test; Maginot (N44°54.509' E9°02.953') e Casanova (N44°46.179' E9°14.375') le prove enduro.

La seconda parte
Per i giorni 4 e 5 ci si sposta nell'alessandrino, per altre sei prove. Il programma di gara è sempre molto intenso, con i piloti impegnati 8 ore al giorno, per circa 200km. Dalla valle di Staffora quindi il palcoscenico si trasferisce in valle di Curone: Stellara (N44°53.810' E9°00.053') e Ca dell'Aglio (N44°49.713' E9°02.567')  sono i cross test, Monleale (N44°53.115' E8°58.462') e  Selvapiana (N44°45.566' E9°10.465') gli enduro test. Il sesto giorni invece è dedicato alla prova di cross conclusiva, attrezzata nell'impianto di Cassano Spinola (uscita A7 Serravalle Scrivia). Le gare si terranno tra le 8.30 e le 12.30, il biglietto costa 12 euro (10 euro il ridotto tesserati FMI) e i minori di 8 anni entrano gratis, ma ci saranno solo 2mila500 posti disponibili.

Dove andare
Per raggiungere le prove – che prevedono anche il parcheggio per chi le raggiunge in macchina, anche se in moto è tutto più semplice- basta inserire in Google Maps le coordinate sopra indicate. Per scegliere lo spot migliore invece vi rimandiamo al video realizzato con Valter Carbone, presidente regionale Piemonte della FIM e membro del comitato organizzatore, che ci ha dato qualche consiglio da profondo conoscitore delle prove ed endurista di vecchia data.

 



NOTIZIE SPORT CORRELATE
  • Off-Road
    17 Ottobre 2021
    Mondiale motocross 2021 - A Intu Xanadù oggi va in scena il tredicesimo appuntamento del modiale cross. Herlings è, ome sempre, il pilota da battere, Febvre e Gajser cercherano di strappargli la tabella rossa di leader del campionato ma non sarà impresa facile. Seguite la gara in diretta con la nostra cronaca!
  • Off-Road
    17 Ottobre 2021
    Mondiale motocross - In Spagna a Intu Xanadù si sta correndo il tredicesimo round del mondiale cross, i più veloci nelle qualifiche sono Herlings in MXGP e Geerts in MX2. I protagonisti sono invariati, è tutto pronto per le gare di oggi. Il nostro Cairoli è undicesimo nelle cronometrate
  • Off-Road
    16 Ottobre 2021
    Avvincente e storico epilogo nel mondiale speedway, Artem Laguta ha conquistato il titolo iridato battendo il favorito Bartosz Zmarzlik. Il russo ha iscritto per la prima volta il suo nome e quello della Russia nell’albo d’oro dello speedway individuale.