SPORT

SBK Indonesia, Rea si consola vincendo anche gara 2 sotto la pioggia

Con Toprak Razgatlioglu già matematicamente campione del mondo dopo gara 1, non è che la seconda gara del round Indonesia, ultima prova del campionato del mondo Superbike, avesse modo da dire. Perdipiù si è disputata sul bagnato e gli organizzatori sono stati costretti ad accorciarla da 21 a 12 giri soltanto. Invece è stata divertentissima e se non è servita a modificare una classifica ormai congelata, ha comunque dato un contentino al campione uscente Jonathan Rea, nuovamente vincitore e sul podio per la 215a volta in carriera.

SBK Indonesia, Rea si consola vincendo anche gara 2 sotto la pioggia
Rea chiude in bellezza
Era partito in testa Razgatlioglu ma ben presto sono stati il nordirlandese della Kawasaki e Scott Redding a passare al comando e a lottare per la vittoria. L’ultimo giro è stato da brividi, i due si sono superati tre volte e solo incrociando la traiettoria dopo l’ultimo tentativo del pilota Ducati, Rea è riuscito ad avere la meglio nella volata finale.
Si prospettava un’altra grande giornata di Axel Bassani, con il terzo gradino del podio alla sua portata dopo avere saltato Razgatlioglu, ma è caduto al quarto giro a seguito di un contatto con Michael van der Mark e l’occasione è sfumata, insieme alla speranza di conquistare la palma di miglior ”indipendente”. Sul terzo gradino del podio dunque è salito l’olandese della BMW che si conferma ”mago della pioggia”. Dietro di lui ”Razga”, ormai sazio e appagato, e al quinto posto Tom Sykes che ha chiuso la sua esperienza con la BMW a testa alta
Garrett Gerloff dopo la caduta di Bassani aveva già in tasca la qualifica di miglior privato dell’anno e l’ha confermata con il sesto posto, primo dei ”non ufficiali”, seguito dal compagno di box Kohta Nozane.
Andrea Locatelli e Michael Ruben Rinaldi erano in lotta per l’ottavo posto in gara e il quarto campionato ma è stato il riminese della Ducati a decidere tutto, cadendo nelle fasi finali e lasciando il “tesoretto” al pilota di Selvino, decisamente il miglior rookie del campionato. Un’altra buona prova per il privato Isaac Viñales, nono, e dietro di lui Alvaro Bautista. Chaz Davies ha chiuso l’ultima gara della carriera con un 12º posto davanti a Christophe Ponsson e appende il casco al chiodo con un totale di 2999,5 punti conquistati. Appena mezzo punto meno del traguardo psicologico di 3000 punti… E non può nemmeno dire che sarà per la prossima volta.


Questi i primi sei di gara 2

1. Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK)
2. Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati) +0.283
3. Michael van der Mark (BMW Motorrad WorldSBK Team) +7.437
4. Toprak Razgatlioglu (Pata Yamaha with Brixx WorldSBK) +10.641
5. Tom Sykes (BMW Motorrad WorldSBK Team) +21.707
6. Garrett Gerloff (GRT Yamaha WorldSBK Team) +24.555
Giro veloce: Scott Redding (Ducati): 1’42.390
 
Classifica FINALE del Campionato 2021:
1. Toprak Razgatlioglu (Pata Yamaha with Brixx WorldSBK) 564
2. Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) 551
3. Scott Redding (Aruba.it Racing – Ducati) 501
4. Andrea Locatelli (Pata Yamaha with Brixx WorldSBK) 291

 



NOTIZIE SPORT CORRELATE
  • SuperBike
    30 Novembre 2021
    SBK news - La settimana successiva all'ultimo round stagionale è uscita la prima versione provvisoria del calendario della prossima stagione della Superbike. Una sola tappa si svolgerà in Italia, a Misano, ed è ancora da decidere il circuito che ospiterà l'ultimo round
  • MotoGP
    22 Novembre 2021
    SBK news – Ha vinto entrambe le gare in Indonesia, Jonathan Rea, ma questo non è bastato per strappare il titolo dalle mani di Toprak Razgatlioglu che ha interrotto una serie di successi durata sei anni. Il nord-irlandese ha raccontato le sue sensazioni e ha fatto i complimenti al rivale 
  • SuperBike
    22 Novembre 2021
    SBK news – L’ultimo round della stagione è stato decisivo per incoronare il campione del mondo 2021, ma anche per assegnare il titolo costruttori e Yamaha ha fatto piazza pulita. Toprak Razgatlioglu ha vinto il titolo piloti con il secondo posto in Gara2, dopo 12 anni dall’ultimo pilota della Casa di Iwata, e Yamaha ha potuto festeggiare anche il titolo costruttori