SPORT

SBK Indonesia, Rea a un soffio da Razgatlioglu dopo la prima giornata di prove

Toprak Razgatlioglu rimane sempre il più veloce e anche il favorito per la vittoria del titolo mondiale; ma Jonathan Rea, dopo avere perso tutte le FP1 cercando di sistemare la sua Kawasaki, nelle FP2 ha accelerato decisamente il passo e ora ha il secondo tempo assoluto

SBK Indonesia, Rea a un soffio da Razgatlioglu dopo la prima giornata di prove
Alla fine della prima giornata di prove del round in Indonesia, ultima prova del mondiale Superbike, Toprak Razgatlioglu rimane sempre il più veloce e anche il favorito per la vittoria del titolo mondiale; la situazione però è cambiata e Jonathan Rea, l’unico ancora in grado di fare lo sgambetto al turco, può tirare un sospiro di sollievo. Dopo avere perso tutte le FP1 cercando di sistemare la sua Kawasaki, nelle FP2 il nordirlandese ha accelerato decisamente il passo ed ora ha il secondo tempo assoluto con un distacco dalla vetta che si è ridotto da 2“4 a 0”174. In cima alla classifica dei tempi però rimane il turco della Yamaha, che mostra una sicurezza disarmante. Continua ad esibirsi in staccate da brivido e su una pista che è nuova per tutti martella tempi mozzafiato. Ha 30 punti di vantaggio su Rea, potrebbe diventare campione già dopo la prima delle tre gare in programma.



Classifica con poche novità
Anche se tutti i piloti hanno abbassato il proprio tempo della prima sessione la graduatoria non è stata stravolta: al terzo posto c’è di nuovo Garrett Gerloff, il suo distacco dal leader però si è ridotto a 0”225, così come si è mantenuta la differenza di mezzo secondo tra l’americano e Axel Bassani che conserva ancora qualche speranza di strappargli il primato tra gli “indipendenti”, ma ha solo il 10º tempo della giornata.
Invece è risalito Alvaro Bautista, ha risolto i problemi delle FP1 e si è portato al quarto posto, mentre il suo compagno di squadra Leon Haslam è sesto: sul Pertamina Mandalika International Street Circuit le Honda sembrano molto competitive, e tra di loro – quinto – si è inserito Scott Redding, uomo di punta della Ducati.
Sono tutti vicinissimi, mentre è leggermente più staccato Alex Lowes, al rientro dall’infortunio alla mano; il compagno di squadra di Rea è stato protagonista di una innocua scivolata ed ha il settimo tempo ad oltre mezzo secondo da “Razga”. Appena dietro di lui, ottavo, Andrea Locatelli che per ora sta mantenendo le carte coperte. Seguono Michael van der Mark, Bassani e Michael Ruben Rinaldi.


Questi i primi sei alla infine delle prove del venerdì
1. Toprak Razgatlioglu (Pata Yamaha with Brixx WorldSBK) 1’34.230
2. Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) +0.174
3. Garrett Gerloff (GRT Yamaha WorldSBK) +0.225
4. Alvaro Bautista (Team HRC) +0.230
5. Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati) +0.349
6. Leon Haslam (Team HRC) +0.371

 

 



NOTIZIE SPORT CORRELATE
  • SuperBike
    01 Agosto 2022
    SBK news – Le due gare della domenica, Superpole Race e Gara2, portano il nome del campione in carica Toprak Razgatlioğlu, che è riuscito a imporsi sugli avversari con strategia e intelligenza. Il turco ha raccontato dal suo punto di vista il duello avuto con Bautista alla guida della sua Yamaha R1 con cui ha accorciato il distacco in campionato
  • SuperBike
    01 Agosto 2022
    SBK news – Una vittoria e un secondo posto, questo il bottino di Alvaro Bautista nelle due gare disputate in Repubblica Ceca, dove ha mantenuto la vetta nella classifica iridata e ha fatto parte die protagonisti. Podio per Michael Rinaldi il sabato, scivolata la domenica quando era terzo
  • SuperBike
    31 Luglio 2022
    Con una strategia da manuale Toprak Razgatlioglu ha vinto anche Gara 2 del round Repubblica Ceca e va in vacanza più fiducioso sulle sorti del campionato. Il mondiale Superbike è esattamente a metà del suo corso e si ferma per sei settimane: tornerà in pista a Magny Cours, Francia, nel weekend dell’11 settembre. In due round il turco ha ridotto da 79 a 38 punti il suo svantaggio da Alvaro Bautista, leader della classifica, e a 7 da Jonathan Rea, secondo. Il distacco è ancora sensibile ma la strada è lunga e c’è tutto il tempo per recuperare.