SPORT

SBK Spagna, Bautista vince Gara 1 ed è nuovamente campione mondiale

Nella prima parte di gara Razgalioglu ha provato a insidiare il rivale, ma a Jerez Bautista è fortissimo e non c’è stato nulla da fare: lo spagnolo è campione mondiale Superbike anche nel 2023

SBK Spagna, Bautista vince Gara 1 ed è nuovamente campione mondiale

Alvaro Bautista è l’uomo d’oro, campione mondiale Superbike anche nel 2023 e dominatore di Gara 1 nel round Spagna, ultimo appuntamento di quest’anno. “Vincere il titolo è bello, difenderlo ancora di più – ha detto entusiasta dopo l’arrivo –. Vincerlo nella mia gara di casa è qualcosa che non avrei immaginato nemmeno nei miei sogni migliori”.

Razgalioglu ci ha provato

Nella prima parte di gara Toprak Razgalioglu ha fatto l’impossibile tentando di strappargli almeno la vittoria, ma a Jerez lo spagnolo è fortissimo e non c’è stato nulla da fare: quando la gomma ha cominciato a consumarsi il turco ha dovuto lasciarlo andare. Bautista ha vinto solitario e la Ducati ha portato a casa anche il titolo Piloti, dopo quello Costruttori. Magliette celebrative e striscioni erano pronti da tempo, ed erano pronti da tempo anche casco, tuta, stivali e guanti dorati che Alvaro ha indossato a metà del giro di rientro, in mutande davanti al suo pubblico. Ci sono giorni in cui tutto è permesso…

“Razga” lo ha abbracciato, da gran signore. Il turco è stato sconfitto ma merita l’onore delle armi: ha superato le difficoltà delle prove dimostrandosi il solito eccezionale combattente, e ha promesso di riprovarci domani.

Locatelli sul podio

Al terzo posto il suo compagno di squadra Andrea Locatelli, a sua volta autore di una grande gara. Partiva molto indietro ma ha recuperato con una grinta incredibile, nella sua rimonta ha piazzato un paio di sorpassi magistrali a due vecchi lupi come Jonathan Rea ed Alex Lowes, e si è guadagnato un bel podio. Probabilmente non sarebbe potuto andare più avanti nemmeno se fosse partito dalle prime due file, ma è bello rimanere col dubbio.

 

Rea è quarto

È curioso osservare che i risultati della gara non rispettano l’andamento delle prove: secondo e terzo posto per le due Yamaha ufficiali che sembrava in crisi, quarto e settimo per le due Kawasaki che parevano essere nella stessa situazione. Invece Rea si conferma un combattente coriaceo e anche in una giornata non facile ha concluso nelle posizioni che contano, subito dietro a Locatelli.

Alle spalle dei primi c’è stata una bella bagarre nella quale Danilo Petrucci si è fatto onore: partiva indietro anche lui, dalla stessa fila di Locatelli, ed è risalito fino alla quinta posizione concludendo a 6 decimi da Rea. Non sono riusciti a resistergli né Philipp Oettl né Lowes, sesto e settimo, mentre nello stesso gruppetto Michael Ruben Rinaldi ha toccato Axel Bassani: il pilota del team Motocorsa è finito a terra ma nella classifica degli ”indipendenti” conserva ancora un vantaggio di 28 punti su Petrucci, Rinaldi è stato punito con un long lap eppure grazie al vantaggio che aveva su Iker Lecuona ha mantenuto la sua ottava posizione. Particolare non trascurabile: sarà proprio Rinaldi a sostituire Bassani nel team Motocorsa l’anno prossimo. Cominciamo bene...

A punti anche il nostro Lorenzo Baldassarri, 12º alle spalle di Tito Rabat, il quale in sella alla Kawasaki ufficiale ottenuta per questa gara ha colto il miglior risultato della stagione.

Da registrare anche la prova sfortunata delle due Yamaha GYTR GRT: nelle prove avevano brillato, in gara Remy Gardner è caduto e Dominique Aegerter è stato vittima di grossi problemi tecnici che lo hanno relegato in penultima posizione, 18º.

Questi i primi sei di Gara 1

 

1. Alvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati)

2. Toprak Razgatlioglu (Pata Yamaha Prometeon WorldSBK) +1.195

3. Andrea Locatelli (Pata Yamaha Prometeon WorldSBK) +9.071

4. Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) +10.065

5. Danilo Petrucci (Barni Spark Racing Team) +10.661

6. Philipp Oettl (Team GoEleven) +11.538

Giro veloce: Toprak Razgatlioglu (Yamaha), 1’40.351

 

Classifica del Campionato

1. Alvaro Bautista (Aruba.it Racing – Ducati) 591 punti

2. Toprak Razgatlioglu (Pata Yamaha Prometeon WorldSBK) 526

3. Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) 363

4. Andrea Locatelli (Pata Yamaha Prometeon WorldSBK) 316

5. Axel Bassani (Motocorsa Racing) 244

6. Michael Ruben Rinaldi (Aruba.it Racing – Ducati) 241

 



NOTIZIE SPORT CORRELATE